Grande distribuzione, i dipendenti incrociano le braccia: "Federdistribuzione nega il contratto"

Nel territorio ravennate sono coinvolti i lavoratori del gruppo Cash & Carry, dei punti vendita Famila, del gruppo Zara e di qualche altra realtà di minori dimensioni

Dopo la rottura delle trattative, lo scorso 13 aprile, per la definizione del primo contratto collettivo nazionale di lavoro per le aziende aderenti a Federdistribuzione, le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, e Uiltucs Uil proclamano per sabato altre 8 ore di sciopero dopo le 8 ore già svolte lo scorso 6 maggio. Nel territorio ravennate sono coinvolti i lavoratori del gruppo Cash & Carry, dei punti vendita Famila, del gruppo Zara e di qualche altra realtà di minori dimensioni.

"Le ragioni della rottura - spiegano i sindacati - sono da ricondurre alle condizioni inderogabili e non negoziabili poste da Federdistribuzione per la sigla del contratto collettivo nazionale, nello specifico la destrutturazione del sistema di inquadramenti utilizzando la leva del Jobs Act; l'imposizione di norme destinate a consentire alle aziende di derogare a tutte le norme del futuro Ccnl  anche in assenza di accordo tra le parti a livello aziendale; la definizione di aumenti salariali che determinerebbero al 31 dicembre 2018 una massa salariale di 1.831 euro al quarto livello a fronte dei 3.000 euro previsti alla stessa data e al medesimo livello di inquadramento dal Ccnl  applicato ai dipendenti delle altre aziende del commercio non associate a Federdistribuzione, ossia alla stragrande maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori dello stesso settore".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Porre a 28 mesi dall'inizio dei negoziati tali condizioni inderogabili e non negoziabili dimostra che l'asserita volontà di Federdistribuzione di realizzare un'intesa è priva di fondamento - continuano i sindacati -. Federdistribuzione vorrebbe imporre un diktat inaccettabile attraverso cui realizzare un evidente vantaggio competitivo a danno dei propri dipendenti. In aggiunta a ciò è emersa palese la volontà di Federdistribuzione di modificare in peggio le norme contrattuali sul mercato del lavoro, l'orario di lavoro e la bilateralità, con particolare riferimento ai sistemi di welfare (assistenza e previdenza integrativa), determinando un danno aggiuntivo per i dipendenti delle imprese ad esse associate".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento