Arte, talento e innovazione. Il Mic celebra Alfonso Leoni, il genio ribelle

Un assoluto protagonista dell’arte contemporanea, un genio talentuosissimo e ribelle, purtroppo prematuramente scomparso. Ad Alfonso Leoni, nel quarantesimo anno della sua scomparsa, è dedicata la grande mostra del MIC di Faenza. Un lungo lavoro di ricerca, a cura di Claudia Casali, in collaborazione con l’Archivio Leoni, che raccoglie per la prima volta in una antologica tutto il lavoro dell’artista, con l’obiettivo di analizzare la ricca e intensa produzione dedita non solo alla ceramica ma anche ai diversi linguaggi della contemporaneità (pittura, grafica, design, scultura). La mostra resta aperta dal 1 ottobre al 19 gennaio.

Nonostante Alfonso Leoni viva in provincia (studia arte e ceramica all’Istituto d’Arte Ballardini in cui, dal 1961, divenne anche docente di Arti Plastiche) la sua ricerca artistica è costantemente controcorrente, proiettata al nuovo: a scardinare la ceramica da meri aspetti tecnici e funzionali per elevarla a materia scultorea. Leoni è figlio del proprio tempo. Un periodo quello di fine anni ’60 e ’70 di lotte e contestazioni che in arte si traduce in neoavanguardia: pop art, nuovo realismo, happening, performance e minimalismo. Si aggiorna sull’arte contemporanea e guarda a Fontana, a Leoncillo e allo stesso tempo all’arte giapponese. Capisce che gestualità, azione e imperfezione (la wabi-sabi, bellezza dell’imperfetto della filosofia buddhista) sono temi quasi intrinsechi al suo mezzo prediletto: l’argilla.

Nella sua pur breve carriera Leoni ha lasciato un’impronta e una eredità fondamentali per tutto il mondo della ceramica faentino e non solo. “Leoni è stato in grado di porre al centro della riflessione la ceramica, come provocazione, come canto fuori dal coro, metafora di cambiamento intellettuale innanzitutto. – spiega la curatrice Claudia Casali -  Egli è ripartito dalla ceramica riconsiderandola dal punto di vista concettuale quale materiale dell’arte contemporanea. Aveva compreso che la ceramica era materia tanto antica quanto attuale”.

Apertura: mar-ven 9-14, sab, dom e festivi 9-18. Chiuso i lunedì non festivi, 25 dicembre, 1 gennaio. Ingresso: 10 euro intero, 7 euro ridotto. 

Eventi collaterali

Ogni domenica, alle 10.30, sarà possibile vedere la mostra " Alfonso Leoni (1941-1980). Genio ribelle" (1 ottobre 2020-19 gennaio 2021) insieme a un nostro educatore culturale. Le visite del mese di ottobre sono gratuite, incluse nel prezzo del biglietto: 10 euro, ridotto 7 euro, faentini 5 euro, il 4 ottobre, in occasione della giornata Unesco, l'ingresso è di 5 euro per tutti. I posti sono limitati (max 30 persone). La prenotazione obbligatoria: 0546697311, info@micfaenza.org

Ogni venerdì, dal 2 ottobre al 13 novembre, alle 18 sono stati coinvolti alcuni dei suoi studenti (2 ottobre: Antonietta Mazzotti, 9 ottobre: Gianfranco Morini, 16 ottobre: Antonella Cimatti, 23 ottobre: Antonella Ravagli, 30 ottobre: Guido Mariani, 6 novembre: Aldo Rontini, 13 novembre: Giovanni Cimatti) per fare una visita guidata alla mostra e avere i ricordi e il ritratto di Alfonso Leoni artista, uomo e insegnante.

Inoltre ogni primo sabato del mese (ore 14.30-17.30) durante il periodo della mostra saranno realizzati dei workshop riservati agli adulti e ispirati al lavoro di Leoni.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • A Bagnacavallo "Non giudicare", riflessioni visive contemporanee sulla figura di San Michele

    • Gratis
    • dal 11 settembre al 15 novembre 2020
    • ex convento di San Francesco
  • Dalla Riviera romagnola all'India: un viaggio attraverso gli scatti dei fotografi cervesi

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 25 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Kate Moss, Naomi Campbell, Rihanna e Ravenna: al Mar i grandi scatti di Paolo Roversi

    • dal 10 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna

I più visti

  • Si brinda con "Giovinbacco", la grande festa del vino si rinnova e torna in città

    • dal 23 al 25 ottobre 2020
    • centro storico
  • Le Giornate Fai rivelano i tesori segreti del Ravennate: da Palazzo San Giacomo a Villa Emaldi

    • dal 17 al 25 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Zombie walk, show horror ed escape room: un Halloween da paura in piazza

    • Gratis
    • dal 30 ottobre al 2 novembre 2020
    • Piazza Garibaldi
  • "Psychiatric dead" e "Labyrinth escape": due percorsi da brivido ad Halloween

    • dal 30 al 31 ottobre 2020
    • Labirinto Effimero - azienda Galassi Carlo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RavennaToday è in caricamento