rotate-mobile
Eventi

'I concerti dell'Accademia': musica barocca protagonista a Ravenna

A chiudere la rassegna, domenica 18 ottobre, tornerà Accademia Bizantina, che si metterà sulle tracce dei Musicisti italiani nella Londra di Händel

I grandi interpreti internazionali di musica barocca tornano a darsi appuntamento a Ravenna nell’ambito della rassegna I concerti dell’Accademia – musica antica con strumenti originali, organizzata dal prestigioso ensemble Accademia Bizantina in collaborazione con il Comune. La manifestazione, giunta quest’anno alla diciassettesima edizione, propone un calendario di primissimo livello, che coniuga grande musica, rigore filologico e solidarietà. Ogni appuntamento, infatti, “sponsorizzerà” una diversa associazione di volontariato: Linea Rosa, Admo, Cosmohelp, Villaggio Globale, Marinando e Banco Alimentare. La manifestazione prevede sette concerti, in programma ogni domenica mattina dal 13 settembre al 18 ottobre (inizio ore 11) nella Sala Corelli del Teatro Alighieri di Ravenna.

«Questo è stato un anno intenso per la nostra attività internazionale, ricco di appuntamenti e di nuovi programmi eseguiti nei più prestigiosi teatri del mondo – ha spiegato Luca Ragazzini di Accademia Bizantina. – È grazie alle emozioni che abbiamo provato suonando sui palchi internazionali che siamo arrivati a definire il programma di questo ciclo di concerti. Un programma estremamente vario e che va a braccetto con le programmazioni internazionali e con le tendenze del momento. Un piccolo festival che ripropone ciò che si ascolta in giro per il mondo.»

«Siamo felici di essere riusciti anche quest'anno, come Amministrazione comunale, a creare le condizioni per un “buon ritorno a casa” di Accademia Bizantina – ha sottolineato l’assessore Ouidad Bakkali –. La longevità di questa rassegna è frutto della reciproca fiducia, e di un impegno dell'ensemble nel coniugare continuità e rinnovamento. Ciò permette di creare legami veri con il territorio e con il pubblico, e anche la bella idea di invitare le associazioni di volontariato locale a presentare le proprie attività prima dei concerti ne è la prova.»
Ad aprire l’edizione di quest’anno, domenica 13 settembre, ci penserà la stessa Accademia Bizantina insieme all’oboista di fama internazionale Elisabeth Baumer. Accompagnata dal violino di Heriberto Delgado Gutiérrez, dal violoncello di Paolo Ballanti e dal cembalo di Valeria Montanari, la musicista austriaca si cimenterà con musiche di Brescianello, Platti, Heinichen, Stölzel, Vivaldi e Telemann, in un concerto che avrà per tema: Gemischter Stil - L’influenza reciproca fra italiani e tedeschi.

La domenica successiva, 20 settembre, sarà la volta delle Storie Barocche dell’ensemble Harmonicus Concentum (al secolo, Gabriele Raspanti e Manuel Vignoli ai violini, Vincenzo De Franco al violoncello, Giovanni Valgimigli al violone, Daniele Proni al cembalo). In scaletta, musiche di Merula, Cazzati, Uccellini e Leonardi. Protagonista del terzo concerto, domenica 27 settembre, sarà la violinista Lisa Ferguson, che insieme ai colleghi di Accademia Bizantina (Lorenzo Colitto al violino, Marco Frezzato alla viola da gamba, Francesco Romano al liuto e Francesco Baroni al clavicembalo) daranno corpo alla musica di François Couperin e alle sue Apothéose. 

Domenica 4 ottobre i riflettori saranno puntati sull’ensemble Arsenale Sonoro, composto dal violinista Boris Begelman, dal violoncellista Ludovico Minasi e dalla cembalista Alexandra Koreneva. Padre, figlio e padrino, questo il titolo dell’esibizione, proporrà musiche di J.S. Bach, C.P.E. Bach e Telemann. Beethoven, Farrenc e fortepiano è invece il tema del concerto dell’11 ottobre affidato al quintetto Il Tetraone, di cui fanno parte Ana Liz Ojeda al violino, Alice Bisanti alla viola, Paolo Ballanti al violoncello, Valeria Montanari al cembalo e Gianni Valgimigli al violone.

A chiudere la rassegna, domenica 18 ottobre, tornerà Accademia Bizantina, che si metterà sulle tracce dei Musicisti italiani nella Londra di Händel. Il suggestivo programma proposto dal violinista Alessandro Tampieri, dal violoncellista Marco Frezzato e dal cembalista Francesco Baroni spazierà da Händel a Porpora Geminiani, da Castrucci a De Marzis. Tutti i concerti inizieranno alle ore 11 e avranno luogo nella Sala Corelli del Teatro Alighieri di Ravenna, in via Angelo Mariani 2. Biglietti a 10 euro intero, 7 ridotto, 2 per gli allievi di Conservatorio e Istituti Musicali pareggiati. Abbonamenti a 55 euro intero e 37 ridotto. Gratis per i soci di Accademia Bizantina. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'I concerti dell'Accademia': musica barocca protagonista a Ravenna

RavennaToday è in caricamento