Chiamata alla città per Dante 2021: rivoluzione nella zona Dantesca e una 'Dante Design Gallery'

Esposizioni, musica, teatro, convegni, interventi urbanistici: sono alcuni dei temi attraverso i quali sarà celebrato il settimo centenario della morte di Dante Alighieri

Il "coro" di cittadini per la rappresentazioen di "Inferno"

Esposizioni, musica, teatro, convegni, interventi urbanistici: sono alcuni dei temi attraverso i quali sarà celebrato il settimo centenario della morte di Dante Alighieri. Un programma articolato che si sta tracciando nelle sue linee generali e, in alcuni ambiti, già in fase avanzata di progettazione. Ravenna sarà il fulcro di un’attività culturale che coinvolgerà tutta la città in termini di idee, luoghi e persone. Un’occasione che consentirà di vivere quest’evento come un momento di slancio e condivisione attorno alla figura Dante Alighieri. Un sistema di governance garantirà la migliore valorizzazione del patrimonio dantesco materiale e immateriale della città.

Novità nell’annuale dantesco

"Sono diverse le novità che si colgono fin dall'evento che sancisce l'apertura ufficiale, vale a dire la cerimonia dell'annuale dantesco, nella seconda domenica di settembre - spiega l'assessore alla cultura Elsa Signorino - Quest’anno, infatti, è previsto il coinvolgimento di Cantiere Dante con un progetto performativo di Marco Martinelli ed Ermanna Montanari insieme al "coro" di cittadini che ha aderito al Cantiere Dante per la rappresentazione di Inferno. Altra novità la partecipazione all'evento della città di Matera, capitale europea 2019 della Cultura, una mostra con un focus ravvicinato sugli anni dell'esilio di Dante a Ravenna, una mostra organizzata dall'Arcidiocesi di Ravenna-Cervia sulla relazione tra la stesura della Divina Commedia e il patrimonio musivo ravennate e l'avvio del programma di nuova toponomastica. Tutto ciò si inserirà negli elementi tradizionali: la lectio magistralis in Classense; la cerimonia religiosa costituita dalla “Messa di Dante” tenuta dall’Ordine Minore dei Conventuali francescani in San Francesco; la cerimonia del dono dell’olio alla lampada votiva da parte del Comune di Firenze, con la presenza delle autorità alla Tomba di Dante".

"Arriviamo a un momento decisivo del percorso che ci porterà alle celebrazioni dantesche del 2021, e il nostro obiettivo è quello di essere all'altezza di un compito che la storia immeritatamente ci affida, un evento che ha lasciato segni indelebili sulla nostra città – afferma il sindaco Michele de Pascale - Abbiamo una responsabilità enorme sulle spalle e un onore altrettanto grande. La presenza di Dante e la sua morte nella nostra città ha stimolato per anni generazioni di artisti e di ravennati: quindi, in occasione del settimo centenario,vogliamo che Dante torni a essere ispirazione e sfida per tutta l'offerta culturale della nostra città. Fin da subito abbiamo lavorato per fare in modo che Ravenna rivestisse un ruolo da protagonista firmando un importante protocollo d’intesa con la Regione, che vede la nostra città punto di riferimento in Emilia-Romagna nel settimo centenario e concordano una strategia con le città di Firenze e Verona per mettere in atto una progettualità congiunta. Di recente si è riunito per la prima volta il comitato nazionale per le celebrazioni dantesche del 2021 che ha indicato Ravenna come la città che aprirà l’anno celebrativo: il quattro settembre del 2020 daremo inizio ai festeggiamenti per il Sommo Poeta con un grandissimo evento di caratura internazionale curato da Ravenna Festival.  E questo è soltanto l’inizio, stiamo progettando e costruendo un programma di eventi e interventi con una grande visione, capace di indagare e celebrare la figura di Dante attraverso innumerevoli linguaggi e modalità e che si arricchirà con il tempo dei contributi della città intera. Annunciamo oggi i componenti del comitato per le celebrazioni, figure di grande spessore e competenza scientifica, espressioni di mondi differenti: Arte, Università, Imprenditoria e Istituzioni. Un comitato che sarà in grado di garantire una straordinaria energia progettuale costituita da una molteplicità di visioni”.

Gli interventi strutturali

Un “monumento” a Dante - Un segno importante nella città sarà dato da un monumento celebrativo affidato al linguaggio del mosaico contemporaneo per il quale verrà attivato un processo di selezione partecipativo.

Il riallestimento del Museo Dantesco - Il nuovo allestimento del Museo Dantesco, per una migliore fruizione e per coerenza espositiva e scientifica, restituirà una linea unitaria chiara e attrattiva. È stato avviato un percorso di corresponsabilità tra le parti che ha portato all’individuazione di un Comitato Scientifico che ha delineato un progetto di riallestimento con una consistente parte multimediale e digitale interattiva. 

Dante Design Gallery (bookshop 2.0 nella “casa di Dante”) - Il progetto intende indagare il mito di Dante attraverso la collaborazione con le aziende di design per realizzare oggetti “pop”, installazioni, pubblicazioni e tanto altro.  Un approccio contemporaneo che vuole dialogare con il mondo del design industriale e della comunicazione visiva per contribuire a realizzare un vero e proprio brand da associare, in modo ancora più forte, all’immagine di Ravenna. Il bookshop2.0 diventa l’inizio di un percorso integrato all’area della tomba di Dante e si trasforma in una vera e propria galleria di design. L'allestimento dovrà essere dinamico e modulare, in grado di cambiare pelle e consentire un rinnovamento continuo della modalità di esposizione dei prodotti esposti. La galleria diventa anche uno spazio per ospitare talk e iniziative legate al tema Dante/design.

Il nuovo ingresso della Classense - L’intervento, che permette di ricucire due parti di città, rappresenterà il primo passo per una ridefinizione generale della zona dantesca attraverso un concorso di idee, ha come cardine l’affaccio su Piazza dei Caduti unitamente all’accesso alla scuola Guido Novello e punta alla valorizzazione e a una maggiore integrazione dei due edifici, Scuola e Biblioteca, luoghi in cui la cultura prende forma, salvaguardandone allo stesso tempo l’indipendenza. Tramite l’adattamento di quella che al momento è una finestra della Classense, mediante la riqualificazione della corte interna alla scuola e seguendo le tracce di un antico acciottolato che arrivano fino al chiostro minore dell’ex Monastero, sarà realizzato un collegamento tra le due aree verdi che entrano a far parte dell’intero percorso che giunge fino alla zona Dantesca e Piazza dei Caduti come snodo.

Eventi

Nel settembre 2020 si svolgerà nei luoghi danteschi un appuntamento di valenza internazionale con personalità artistiche di eccellenza, curato da Ravenna Festival, che aprirà l’anno delle celebrazioni. Il teatro e le arti performative saranno uno strumento privilegiato per avvicinarci a Dante. Ravenna Festival dedicherà la Trilogia d’autunno al Sommo Poeta così come l’edizione 2021 di Ravenna Festival a completamento di un percorso di tributo avviato dal 2015 con la rassegna Giovani Artisti per Dante che vede la rappresentazione di progetti performativi nei chiostri per 60 giorni, e attraverso progetti commissionati ad artisti che operano nei diversi linguaggi della creazione contemporanea. Tra questi la rappresentazione della Divina Commedia attraverso il coinvolgimento della cittadinanza e degli spazi urbani affidata a Ravenna Teatro. Dopo l’Inferno dell’edizione 2017, della quale sono state realizzate 34 rappresentazioni con la partecipazione di oltre 1000 cittadini e un successo di pubblico straordinario come testimonia il sold out di tutte le recite in programma, sarà la volta del Purgatorio nel 2019 e nel 2021 del Paradiso.

Studi, ricerca, didattica, divulgazione

Congresso Internazionale Dantesco / Dante International Conference - Si tratta di un confronto internazionale tra tutti gli studiosi che nei diversi ambiti si siano occupati del lascito dantesco, dall’astrofisica alla filologia, dalla storia dell’arte alla comparatistica. La prima edizione ha registrato oltre 200 relatori che si sono confrontati in tre giorni di workshop aperti alla città. La seconda edizione è prevista dal 29 maggio al 1° giugno 2019, mentre la terza è prevista per la fine di maggio 2021.

ADI Associazione degli Italianisti - Avviata nel 2018, la collaborazione con la sezione dantesca dell’ADI ha presentato a Ravenna il progetto sperimentale di didattica dantesca che ha coinvolto diverse scuole italiane riunitesi a Ravenna per la presentazione dei risultati. Tale progetto assunto dal Ministero della Pubblica Istruzione quale progetto formativo attivo almeno fino al 2021 avrà come luogo di conclusione e confronto Ravenna anche per gli anni successivi.

Esposizioni e immagine coordinata

Sarà inaugurato nell’autunno del 2020 un grande evento espositivo, anche sviluppando la collaborazione già avviata con le città di Firenze e Verona. Si sta, inoltre, lavorando all’organizzazione di una mostra che indagherà il mito di Dante nella contemporaneità. La prima tappa del percorso dantesco è quella di elaborare un’immagine che comprenda tutte le modalità comunicative e dia conto dell’identità dantesca di Ravenna attraverso il logo e il titolo dell’insieme degli eventi che costituiscono il percorso verso il 2021. L’individuazione dell’azienda può essere esso stesso metodo di lavoro, saranno infatti privilegiati i sistemi legati al confronto delle idee e alla partecipazione.

Ravenna per Dante 2018

Il Comune di Ravenna propone anche per il 2018 “Ravenna per Dante”, il sistema di eventi che vede il coinvolgimento di numerose realtà impegnate nella produzione di eventi, progetti innovativi e azioni promozionali di grande efficacia, con un esito che per qualità e quantità pone il calendario ravennate ai vertici della programmazione dantesca nazionale e internazionale. Dunque attraverso collaborazioni consolidate mediante il Tavolo Dantesco che vivrà quale strumento di confronto e operatività, scaturisce una programmazione per numeri ed eventi davvero rilevante in cui straordinario è il numero e la differenza dei soggetti coinvolti così come la tipologia degli eventi e i luoghi della città toccati. L'edizione 2018 si caratterizza per il focus sugli anni ravennati dell'esilio, attraverso una mostra realizzata in collaborazione con la Società Dantesca Italiana, la più prestigiosa istituzione dantesca al mondo, e un convegno internazionale. A Dante verrà poi dedicata una sezione espositiva in “War is over”, al Mar dal 6 ottobre al 13 gennaio 2019. Sempre al tema della guerra, letto nella prospettiva dantesca, verranno poi dedicate le Letture Classensi, in una feconda sinergia che tiene insieme, nel nome di Dante, le diverse progettualità delle istituzioni culturali cittadine.

Governance

Comitato per le celebrazioni dantesche - Oltre al sindaco e a Ennio Dirani, membro onorario, già direttore della biblioteca Oriani e membro prestigioso del comitato delle celebrazioni del 1965, il comitato è costituito da figure autorevoli provenienti dal mondo dell’arte e della cultura, dell’università, dell’imprenditoria e delle istituzioni. Con grande gratitudine il sindaco ha ottenuto la disponibilità a fare parte del comitato di Maria Cristina Mazzavillani Muti presidente di Ravenna Festival e di Marco Martinelli regista fondatore Teatro delle Albe. Inoltre fanno parte del comitato figure di riferimento per la città in abito culturale provenienti dalle principali istituzioni ed enti pubblici e privati: Elsa Signorino assessore alla cultura del Comune di Ravenna, Maurizio Tarantino direttore dell’Istituzione Biblioteca Classense, Don Lorenzo Rossini direttore dell’ufficio Beni culturali ecclesiastici, Manuela Mambelli vice presidente Comitato Diocesano per le celebrazioni dantesche, Agostina Melucci, dirigente dell’ufficio scolastico provinciale di Ravenna, Ernesto Giuseppe Alfieri presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, Domenico De Martino direttore artistico Dante 2021, Roberto Balzani presidente dell’IBC Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, Marianna Panebarco consigliere camerale, vice presidente nazionale Cna, Patrizia Passanti responsabile Cultura Confcommercio.

La componente scientifica del comitato sarà garantita da quattro accreditati rappresentanti accademici: Sebastiana Nobili docente di italianistica al dipartimento Beni culturali dell’Università di Bologna – sede di Ravenna, Laura Pasquini docente di iconografia presso il Dipartimento Storia, cultura e civiltà dell’Università di Bologna, Giuseppe Ledda docente di Letteratura, critica  e filologia dantesca al dipartimento di Filologia classica e italianistica dell’Università di Bologna, Alfredo Cottignoli già docente di italianistica al Dipartimento Beni Culturali dell’Università di Bologna. Alle riunioni del comitato parteciperà anche Francesca Masi in quanto responsabile del coordinamento degli eventi danteschi del Comune di Ravenna. Verrà chiesto inoltre al Ministero dei beni culturali se intende esprimere un suo rappresentante delle articolazioni territoriali (Sovraintendenza e/o Polo museale).

Piattaforma condivisa con i cittadini - Si lavorerà ad un progetto partecipativo che prevedrà l’utilizzo di strumenti digitali per coinvolgere e raccogliere proposte dell’intera comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, verrà sviluppato un  coordinamento dei sindaci emiliano-romagnoli e siglato un protocollo d’intesa tra Ravenna, Firenze e Verona e istituzione del comitato delle tre città dantesche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ravennate in Nuova Zelanda: "Guardavano noi italiani con diffidenza, ora il panico è arrivato anche qua"

  • A pochi giorni di distanza il Coronavirus porta via marito e moglie

  • Schianto fatale all'incrocio con un camion: perde la vita un 78enne

  • Schianto all'incrocio con un camion: anziano in ospedale in condizioni gravissime

  • Inquinamento alle stelle, valori record in tutta la Romagna: la spiegazione di Arpae

  • Il cuore grande dei romagnoli: vacanze in campeggio gratis per medici e infermieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento