La chiesa voluta da Teodorico e Palazzo Guiccioli: ecco le mete ravennati del Fai

  • Dove
    sedi varie - vedi programma
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 22/03/2019 al 24/03/2019
    vari orari - vedi programma
  • Prezzo
    3 euro
  • Altre Informazioni

Il 23 e 24 marzo tornano le Giornate Fai di Primavera che, come in tutte le occasioni, offrono tante visite e luoghi da scoprire. Tra luoghi dimenticati, monumenti da conoscere e spazi da riqualificare, la provincia di Ravenna offre una ricca varietà di itinerari che raccontano la storia e la cultura del suo territorio.

A Ravenna si possono visitare la Chiesa dello Spirito Santo (in vicolo degli Ariani) antica cattedrale del culto ariano fatta erigere nel VI secolo da Teodorico il Grande, e Palazzo Guiccioli (in via Cavour), costruito alla fine del 1600 dagli Osio, agli inizi dell’Ottocento fu acquistato dal conte Alessandro Guiccioli, uomo di rilievo nella vita economica e politica della Ravenna napoleonica.

Secondo una nota leggenda, nella chiesa dello Spirito Santo, ora affidata alla comunità romena ortodossa, avvenne il miracolo dei vescovi colombini: lo Spirito Santo sotto forma di colomba si posò sul capo del designato a succedere al proto-vescovo Apollinare. A pianta longitudinale, divisa in tre navate, con abside semicircolare, antistante un portico cinquecentesco, la chiesa, accanto cui sorge il Battistero, fu fatta realizzare dal re Teodorico e compare nella raffigurazione della città nel mosaico di Sant’Apollinare nuovo.

In occasione del suo matrimonio con Teresa Gamba, Alessandro Guiccioli fece dipingere pareti e soffitti del piano nobile pel suo Palazzo in linea con quanto Felice Giani e la sua scuola andavano facendo in molti palazzi romagnoli. Divenuto uno dei più eleganti palazzi della città, vi abitò G. G. Byron che trascorse con Teresa Gamba Guiccioli gli anni più felici e produttivi sul piano letterario della sua breve e leggendaria vita. Qui, protagonisti Lord Byron con Ruggero e Pietro Gamba, avvennero le prime cospirazioni politiche che portarono ai moti carbonari del 1820-21. Il palazzo fu abitato anche da Luigi Carlo Farini, tra gli artefici del Risorgimento italiano. Oggi di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, grazie ad un intervento di restauro appena concluso, ospiterà un nuovo museo cittadino.

Alla Chiesa dello Spirito Santo le visite si tengono domenica dalle 14.30 alle 17.00.
Per Palazzo Guiccioli la visita si tiene venerdì dalle 16:30 alle 18:30 , però questo orario di apertura è esclusivo per i prenotati, non sarà possibile accedere senza prenotazione alla mail di delegazione (75 posti disponibili): ravenna@delegazionefai.fondoambiente.it

Contributo suggerito a partire da: € 3,00

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento