Economia

"Sismabonus", un incontro sull'adeguamento sismico degli edifici

In vigore da febbraio 2017, il decreto contiene le linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni, dando piena attuazione e operatività al "Sismabonus"

E’ in programma per venerdì 20 a partire dalle 12 alla Camera di Commercio di Ravenna un convegno sul tema “Accesso al Sismabonus per la messa in sicurezza degli edifici – Il consolidamento e l’adeguamento sismico nel progetto di riqualificazione”, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ravenna. Vista l’importanza della tematica, l’incontro è rivolto non solo agli ingegneri e agli altri professionisti (per i quali sono previsti specifici crediti formativi) ma – nella prima parte - all’intera cittadinanza. Alle 12, infatti, dopo i saluti istituzionali, è prevista la relazione tecnica “semplificata” da parte dell’ingegner Andrea Barocci, seguita da un coffee break per tutti i convenuti; poi, dalle 14.30, si terrà uno specifico seminario riservato alla rete delle professioni tecniche (Ingegneri, Architetti, Geometri e Periti), che proseguirà per l’intero pomeriggio. Obiettivo del seminario è fornire ai tecnici partecipanti tutti gli strumenti operativi per approcciarsi al meglio alle linee guida del decreto e attuarne le indicazioni nella pratica professionale.

Il "Sismabonus"

In vigore da febbraio 2017, il decreto contiene le linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni, dando piena attuazione e operatività al Sismabonus, previsto nella Legge di Bilancio 2017. Le linee guida definiscono 8 Classi di Rischio, con rischio crescente dalla lettera A+ alla lettera G. La determinazione della classe di appartenenza di un edificio può essere condotta secondo due metodi, tra loro alternativi, l’uno convenzionale e l’altro semplificato, quest’ultimo con un ambito applicativo limitato. Il metodo convenzionale è concettualmente applicabile a qualsiasi tipologia di costruzione; è basato sull'applicazione dei normali metodi di analisi previsti dalle attuali Norme Tecniche e consente la valutazione della Classe di Rischio della costruzione sia nello stato di fatto, sia nello stato conseguente all’intervento di miglioramento/consolidamento. Il metodo semplificato si basa su una classificazione macrosismica dell'edificio; è indicato per una valutazione speditiva della Classe di Rischio dei soli edifici in muratura e può essere utilizzato sia per una valutazione preliminare indicativa, sia per valutare, limitatamente agli edifici in muratura, la classe di rischio in relazione all’adozione di interventi di tipo locale. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sismabonus", un incontro sull'adeguamento sismico degli edifici

RavennaToday è in caricamento