rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Economia

Sicurezza, commissioni bancarie e Pos per benzinai e tabaccai: il caso in Parlamento

Il deputato Giovanni Paglia (Sel) ha depositato la suddetta proposta di risoluzione trovando l’appoggio e la firma degli onorevoli del Partito Democratico Alberto Pagani, Daniele Montroni (Imola) ed Emma Petitti (Rimini)

E’nata e partita da Ravenna ed è ora all’esame della Commissione Finanze della Camera una risoluzione su sicurezza, commissioni bancarie e Pos, frutto dell’incontro dello scorso mese tra le categorie ed i parlamentari eletti nel nostro territorio. Il deputato Giovanni Paglia (Sel) ha depositato la suddetta proposta di risoluzione trovando l’appoggio e la firma degli onorevoli del Partito Democratico Alberto Pagani, Daniele Montroni (Imola) ed Emma Petitti (Rimini): benzinai e tabaccai finalmente al centro di una proposta concreta che riguarda la vita quotidiana delle loro aziende.

Nella mozione si fa riferimento alle difficoltà riscontrate dalle Categorie che, oltre a svolgere servizi di pubblica utilità, riscuotono per lo Stato accise (benzinai) e aggi sul Monopolio (tabaccai), ma sono lasciate prive di strumenti di tutela e prevenzione di atti criminosi: l’ammontare di contante vede entrambe le tipologie di imprenditori nel mirino di delinquenti e malavitosi che sempre più spesso agiscono indipendentemente dall’orario e anche armati.

Nella risoluzione, discussa con i sindacati di categoria di Confesercenti Faib e Assotabaccai, si segnala come priorità l’esigenza di favorire l’uso della moneta elettronica proprio per combattere i furti e le rapine, constatando però l’elevato costo che devono sostenere gli imprenditori per permettere i pagamenti con carte di credito. Affitto del Pos e soprattutto commissioni sulle transazioni hanno raggiunto un livello di costi esagerato, mettendo seriamente in difficoltà gli imprenditori che da un lato vorrebbero tutelarsi e favorire l’uso della moneta elettronica e dall’altro non dover creare un disservizio alla clientela che oggi più che mai difficilmente si fidelizza.

La richiesta che viene, dunque, fatta al Governo è quella di (come dal testo della risoluzione) “prevedere la completa gratuità per ulteriori 12 mesi delle transazioni effettuate presso impianti di distribuzione di carburante e presso le rivendite di tabacchi per servizi prestati dalle stesse, per conto dello Stato, all'utenza, in attesa della completa abrogazione della commissione applicata.” Si richiedono inoltre incentivi e forme di defiscalizzazione per l’adozione di sistemi di sicurezza attiva e passiva per ridurre ulteriormente il rischio di esposizione a furti e rapine.

Sara Reali, Coordinatrice prov.le della Faib Confesercenti di Ravenna, a nome dell’associazione “ringrazia l’On. Giovanni Paglia e gli altri onorevoli firmatari per l’impegno e l’attenzione avuta alle problematiche delle Categorie coinvolte, auspicando un esito positivo e unanime in commissione e successivamente le risposte del Governo. Sono temi su cui le categorie sono anche in stato di agitazione nei prossimi giorni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, commissioni bancarie e Pos per benzinai e tabaccai: il caso in Parlamento

RavennaToday è in caricamento