rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Eventi

Tra il Brasile e la sperimentazione: i concerti dell'Emilia Romagna Festival

La 18^ edizione dell'Emilia Romagna Festival passa anche nel Ravennate con live e visite guidate. Tra gli ospiti Martux_m, Miguel Proença e Thomas Sinigaglia

Al via il XVIII Emilia Romagna Festival. Dall’8 luglio all’8 settembre, in programma 36 appuntamenti in oltre 30 sedi concertistiche, distribuite tra le province di Bologna, Forlì – Cesena, Ravenna e Ferrara, tra i luoghi più preziosi della tradizione architettonica e paesaggistica dell’Emilia Romagna. Anche per questa edizione il Festival conferma la propria vocazione alla versatilità e alla sperimentazione, invitando il pubblico a seguirlo per le strade della regione, senza che ci sia pericolo di smarrirsi.

Gli appuntamenti nel Ravennate

Il Festival, tra i suoi progetti, prebede appuntamenti di rivisitazione e sperimentazione. Tra i grandi austriaci in programma all’ERF anche Gustav Mahler, che sarà presente con un corpo del tutto nuovo e scintillante. Descriverlo così non è una blasfemia, perché saranno le mani sapienti del maestro dell’elettronica Martux_m a plasmare la nuova materia della Symphonie n. 2 di Mahler, la Sinfonia nota come Resurrezione. E la nuova Resurrezione si officerà, per le sonorità reinventate di Mahler, il 22 luglio a Cotignola, presso la splendida Arena delle Balle di Paglia, per festeggiare i dieci anni dalla creazione.

Oltre ai progetti speciali, l’Emilia Romagna Festival propone quest’anno un programma monografico, tutto fondato sulla musica brasiliana. Una festa lunga tutta un’estate, con interpreti di talento e quattro appuntamenti imperdibili.
il 18 luglio ad Alfonsine insieme al Porroni Cuartet, con Brasil: la musica brasiliana del ‘900, un concerto incentrato sui nomi fondamentali della musica brasiliana più colta, come Jobim o lo stesso Gismonti. Il Porroni Cuartet è nato di recente, ma i suoi componenti sono musicisti con una lunga carriera: Roberto Porroni alla chitarra, Adalberto Ferrari al clarinetto e al sax, Marija Drincic al violoncello e Marco Ricci al contrabbasso.

Al pianoforte sarà invece il grande Miguel Proença, vero specialista dello strumento. Artista Steinway dalla carriera più che cinquantennale, si è esibito in Europa, America, Asia, sia come solista che come membro di orchestre da camera. Proença si esibirà il 6 agosto a Forlì e l’8 agosto a Bagnara di Romagna con due concerti distinti, dedicati agli artisti già approfonditi nella sua ampia discografia: Alberto Nepomuceno, Ernesto Nazareth e Heitor Villa Lobos – che fu ispiratore dello stesso Gismonti.

Spazio a Marcello Mazzoni al pianoforte, che il 23 agosto a Russi eseguirà Tango Tzigano. Da Liszt a Piazzolla, una scelta di brani tra la classica e la latinoamericana, fino al doppio appuntamento con il fisarmonicista Thomas Sinigaglia, che si esibirà il 27 agosto a Alfonsine con Vuelvo al Sur, e il 28 a Riolo Terme con Solo Concert, due programmi ricchi di tradizione e contaminazione. 

La ricerca di nuovi giovani interpreti è da sempre un obiettivo del Festival che dalla sua nascita, con la rassegna Primo Premio! è attivamente impegnato nella promozione dei miglior talenti provenienti da tutto il mondo. Giovani artisti premiati a prestigiosi concorsi, quali il Concorso Internazionale Salieri/Zinetti e il Fischoff National Chamber Music Competition Grand Prize, saranno disseminanti lungo tutto il percorso del festival.
Il 23 luglio, a Faenza, sarà la volta del Milton String Quartet, vincitori dello scorso Fischoff. Il 24 luglio a Castel Bolognese toccherà invece all’originale duo Taddei-Nicolardi, composto da un sassofonista e un pianista, già premiati più volte in prestigiosi concerti, entrambi diplomati con il massimo dei voti.

Da sempre Emilia Romagna Festival ama unire allo splendore dell’esecuzione musicale luoghi speciali e pregevolissimi, spesso però sconosciuti perfino a coloro che vi abitano accanto. Antiche chiese, palazzi sfarzosi, imponenti rocche, giardini incantati, apriranno le loro porte al pubblico, offrendo in alcuni casi la possibilità di viste guidate e di passeggiate ecologiche
In programma una visita il 23 luglio, al Museo Carlo Zauli di Faenza, prima del concerto del Milton String Quartet.E poi spaziop alle “Passeggiate Eco-Filosofiche”, a cura di Gianmaria Beccari, che accompagnerà il pubblico  il 28 agosto, alla Rocca di Riolo Terme, con Lungo un fragile filo d’ascolto, prima del Solo Concert di Thomas Sinigaglia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tra il Brasile e la sperimentazione: i concerti dell'Emilia Romagna Festival

RavennaToday è in caricamento