Sabato, 16 Ottobre 2021
Economia

Tirocinio semestrale per venti giovani disoccupati grazie a “Botteghe di mestiere”

Una ventina di giovani disoccupati o inoccupati, aspiranti panificatori desiderosi di apprendere il mestiere, ed un pool di aziende sul territorio in grado di ospitarli e di accompagnarli in una reale esperienza

Una ventina di giovani disoccupati o inoccupati, aspiranti panificatori desiderosi di apprendere il mestiere, ed un pool di aziende sul territorio in grado di ospitarli e di accompagnarli in una reale esperienza di apprendimento sul campo, attraverso due lunghi periodi di inserimento “on the job”, entrambi di sei mesi.

E un soggetto esperto e ormai riconosciuto in ambito internazionale, il Club Arti & Mestieri, a garantire la formazione. Questi gli ingredienti del progetto “Maestri e allievi, la bellezza ed il gusto di imparare”, approvato all’interno del programma AMVA “Botteghe di mestiere”, promosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, e attuato da Italia Lavoro, in qualità di Agenzia Tecnica: progetto che ha la finalità di proporre un modello di formazione rivolto agli under 29, per favorire un processo di riscoperta dei mestieri artigianali.
 

Il primo ciclo di tirocini ha preso il via nelle scorse settimane, e coinvolge i primi dieci tirocinanti, che sono stati selezionati fra quanti hanno presentato la loro candidatura attraverso la piattaforma informatica di Italia Lavoro.

I partecipanti - durante il periodo di formazione - riceveranno una borsa mensile di 500 euro, ma soprattutto acquisiranno conoscenze, competenze e capacità per trovare un’occupazione o per avviare un’attività artigianale in proprio. Il secondo corso, con gli altri dieci giovani, prenderà il via nella prossima primavera.
 

Grazie a questa attività, il Club Arti & Mestieri - il sodalizio internazionale con sede a Ravenna, che ha come scopo la promozione della cucina e della panificazione artigianale - consolida la propria esperienza anche in ambito formativo. Sempre più, infatti, l’associazione presieduta da Fausto Rivola sta cercando di abbinare nell’attività quotidiana l’organizzazione di eventi promozionali e diretti al grande pubblico (come il recente stand gestito ad Agro.Ge.Pa.Ciok a Lecce, o l’ormai abituale appuntamento al Sigep di Rimini) con l’ideazione e la realizzazione di corsi di formazione per giovani che vogliano dedicarsi all’arte bianca: come accade già da qualche anno grazie a scambi fruttuosi con la Gran Bretagna, ad esempio, o come accade grazie all’attività di formazione svolta all’interno del carcere di Ravenna, e volta a fornire una professionalità spendibile sul mercato a giovani detenuti che stanno per tornare in libertà, con la necessità di trovare un lavoro.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tirocinio semestrale per venti giovani disoccupati grazie a “Botteghe di mestiere”

RavennaToday è in caricamento