menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inaugurazioni, Mondial Tornianti e conferenze al Mic: il menù di sabato di Argillà

Si comincia ialle 11 con “Terre di Aubagne: quattro secoli di ceramica provenzale” di Henri Amouric (Francia) che racconta la mostra allestita dallla Francia, Paese Ospite d'onore al Ridotto del Teatro Masini

Continua fino a domenica Argillà Italia, la mostra mercato della ceramica artistica “gemellata” con Aubagne in Francia e con Argentona in Spagna. Sabato sarà costellato da inaugurazioni alla scoperta dei cortili e studi d'arte della città, mentre saranno visitabile le oltre venti mostre istituzionali sparse per i più importanti luoghi museali della città: Museo Internazionale delle Ceraiche in Faenza, Museo Carlo Zauli, Museo Tramonti, Pinacoteca Comunale, il Liceo Artistico Ballardini, il Palazzo delle Esposizioni, il Teatro Masini e la Galleria d’Arte Comunale, Rotonda Galli e Loggetta del Trentanove.

In particolare alle al Salone delle Bandiere della Residenza Municipale, alle 12,30 inaugura la mostra Grand Tour - Alla scoperta della ceramica Classica italiana a cura di Jean Blanchaert, Viola Emaldi e Anty Pansera, organizzata da AiCC (Associazione Italiana Città della Ceramica) che espone una selezione di ceramiche tradizionali dalle città italiane di antica tradizione ceramica. Il Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza sabato e domenica sarà il fulcro di una serie di conferenze che analizzano la ceramica secondo diversi aspetti: storico artistico, contemporaneo, d’innovazione e di design.

Si comincia ialle 11 con “Terre di Aubagne: quattro secoli di ceramica provenzale” di Henri Amouric (Francia) che racconta la mostra allestita dallla Francia, Paese Ospite d'onore al Ridotto del Teatro Masini. Si prosegue alle 12 si parlerà insieme a Marco Tonelli di “Materia Prima, la ceramica dell’arte contemporanea”, la manifestazione a cura dello stesso che si è tenuta a Montelupo Fiorentino e si è articolata in varie sezioni, con due mostre all’interno del Palazzo Podestarile e una, Sculture in città, che ha visto collocare 7 grandi opere di Ugo La Pietra, Hidetoshi Nagasawa, Fabrizio Plessi, Gianni Asdrubali, Loris Cecchini, Bertozzi & Casoni e Lucio Perone in vari luoghi della cittadina, a segnare un percorso itinerante urbano permanente. Montelupo Fiorentino è uno dei maggiori centri di produzione della ceramica in Italia e sede di uno dei tre musei ad essa dedicati, insieme a Deruta e, appunto, Faenza.

Si prosegue alle 15 con #CERAMIC3.0 La ceramica nella sua nuova concezione di Nicola Boccini e alle 16 con Eloisa Cavallini, Maria Cristina Masdea, Roberto Parenti, Claudio Rosati che presentano il catalogo della mostra allestita al Teatro Masini “Costellazione Cavallini” Per finire alle 17 con “Heads 1980-2016. Contemporary Czech Ceramic” di Jindra Viková dalla Repubblica Ceca. Alle 14, invece, si disputa la gara del Mondial Tornianti con il Campionato Mondiale Esteta "Opera di valore estetico", mentre alle 20, si svolge una spettacolare esibizione di tornianti bendati, intitolata “Io, il tornio e lo scuro” (performance fuori gara), in collaborazione con Cibas Impasti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento