Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Uil sostiene Agnes e stoccaggio di CO2: "Favorevoli a progetti che sviluppano occupazione"

Il sindacato considera "sbagliata l’opposizione al progetto per l’impianto pilota per la captazione dell’anidride carbonica che Eni intende costruire a Ravenna"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

In questi giorni sulla stampa locale prosegue un grande dibattito sul ruolo che Ravenna e il proprio sistema imprenditoriale e sociale può svolgere sul futuro green del nostro territorio e del paese più in generale. La Uil fin da subito si è schierata a favore del progetto “Agnes” di Saipem e Qint’x perché ritiene che rappresenti una opportunità da non perdere per la nostra città e per tutto il territorio ravennate. Il progetto offshore che comprende 65 pale eoliche posizionate oltre le 12 miglia oltre a fotovoltaico galleggiante e produzione di idrogeno verde, può rappresentare la svolta definitiva verso una transizione energetica dove le rinnovabili passano dalla carta a progetti effettivamente cantierabili, soprattutto se questo progetto dovesse rientrare, come auspichiamo, tra quelli finanziabili con i fondi derivanti dal PNRR. D’altra parte la Uil considera sbagliata l’opposizione al progetto per l’impianto pilota per la captazione dell’anidride carbonica (CO2) che Eni intende costruire a Ravenna.

Come Uil abbiamo apprezzato questo progetto fin dalla sua presentazione a giugno 2020 e auspichiamo che veda il coinvolgimento di tutte le realtà del polo chimico e non solo, in modo da contribuire maggiormente alla riduzione delle emissioni di CO2 e diminuire i costi delle aziende che la producono, onde evitare la inevitabile dispersione nell’aria e quindi un peggioramento ambientale. Ovviamente vanno garantite la stabilità strutturale dei depositi individuati e l’utilizzo delle più avanzate tecnologie di cattura/stoccaggio. Non possiamo far finta di non sapere che la riduzione delle emissioni di CO2 nell’industria pesante non può avvenire da un giorno all’altro con un colpo di bacchetta magica e quindi assieme alla captazione e riutilizzo dell’anidride carbonica vanno imposti impegni stringenti alle aziende per la riduzione della CO2 nei loro processi produttivi. La Uil di Ravenna ribadisce ancora una volta che è disponibile a supportare tutti i progetti che da un lato possono sviluppare occupazione stabile e di qualità e dall’altro contribuire ad una equilibrata transizione ecologica verso il futuro green che tutti auspichiamo.

Il segretario generale di Uil Ravenna Carlo Sama

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uil sostiene Agnes e stoccaggio di CO2: "Favorevoli a progetti che sviluppano occupazione"

RavennaToday è in caricamento