Camera Work: tocca alla mostra fotografica “Unreal” di Giacomo Infantino

Prosegue la rassegna “Camera Work” promossa dall’assessorato alle Politiche Giovanili con l’inaugurazione giovedì 28 febbraio, nello spazio espositivo PR2 , in via Massimo D’Azeglio 2, della mostra fotografica “Unreal” di Giacomo Infantino.

Il fotografo di Varese, laureato all’Accademia di Brera, ha voluto raccontare, tramite la fotografia, i luoghi non-luoghi della provincia italiana.

Con questo progetto l’artista ha voluto manifestare una percezione personale dell’intreccio di viaggi, visioni oniriche, del teatro di storie quotidiane e intime che indagano il paesaggio e l’inconscio di chi lo vive; tutto ciò diviene cinematografico e una piattaforma di sperimentazione visiva e luminosa che offre la sua personalissima interpretazione del tema.

L’attesa tra lo scatto, lo sviluppo e la stampa delle fotografie può e deve essere un piacevole momento di sospensione, diventa quindi fondamentale alienarsi per qualche istante dalla routine per godere degli attimi fugaci.

Lo scopo è fotografare dove pensiamo non ci sia niente da vedere, al di là e al di fuori di ogni centralità, o situazioni standardizzate e precostituite per riuscire a vedere oltre il semplice guardare.

Giacomo Infantino è nato a Varese nel 1993, e si è laureato in Nuove tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano con una tesi sulla committenza pubblica in Italia.

Oggi frequenta il Master in Fotografia e arti visive ed è impegnato nella collaborazione tra Accademia di Belle Arti di Brera e Istituto Nazionale dei Tumori di Milano dove inizierà un progetto personale e collettivo all’interno dello stesso Istituto.

La mostra termina domenica 17 marzo.

Gli orari di apertura: giovedì e venerdì dalle 15 alle 19; sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19.

L’ingresso è gratuito.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • In mostra i "Sogni nel cassetto" di Laura Pagliai

    • Gratis
    • dal 8 gennaio al 28 febbraio 2021
    • Bottega Matteotti
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento