rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Economia

Via libera dal Cipe, arrivano i 60 milioni per il porto di Ravenna

Il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione economica) ha approvato l'assegnazione di circa 2 miliardi di euro, 60 milioni dei quali destinati al Porto di Ravenna

Il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione economica) ha approvato l'assegnazione di circa 2 miliardi di euro. "La decisione, che completa un ciclo di misure tese a mettere fine alla grave incertezza dei flussi di finanza pubblica degli ultimi anni, - spiega una nota - mira a riavviare una fase di crescita economica indispensabile per il rilancio del Paese". Dei due miliardi, 60 milioni sono destinati ai fondali del porto di Ravenna.

Per l'assessore a Mobilità e Trasporti della Regione Emilia-Romagna, Alfredo Peri, "quello di oggi è un riconoscimento dell'impegno delle istituzioni. E' fondamentale dare un ulteriore impulso al porto di Ravenna, per aumentare il suo ruolo nel sistema regionale e nazionale. Il progetto è pronto - ha ribadito Peri -: si tratta di passare dalla fase della proposta a quella dell'attuazione". Il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, ha espresso "grande soddisfazione, perché dall'avvio dell'approfondimento dei fondali dipende il futuro del porto, che è una parte fondamentale dell'economia ravennate. Un investimento - ha concluso - che è tanto più significativo in un momento difficile per l'economia come questo".

Lo stanziamento “ambisce ad un ruolo internazionale più marcato ed è il riconoscimento dell’impegno che le istituzioni, Regione Emilia Romagna ed enti locali, hanno profuso in questi anni. Proprio lo scorso 3 febbraio – sottolineano Sindaco e Vicesindaco –, in occasione dell’approvazione del piano regolatore portuale da parte del Ministero dell’Ambiente di concerto con il Ministero dei Beni culturali, avevamo sollecitato il Ministro delle Infrastrutture Corrado Passera affinché il Cipe approvasse definitivamente lo stanziamento destinato al nostro scalo riguardante il Canale Candiano che si integrava con l’impegno della stessa Autorità portuale con proprie risorse e gli impegni assunti per il nuovo Terminal di Largo Trattaroli. In quell’intervento avevamo chiesto l’approvazione del Cipe perché, in occasione dell’emanazione del decreto sulle liberalizzazioni, lo stesso Ministro aveva confermato che tra le priorità previste sulle principali infrastrutture italiane vi era anche il programma poliennale di lavoro sui nostri fondali. Ci fa piacere che l’impegno sia stato mantenuto. Va dato atto anche dell’importante sostegno che le principali organizzazioni dell’economia e dell’imprenditorialità ravennate non hanno mai fatto mancare. Ora occorre lavorare – concludono Sindaco e Vicesindaco – perché i progetti presentati e lo sblocco dei finanziamenti si avvalgano di procedure rapide per garantire al nostro scalo quella competitività sui mercati internazionali che merci ed operatori richiedono”.

“Accolgo con grandissima soddisfazione il provvedimento adottato dal Comitato Interministeriale - commenta il Presidente di Confindustria Ravenna, Guido Ottolenghi -. Ecco, è certamente frutto anche dell'importante lavoro svolto dalle Istituzioni locali e dalla Regione, con il convinto sostegno di Confindustria e dei suoi associati, che non hanno mai mancato occasione per far presente al Governo l'importanza, per lo scalo ravennate, dell'approfondimento dei fondali”. “Manterremo alta l'attenzione, affinché tutti i passaggi burocratici che attendono ora il provvedimento del CIPE si concludano positivamente e nel più breve tempo possibile - continua Ottolenghi -. L'approfondimento dei fondali rappresenta, infatti, una grande opportunità per l'incremento dei traffici mercantili, oltre che un valore economico in sé, generato dai lavori connessi con l'escavo”

Per il consigliere regionale Pd, Miro Fiammenghi, lo stanziamento “deve rappresentare una svolta per il potenziamento infrastrutturale dello scalo”. “L'approfondimento dei fondali è strategico per la crescita dello scalo ravennate - aggiunge Fiammenghi - soprattutto in un momento come questo dove la competitività internazionale è fortissima. Sottolineo lo sforzo comune di Istituzioni ed Enti ravennati e regionali per raggiungere l'obiettivo dello stanziamento già previsto dall'Accordo Stato Regione Emilia Romagna, sottoscritto dal presidente Vasco Errani”.

"Grazie allo sforzo delle istituzioni ravennati e regionali abbiamo raggiunto un obiettivo rilevante per la crescita dell’economia portuale”, commenta Danilo Manfredi, Segretario Comunale Pd. “Con lo stanziamento del CIPE abbiamo ottenuto uno straordinario risultato che è stato possibile grazie alla sinergia di vedute e alla collaborazione fra enti, istituzioni e soggetti economici che hanno contribuito alla creazione di un progetto ottimo e condiviso da tutti", commenta Alberto Pagani del Pd.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via libera dal Cipe, arrivano i 60 milioni per il porto di Ravenna

RavennaToday è in caricamento