menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iniziano i saldi estivi, lo sconto medio è del 30%: come evitare fregature

È quanto emerge dall’indagine telefonica condotta da Confesercenti Emilia Romagna su un campione di imprese associate di tutta la regione

"Dopo un andamento delle vendite molto al rilento, nel periodo marzo/giugno di quest’anno, i negozi sono ancora pieni di merce e si apprestano a iniziare il periodo dei saldi estivi - che si apriranno sabato 6 luglio in tutta la regione - con ottimi sconti e un’ampia scelta a disposizione dei consumatori". È quanto emerge dall’indagine telefonica condotta da Confesercenti Emilia Romagna su un campione di imprese associate di tutta la regione, che ha messo in evidenza come nel periodo marzo/giugno del 2019 le vendite dei prodotti della collezione primavera/estate abbiano fatto registrare un riduzione rispetto allo stesso periodo del 2018. È quanto dichiarato dal 79% degli intervistati.

La diminuzione è stata fino al 15% per il 26% degli intervistati, dal 20 al 25% per il 28% delle imprese e dal 30 al 35% per il 36% del campione, mentre il 10% delle imprese ha denunciato un calo che è andato oltre il 35%. La causa principale di questo calo è da ricercare nelle condizioni metereologiche (condizione indicata da quasi l’88% delle imprese). Per questo motivo, la stagione dei saldi che si aprirà nel fine settimana sarà particolarmente interessante per i consumatori e pieno di aspettative per gli imprenditori commerciali. Un quarto delle imprese, infatti, si aspetta per questo periodo un incremento delle vendite rispetto a quelle dell’anno passato e gli sconti applicati partiranno subito con una percentuale media del 30%.

“Grande assortimento di prodotti e sconti assolutamente interessanti aspettano i consumatori nei negozi della nostra regione – afferma Dario Domenichini, Presidente di Confesercenti Emilia Romagna – per un appuntamento, quello dei saldi estivi, che, secondo una stima del nostro Centro Studi, vale circa 424 milioni di euro, per una spesa pro-capite di 95 euro". Il settore più coinvolto è sicuramente quello dell’abbigliamento e calzature, che conta in Emilia-Romagna oltre 9.000 negozi.

Gli sconti applicati e i consigli per evitare fregature

Approfittare dei saldi significa acquistare prodotti di qualità a prezzi scontati che possono variare dal 5% al 70% del costo iniziale. Sia nei negozi fisici che in quelli online, gli esercenti invogliano all’acquisto ribassando ulteriormente i prezzi nell’ultimo periodo, motivo per cui è sempre consigliabile approfittarne il prima possibile o cercare il “capo del desiderio” online per evitare code.

Come sempre, il consiglio è quello di stare bene attenti per evitare fregature. "La legge prevede che i saldi non riguardino tutti i prodotti, ma solo quelli di carattere stagionale e quelli suscettibili di notevole deprezzamento se venduti durante una certa stagione o entro un breve periodo di tempo, in quanto fortemente legati alla moda", spiegano le Fiamme Gialle, ricordando che "il venditore è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato; se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, sarà bene comunicarlo al negoziante e non esitare, in caso di difficoltà, a contattare l’ufficio di Polizia Annonaria del Comune". Inoltre, chiariscono i finanzieri, il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in vendita durante i saldi non si possono cambiare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento