Cellolandia di venerdì: Ernst Reijseger, i GrandiCellos, i Giovani Talenti e Mario Brunello

  • Dove
    sedi varie - vedi programma
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 17/06/2016 al 17/06/2016
    vedi programma
  • Prezzo
    vedi programma
  • Altre Informazioni

Cellolandia venerdì 17 giugno: Ernst Reijseger, i GrandiCellos, i Giovani Talenti e Mario Brunello

Ore 11
Chiostri Francescani – Ernst Reijseger & i GrandiCellos
Ore 19 Ravenna Basilica di San Vitale – I Giovani Talenti dei 100Cellos sotto la guida di Andres Lopez
Ore 21 Teatro Alighieri – Mario Brunello e il Coro del Friuli Venezia Giulia

Venerdì 17 giugno l’avventura mozzafiato di Cellolandia, che sta affascinando il pubblico del Festival e l’intera città di Ravenna, arriva alla sesta giornata con un triplice appuntamento, sempre salvo sorprese...

Si parte al mattino alle 11 ai Chiostri Francescani con il concerto di Ernst Reijseger al fianco dei GrandiCellos, ensemble di violoncellisti dall’età compresa fra i 15 e i 18 anni; alle 19 l’appuntamento quotidiano con i Vespri a San Vitale vedrà protagonisti, sotto la guida di Andres Lopez, i Giovani Talenti - un prezioso sottoinsieme dei 100Cellos la cui età va dai 10 ai 14 anni – che si esibiranno come solisti al fianco di altrettanti professionisti.

Il concerto della sera, alle 21 sul palco del Teatro Alighieri, porta con sé un altro grande virtuoso italiano, Mario Brunello nell'insolito ma accattivante abbinamento con il Coro del Friuli Venezia Giulia (diretto Paolo Paroni).

La prima parte del programma sarà interamente dedicata a Johann Sebastian Bach, con il mottetto BWV 230 “Lobet den Herrn, alle Heiden (Lodate il Signore, Popoli tutti)” e la Partita N.2 BWV 1004 (per la quale il musicista veneto suonerà un violincello, ossia un violoncello piccolo), con la celeberrima ed ardua “Ciaccona” eseguita nella versione con coro. La seconda parte sarà completamente conquistata dal “Sonnegesang” (Cantico del sole di Francesco d’Assisi) della più importante compositrice russa vivente, Sofija Gubajdulina per violoncello, per coro da camera, percussioni (Gruppo Blow Up composto da Pietro Pompei e Flavio Tanzi) e celesta (Ferdinando Mussutto). 

C’è una traccia potentemente religiosa nel programma che Mario Brunello porta a Ravenna Festival, a partire dal Mottetto a quattro voci di Bach, basato sul testo del Salmo 117 (Alleluia. / Celebrate il Signore, perché è buono; / perché eterna è la sua misericordia); per arrivare al “Cantico del sole di Francesco d’Assisi” della compositrice tartara, la cui produzione artistica è appunto caratterizzata dalla dimensione religiosa, accompagnata dalla convinzione circa le proprietà “mistiche” della musica. Mario Brunello, poi, aggiunge a tutto questo il proprio afflato “democratico” e la perenne voglia di sperimentare. Non a caso il programma comprende un brano composto da Bach per il violino, che il maestro veneto esegue (calato di un’ottava) con un “violincello”. Sperimentazione dunque, dal barocco alle partiture contemporanee. E sperimentazione come nella collaborazione con il Coro del Friuli. «So che l’abbinamento suona un po’ strano – commenta Brunello – ma è nelle caratteristiche del violoncello coltivare rapporti diversi. Come dimostra Sofija Gubajdulina e le sue musiche ispirate al Cantico delle creature. E io suonerò il violoncello e il gong!». L’artista di Castelfranco – che suona un violoncello Maggini del 1600 appartenuto a Benedetto Mazzacurati e successivamente a Franco Rossi del Quartetto Italiano - ha raccolto con entusiasmo il progetto di Giovanni Sollima; e non poteva essere altrimenti, visto che nella propria città tiene concerti, corsi e master class al Capannone Antiruggine, un’antica fabbrica dove si lavorava il ferro, sistemata e adibita a sala da concerto. E da anni porta la grande musica classica in vetta alle Dolomiti, per cercare il “vero silenzio”. Mario Brunello ha raccolto la sfida del collega («Con Sollima tutto può succedere») e la commenta così: «Il violoncello è uno strumento che fa combriccola per le sue caratteristiche. Da solo fa un’orchestra sinfonica, perché permette di suonare qualsiasi tessitura. È uno strumento che permette al dilettante di duettare subito con chi magari è un professionista che suona da anni. Qui sta la sua “democrazia”. Poi è una forte cassa di risonanza delle nostre emozioni che ci regala subito soddisfazioni, senza aspettare i risultati di anni di pratica».

Info e prevendite: 0544 249244 
Chiostri Francescani: biglietto 1 euro
Basilica di San Vitale: biglietto 1 euro
Teatro Alighieri: ingresso 20 euro (ridotto 18) / Speciale Giovani: 5 euro per under 14 / 9 euro per under 18 e universitari

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Il Concerto per Dante della Cappella musicale

    • Gratis
    • 20 settembre 2020
    • Basilica di San Francesco
  • “Invenzioni a due voci”, il concerto di Carlo Negroni e Luca Damiani

    • Gratis
    • 19 settembre 2020
    • Riserva Naturale di Alfonsine

I più visti

  • A Cervia appuntamento con il 40esimo "Festival dell'Aquilone": un mese di iniziative

    • Gratis
    • dal 3 settembre al 4 ottobre 2020
    • spiaggia libera di Cervia
  • Piazza del Popolo diventa un salone del gusto con le prelibatezze di "Bell'Italia"

    • da domani
    • dal 17 al 20 settembre 2020
    • Piazza del Popolo
  • Mei 2020: i live di Piero Pelù, Tosca, Ernia, Omar Pedrini e l'omaggio a Titta

    • Gratis
    • dal 2 al 4 ottobre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Festival di danza urbana e d’autore: a Ravenna torna "Ammutinamenti"

    • dal 12 al 19 settembre 2020
    • sedi varie - vedi programma
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RavennaToday è in caricamento