Artevento omaggia Fellini: al via il 40esimo Festival dell'Aquilone di Cervia

Un programma di eventi speciali dedicato al centenario della nascita del Maestro e inteso come primo atto del 40esimo Festival dell'Aquilone di Cervia

“Nulla si sa, tutto si immagina”: l’aforisma di Pessoa citato da Federico Fellini ne “La voce della luna” è il motto scelto da 'Artevento' per tornare a volare con un programma di eventi speciali dedicato al centenario della nascita del Maestro e inteso come primo atto del 40esimo Festival dell'Aquilone di Cervia.

“Limited edition” di un fenomeno che ha consolidato intorno alla poetica dell'arte del vento una comunità incline a creatività, sostenibilità e multiculturalismo, dal 3 al 6 e dal 24 al 27 settembre, 'Artevento back to fly' propone alcuni degli appuntamenti più amati del festival reinterpretati sulla base delle attuali contingenze, giocando sul ruolo dell'aquilone come metafora stessa del distanziamento sociale. Se è evidente che il volo armonioso dei protagonisti del festival è reso possibile solo dalla distanza che permette ai fili di non intrecciarsi, il prezzo dello spettacolo è solo quello di rispettare le normative vigenti per assicurarne lo svolgimento nel pieno rispetto della propria e dell'altrui sicurezza, vivendo un'esperienza creativa condivisa, sotto il segno della fantasia e dell’armonia. Per l’occasione, Artevento torna eccezionalmente a volare nella stessa spiaggia dove il festival nacque nel 1981. Un ritorno alle origini sul lungomare dedicato alla poetessa Grazia Deledda che a Cervia trascorse molte vacanze estive e che, con il suo romanzo più celebre, descrisse il rapporto tra l’uomo e il destino ricorrendo proprio alla metafora del vento, elemento propulsivo del festival e ora vivificato dall’aquilone come simbolo universale di buona fortuna.

"Il Festival degli Aquiloni è una di quelle iniziative a cui abbiamo purtroppo dovuto rinunciare durante questa primavera, ma siamo lieti di annunciare finalmente che l’edizione 2020 si farà - commenta il sindaco Massimo Medri - C’è stato un impegno da parte di tutta l’amministrazione per salvare anche quest’anno questa manifestazione che, pur svolgendosi con modalità diverse, continua ad avere un grande valore affettivo per la città di Cervia, oltre a richiamare ogni anno centinaia di appassionati da tutto il mondo. Inoltre l’idea di far tornare per una preview il Festival nella Spiaggia Libera di Cervia questo weekend vuole evidenziare ancora di più quanto sia forte il legame tra il Festival dell’Aquilone, nato in quella spiaggia libera 40 anni fa, e questo territorio".

Gli eventi

Dal 3 al 6 settembre Spiaggia libera Cervia – Lungomare Grazia Deledda

"Spiegatemi voi dunque, in prosa o in versetti, perché il cielo è uno solo e la terra è tutta a pezzetti" scriveva Gianni Rodari a conclusione della filastrocca Il cielo è di tutti; ed è proprio dalle sue parole che il festival prende le mosse per costruire un programma vivace e non convenzionale, fatto di aquiloni, musica e acrobazie ma anche al tempo stesso di riflessioni per delineare una sorta di piccola antologia della libertà.  A 100 anni dalla nascita di Federico Fellini, Tonino Guerra e Gianni Rodari, Artevento costruisce un percorso di approfondimenti dedicati al concetto di meraviglia che parte dallo sguardo dei bambini, cui la preview è dedicata, attraverso 4 giorni di festa in riva al mare, all’ombra degli aquiloni giganti del bestiario di Artevento. 

Show kite lunghi fino a 30 metri progettati dai più celebri designer Italiani - Filippo Gallina, Edoardo Borghetti e Claudio Capelli -  in buona compagnia con i mega aquiloni del neozelandese Peter Lynn rappresentato per l’occasione da Bruno Bonino. Una squadra tutta italiana anima il circo volante della gioiosa anticipazione con piovre, pesci, fantasmi e cherubini, mentre l’arena dello spettacolo ospita la campionessa acrobatica Sara Rizzetto con piloti Loris Gerbino e Luca Piattoni, il "re" del Multiple Kite Flying Giovanni Govoni, gli artisti del vento Iqbal Husain ed Eliana Mestriner e gli esperti dell’aquilone storico Andrea Casalboni e Fausto Focaccia.

Dal 24 al 27 settembre Spiaggia libera Cervia – Lungomare Grazia Deledda e dal 25 settembre al 4 ottobre Magazzino del Sale

Un festival formato speciale per un'edizione complessa nell'anno che avrebbe dovuto celebrare i 40 anni di storia del festival e che ci ha invece trasportati in una dimensione "altra", complicata da dubbi e paure, ma anche gravida di potenzialità per un cambiamento radicale delle nostre coordinate. L'appello alla sostenibilità, all'unità nella diversità, alla pace e alla resilienza che dal 1981 l'evento consegna al colorato volo degli aquiloni di Cervia assume i caratteri dell'urgenza ma continua a soffiare gioiosamente col vento in giornate di festa destinate a trasformarsi in un'esperienza immersiva collettiva e multidisciplinare attraverso le pagine dell'antologia della libertà costruita per l'occasione da Artevento. Una significativa rappresentanza di ospiti da Austria, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Pakistan e Svizzera interpreta tutte le discipline dell’aquilonismo attraverso display di aquiloni giganti, artistici storici ed etnici ed esibizioni di volo acrobatico a ritmo di musica a cura di Stack Italia, Federazione Aquilonismo acrobatico affiliata Coni e Asi.

Tra i vari eventi "La voce della luna, i colori del vento", mostra al Magazzino del Sale; "Federico Fellini e il meta-cinema nelle fotografie di P. Ronald sul set di 8 ½", mostra al Magazzino del Sale; presentazione del libro per ragazzi “Giulietta e Federico” alla presenza dell’autrice Federica Iacobelli; laboratori didattici di arte ambientale dedicati all’estetica felliniana e al riciclo creativo (Officina Zampanò) ; omaggio a Tonino Guerra, poeta della libertà; "Finché l’erba cresce e il cielo è blu – i Pellerossa che liberarono l’Italia", approfondimento a cura di G.Papi; "Mediterranea Saving Humans", incontro e approfondimento sulle “navi della libertà”.

Le mostre

“Artisti fra cielo e terra” presenta “La voce della luna, i colori del vento”, Artevento incontra Fellini: opere eoliche e grafiche di: Iqbal Husain (Pakistan), Eliana Mestriner (Italia) e Fredi Schafroth (Svizzera), dal 25 settembre al 4 ottobre – Magazzino del Sale 

Tre sguardi fuori dagli schemi dipingono fra le nuvole un mondo della fantasia che familiarizza con l’estetica felliniana. Il circo volante di Eliana Mestriner, l’ironia delle tavole dello svizzero Fredi Schafroth -“papà” della mascotte della Televisione Svizzera “Gatto Arturo” e di tanti idoli animati per i bambini del Canton Ticino e, per finire, l’emblema dell’antica tradizione dell’arte del vento cinese, interpretata magistralmente dall’artista pakistano Iqbal Husain. Tre punti di vista complementari su un universo fantastico fatto di gioco e di libertà, come le illustrazioni di un libro per ragazzi dedicato ad adulti che non rinunciano a sognare…

Iqbal Husain e l'omaggio speciale di Artevento al volo di Fellini

Declinato nelle favole surreali del maestro Iqbal Husain, l’aquilone etnico chiamato “millepiedi” per la forma costruita da un treno di dischi che volano in linea, viene reinterpretato, per l’occasione speciale del centenario, in un prezioso omaggio a Fellini Fellini. Costruita appositamente per la mostra organizzata da Artevento e presentata in anteprima mondiale al Magazzino del Sale, la prima opera eolica dedicata al Maestro ne omaggia l’immaginario onirico con la delicatezza poetica dei materiali della tradizione: la carta washi, sapientemente dipinta a mano, e il bambù tagliato e modellato per costruire lo scheletro della complessa struttura portante. Frutto dell’ineguagliabile perizia costruttiva di Husain, maturata negli anni trascorsi in Giappone, l’aquilone che permetterà a Fellini di volare non solo metaforicamente, ne caratterizza il personaggio e ne racconta l’immaginario onirico attraverso la riproduzione fedele dei fotogrammi più iconici delle pellicole più celebri, partendo naturalmente da 81/2 in un curioso gioco di rimandi con la contemporanea mostra fotografica di Paul Ronald.

"Federico Fellini e il meta-cinema", fotografie di Paul Ronald sul set di 8 ½, dal 25 settembre al 4 ottobre – Magazzino del Sale

Gli scatti realizzati dal fotografo di scena Paul Ronald sul set di 8 ½, sono protagonisti della seconda mostra organizzata da Artevento in omaggio a Federico Fellini, per gentile concessione della Collezione Maraldi – Centro Cinema Città di Cesena. Una straordinaria sequenza d’immagini in bianco e nero racconta il capolavoro autobiografico in cui Marcello Mastroianni veste i panni del Maestro sopraffatto da una crisi esistenziale e creativa. Il film sul regista che non sa che film fare, il film sul caos, sulla crisi dell’uomo contemporaneo, che deve fare ordine fra i suoi pensieri e accettarne la contraddittorietà accompagna il tema della creatività sostenibile, come costruzione del sé attraverso l’approccio creativo e fondamento stesso della resilienza.

Gli appuntamenti speciali

“Giulietta e Federico” , presentazione del libro e incontro con l’autrice Federica Iacobelli, 25-26 settembre– Magazzino del Sale

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella suggestiva cornice del Magazzino del Sale e dell’area storica del borgo marina, all’ombra dell’imponente Torre San Michele, il viaggio di Artevento nell’immaginario felliniano prosegue con una appuntamento dedicato ai più piccoli e atteso dagli amanti dell’editoria per l’infanzia. La presentazione del libro “Giulietta e Federico” (edito da CameloZampa), alla presenza dell’autrice Federica Iacobelli, si trasforma in un appassionante racconto della fantastica storia d’amore fra il Maestro e Giulietta Masina tradotto in una colorata favola per bambini. Grazie alla partecipazione della pedagogista aretina Ilaria Gradassi e al contributo della proiezione delle tavole originali illustrate dall’olandese Puck Koper, i piccoli partecipanti all’incontro conosceranno Fellini in modo gioioso attraverso le pagine del libro, oltre che traducendone i sogni nei colorati aquiloni proposti dai laboratori multidisciplinari in programma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato nei boschi dopo tre giorni insieme al suo fedele cane: "Nelle ore più fredde ci scaldavamo vicini"

  • Troppi casi di Coronavirus nelle classi: chiude un'altra scuola

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Violento tamponamento tra due camion in autostrada: traffico in tilt

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Violento schianto tra auto e moto: 18enne gravissimo in ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento