Atmosfere dark e synth pop con i Drab Majesty

Sabato 2 novembre, alle 21.30, torna la musica live al Bronson con i Drab Majesty. Dopo il debutto nel 2015 con “Careless” e il secondo disco “The Demonstration”, i Drab Majesty (Deb Demure e Mona D.) si sono definitivamente guadagnati un posto nel pantheon del dark synth-pop. Pubblicano il loro terzo album “Modern Mirror”, un viaggio di introspezione, nostalgia, amore, bellezza e delusioni attraverso otto inni synth pop: una fiaba antica ambientata ai tempi moderni. In apertura, il duo di elettronica Body of Light.

Drab Majesty è un progetto musicale americano, con sede a Los Angeles, fondato dal musicista Deb Demure (Andrew Clinco) mentre lavorava come batterista per la band Marriages, nel 2011. Il primo disco del progetto è stato l'EP del 2012 “Unarian Dances”, prima autoprodotto e poi ristampato nel 2014 su Lolipop Records. Da quando hanno firmato per Dais Records, i Drab Majesty hanno pubblicato tre album, “Careless” (2015), “The Demonstration” (2017), e il nuovo “Modern Mirror” (2019).
I Drab Majesty combinano un'estetica androgina e una voce imponente con testi futuristici e occultistici, uno stile che Demure chiama "tragic wave". Per creare la sua imponente presenza scenica, Demure utilizza costumi, trucco e oggetti di scena per accompagnare i suoi lussureggianti paesaggi sonori influenzati dagli anni '80. Dal 2016, quando si esibisce dal vivo, Demure è affiancato sul palco dal tastierista e vocalist Mona D (Alex Nicolaou).

Body of Light è un duo elettronico e band synth-pop composto dai fratelli Andrew e Alexander Jarson. Partendo da un'esplorazione del rumore, del suono e di ricchi loop vocali, nel corso dei loro dieci anni di esistenza, hanno trovato un nuovo punto d'appoggio in qualcosa di più complesso, strutturato e commovente.
La loro musica non è solo personale e individuale, ma attinge da esperienze condivise tra i due fratelli. Aspetti della loro musica provengono dalla loro vita personale e dalle nostre esperienze di vita condivise. Appassionati e creatori di ogni tipo di musica elettronica, elementi di new wave, freestyle, grunge, goth e techno si inseriscono nel loro lavoro, come vecchi segnali radio che rimbalzano nel tempo e nello spazio.

Ingresso: 15 euro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Dai Mamiffer ai Deafkids, la musica arriva online con i live di "Transmissions Waves"

    • Gratis
    • dal 12 al 14 marzo 2021
    • online

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento