menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Variante di Castel Bolognese: firmato l'accordo per esproprio e indennizzi per gli agricoltori

L’accordo si basa su di un criterio principe,ossia che la risoluzione di un problema sentito dall’intera comunità locale non vada a discapito della parte privata

Sottoscritto lunedì mattina dal Presidente di Coldiretti Ravenna, Nicola Dalmonte, e dal sindaco di Castel Bolognese, Luca Della Godenza, l’accordo che disciplina e definisce procedure di esproprio e indennizzi per le aziende agricole del territorio coinvolte nell’opera pubblica di realizzazione della variante di Castel Bolognese alla via Emilia.

L’accordo, che giunge al termine di un lungo ed articolato percorso di confronto e concertazione che ha visto lavorare fianco a fianco Coldiretti Ravenna, amministrazione comunale di Castel Bolognese e imprese agricole, si basa su di un criterio principe, condiviso da tutte le parti in causa, ossia che la risoluzione di un problema sentito dall’intera comunità locale, quindi la realizzazione della variante volta a sgravare il centro abitato da traffico e inquinamento, con tutte le ricadute positive in termini di sicurezza e qualità della vita, non vada a discapito della parte privata, in questo caso le attività economiche e agricole del territorio.

In tal senso, la firma dell’accordo è stata anticipata il 6 marzo scorso dall’approvazione, da parte del Consiglio comunale, di uno specifico ordine del giorno che riconosce le criticità e l’impatto che l’opera pubblica genererà a carico di agricoltori e residenti stabilendo la necessità, poi ribadita nell’accordo di stamane, “di salvaguardare gli interessi dei soggetti privati coinvolti nella realizzazione dell’opera pubblica garantendo l’uguaglianza del loro trattamento da parte del Realizzatore dell’opera stessa.

“Siamo grati al Comune perché ha pienamente compreso la necessità di tutelare tutti i cittadini nell’ambito di questa importante realizzazione – afferma il presidente Dalmonte –. L’accordo quadro, infatti, riconosce l’impatto che l’opera avrà sulle imprese agricole, ed in particolare sul valore delle imprese coinvolte, garantendo giuste retribuzioni rispetto ai danni importanti che le aziende subiranno, nonché gli indispensabili adeguamenti progettuali da portare all’attenzione di Anas nella prossima Conferenza dei Servizi”. Con l’ordine del giorno del 6 marzo scorso, infatti, l’intero Consiglio comunale ha dato mandato alla giunta di impegnarsi affinché l’accordo sia pienamente recepito e applicato da Anas. “Siamo soddisfatti – conclude Dalmonte – l’accordo tiene in considerazione quei temi che troppo spesso, quando c’è in gioco un’opera di pubblica utilità, vengono marginalmente trattati, se non ignorati come, ad esempio, il valore aziendale dell’impresa coinvolta, quello delle produzioni in relazione alla ricostituzione degli impianti, sia frutticoli che irrigui e, da ultimo, anche il valore del suolo agricolo consumato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento