Anche rifugiati cileni di Romagna alla proiezione del film di Nanni Moretti “Santiago, Italia”

L'appuntamento del “Giovedì Club” del cinema Gulliver di Alfonsine propone, il 14 febbraio alle ore 21, un evento speciale dedicato ai rifugiati politici cileni che negli anni '70, in fuga dalla brutale repressione della dittatura di Pinochet, furono accolti in Romagna, dove poterono integrarsi e cominciare una nuova vita.

La serata prevede la proiezione del nuovo film del maestro Nanni Moretti “Santiago, Italia”, documentario che parte dall'11 settembre 1973, data del tragico colpo di stato perpetrato dal generale Pinochet ai danni del governo democratico di Salvador Allende in Cile, per raccontare, attraverso interviste e testimonianze di toccante umanità, un'Italia solidale che sembra lontana anni luce da quella di oggi.

Al termine della proiezione, incontro con gli ospiti della serata, Nancy Adela Marchant, Lina Rodriguez Marchant e Giulio Salgado, che racconteranno la loro esperienza di cileni residenti in Romagna da tempo in seguito ai drammatici eventi descritti e ricordati nel film di Moretti, opera di grande valore civile tra storia e presente.

Ingresso: 6 euro intero, 5 euro ridotto (soci ARCI – invalidi e accompagnatori).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • La Festa della Donna si celebra con una primula

    • 8 marzo 2021
    • Centro Commerciale Le Cicogne
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento