Vertenza Iter, la Cgil: "Ritardi nella ricollocazione dei dipendenti"

L'accordo prevede la realizzazione di un progetto industriale di Coopolis Spa, con la costituzione di un ramo operativo attivo nel settore delle facility e delle manutenzioni immobiliari

La Fillea Cgil lancia un segnale d'allarme sul futuro dei lavoratori dell'Iter. "Sono passati più di due mesi dall'accordo raggiunto in Regione, il 5 febbraio scorso, che ha permesso di posticipare i licenziamenti dei lavoratori della cooperativa Iter di Lugo al 18 maggio, ma si segnalano forti ritardi nell'applicazione di quanto previsto nel piano di ricollocazione - spiega Davide Conti, segretario provinciale della Fillea Cgil -. Il confronto con Legacoop Romagna e la dirigenza della cooperativa Iter, a seguito delle varie  mobilitazioni dei lavoratori dell'autunno scorso, ha permesso, con il contributo e la mediazione della Regione, di dare una boccata d'ossigeno ai lavoratori con i tre mesi di cassa integrazione straordinaria in deroga.

“Questo intervallo di tempo - continua Conti - sarebbe dovuto servire a far nascere tutte le iniziative atte a evitare i licenziamenti. Ma a poco più di un mese dal 18 maggio, data prevista per i licenziamenti, segnaliamo un forte ritardo nel rispetto degli impegni presi e una grande preoccupazione per l'avvicinarsi della data dei licenziamenti. L'accordo prevede la realizzazione di un progetto industriale di Coopolis Spa, con la costituzione di un ramo operativo attivo nel settore delle facility e delle manutenzioni immobiliari sia pubbliche che private che, nell’arco di un triennio, dovrebbe assorbire da una decina a una ventina di lavoratori della cooperativa Iter".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ma a oggi nessun lavoratore è ancora stato assorbito da questa realtà e il ritardo preoccupa e pone serie domande sulle vere intenzioni e la volontà dei soggetti coinvolti nella vicenda. Inoltre, pur valutando fattivo l'impegno profuso da Legacoop nella ricollocazione dei lavoratori nella altre realtà del territorio, in questo periodo solo quattro persone hanno trovato una nuova collocazione, come si è evidenziato nel tavolo tecnico di confronto - conclude il sindacalista -. Il senso di responsabilità e la pazienza dei lavoratori è arrivato al limite, pertanto, se entro pochi giorni non avremo risposte e non vedremo realizzarsi quanto sottoscritto, siamo pronti a riprendere tutte le mobilitazioni necessarie; chiediamo inoltre alle forze politiche e istituzionali di farsi garanti del rispetto degli accordi. Nessuno “rimanga per strada”, I lavoratori Iter non si arrendono! Vogliono risposte e il rispetto degli impegni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Coronavirus, la nuova fotografia dei contagiati: undici sono in isolamento domiciliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento