rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Economia

Turismo natalizio, Ancisi: "Ravenna è la città cenerentola"

“In dicembre, Ravenna Città ha censito +0,4% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2015, ma -3,9% di  pernottamenti"

L’assessore al turismo Costantini nel gennaio scorso anticipò che “nel mese di dicembre gli arrivi di turisti sono aumentati del 2,72 per cento e le presenze del 4,20 rispetto allo stesso periodo del 2015”, ragion per cui “per ora possiamo dire che la prima esperienza della nuova veste e della nuova offerta che abbiamo proposto durante le festività natalizie è stata positiva”. Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, però non ci sta: “Questa associazione dimostra però - dati alla mano della Regione, resi disponibili con grande ritardo -  di avere le gambe corte”.
 
I DATI
“In dicembre, Ravenna Città ha censito +0,4% di arrivi rispetto allo stesso periodo del 2015, ma -3,9% di  pernottamenti. Tale ultimo dato, quello che per l’economia turistica conta più che il mordi-e-fuggi, appare catastrofico se confrontato con quello dell’intera regione, pari a +17,8%; con quello delle città capoluogo dell’Emilia-Romagna, pari a + 19,1%; ma anche con quello dell’intera provincia di Ravenna, pari a +7,1%: qui gli altri comuni, grazie soprattutto a Cervia e Faenza, hanno registrato perfino 1.482 presenze più dell’intero territorio ravennate, compreso il litorale. Ancora più schiacciante è comunque il confronto sugli arrivi: + 17,8% in regione, +19,1% nei capoluoghi della regione e +10,6% nella nostra provincia, tirata giù proprio dal comune di Ravenna. Nel mese di dicembre 2016, a fronte di un turismo italiano ovunque largamente in espansione, Ravenna, con il proprio inestimabile patrimonio di città d’arte, è stata dunque la cenerentola dell’Emilia-Romagna, delle città capoluogo della regione e perfino delle città turistiche della propria stessa provincia. Basta guardare il +36,4% dei pernottamenti di Cervia, dove il turismo d’inverno, senza l’appeal storico/culturale di Ravenna, ha organizzato e promosso delle ottime e brillanti  “Emozioni di Natale” sostiene Alvaro Ancisi. Gli “aumenti” anticipati e mai dimostrati, neppure all’Open Day, dall’assessore, pur essi stessi fallimentari in ogni più ampio contesto territoriale (quasi come la crescita renziana del PIL italiano in ambito europeo), derivano dalla somma dei dati di Ravenna Città con quelli di Ravenna Mare, nella quale il programma delle attività pre-natalizie e natalizie, il famoso Mare d’Inverno, è stato totalmente assente, e la cui maggiore ricettività è dislocata non a caso vicino a Cervia e alla sua  più intensa attrattività turistica. Peraltro, sia per Ravenna Città che per Ravenna Mare, i dati di dicembre sono enormemente inferiori agli aumenti di ottobre e novembre, quasi che in dicembre ci sia stato un fuggi fuggi verso altri più amabili Natali. Sta tutto qui il vero “successo” della “della nuova veste e della nuova offerta che abbiamo proposto durante le festività natalizie”, vendute troppo superficialmente all’informazione pubblica locale”.
 
 

I COSTI
“I dati sui costi del turismo natalizio ravennate sono pari ad oltre 185 mila euro: 125 mila per le proiezioni di luce sugli edifici storici, 30 per i capanni in piazza del Popolo, la street art a Palazzo Rasponi e il festival della musica d’avanguardia al MAR (in tre giorni di fine novembre), 7 per il tradizionale Concerto di Natale, 13.000 per l’impalpabile “promozione” degli eventi stessi e il resto spiccioli. Il tutto attingendo largamente dalla cartella dei  “Preferiti” dell’amministrazione comunale. Questi è il turismo vero, non turismo con le gambe corte. Da qui bisogna ripartire per allungare il passo, non già perché i singoli eventi non siano stati anche validi, né per disconoscere la volontà innovativa dell’assessore; bensì perché occorre allargare l’orizzonte e la progettualità della programmazione turistica, coinvolgendo non già solo il governo cittadino e i propri riferimenti, ma ogni componente politica, imprenditoriale e associativa della nostra città, che abbia titoli, idee e contributi da esprimere e da portare a frutto” conclude l’esponente di LpR.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo natalizio, Ancisi: "Ravenna è la città cenerentola"

RavennaToday è in caricamento