La città non rinuncia all'arte: si potrà ancora vedere la mostra di "Dante Plus"

Con i musei chiusi la collettiva dedicata al Sommo Poeta rimarrà una delle poche esposizioni a disposizione dei ravennati

L'arte sopravvive in città nel nome di Dante. E così, mentre musei e gallerie sono costrette a tenere chiuse le proprie porte, la mostra collettiva “Uno, nessuno e centomila volti” presso la Biblioteca di Storia Contemporanea “Alfredo Oriani” di Ravenna, terminata in data 18 ottobre resterà comunque allestita e visibile 24 ore su 24, sempre nell'area esterna, vicino alla tomba di Dante Alighieri, fino a quando le restrizioni dettate dalle procedure di contenimento del Covid-19 non saranno terminate.

La mostra “Uno, nessuno e centomila volti”, è un'iniziativa  di Bonobolabo in compartecipazione con il Comune di Ravenna e fa parte del progetto Dante Plus che ha ricevuto il patrocinio da parte del Comitato Nazionale per la Celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Alcune delle opere del progetto Dante Plus sono state ritratte dal fotoreporter Massimo Sestini, che racconta la presenza di Dante ai giorni nostri, ed allestite in una mostra inaugurata al Palazzo del Quirinale dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Una parte della mostra “Uno, nessuno e centomila volti” inoltre verrà collocata all'interno del centro commerciale ESP di Ravenna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • Drammatico ritrovamento in casa: a fianco del divano bruciato il corpo senza vita di una donna

Torna su
RavennaToday è in caricamento