menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comico all’Alighieri: Debora Villa, Gabriele Cirilli, Alessandro Bergonzoni, Vito e Maria Pia Timo

La rassegna di teatro comico promette risate: quattro appuntamenti in programma tra amori e Artusi, con sagacia e irresistibile ironia

Il Comune di Ravenna e Accademia Perduta/Romagna Teatri organizzano e presentano, nell’ambito della Stagione Teatrale 2018/2019 dell’Alighieri, l’attesa e amatissima rassegna di Teatro Comico.

“Ravenna - dichiara l’assessora alla Cultura Elsa Signorino - è città di teatro. La sesta arte è parte integrante dell’identità e dell’offerta culturale della nostra città. Con quella della stagione di teatro comico chiudiamo con soddisfazione le presentazioni dei calendari di appuntamenti per la stagione 2018/2019 per quanto concerne la prosa. Un ricco carnet di spettacoli che concilia gusti e inclinazioni di un pubblico attento e variegato come quello ravennate che dimostra di apprezzare sia le rappresentazioni teatrali tradizionalmente intese sia quelle di natura più ‘leggera’ e sperimentale.”

Quattro gli appuntamenti previsti, che porteranno sul palcoscenico ravennate alcuni indiscussi protagonisti della comicità nazionale, pronti a divertire il pubblico con il loro “graffio”, la loro sagacia, la loro irresistibile ironia. Ad alzare il sipario sulla rassegna saranno Vito e Maria Pia Timo, affiatatissima coppia artistica, con lo spettacolo L’Artusi, bollito d’amore. Seguiranno: Debora Villa, prima interprete femminile dello spettacolo tratto dal best seller di John Gray Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere; Gabriele Cirilli con Mi piace e Alessandro Bergonzoni con Trascendi e sali.
Artisti con linguaggi e cifre stilistiche molto diversi ma allineati dal raro talento di esprimere una comicità sempre raffinata, pungente, a volte “lunare” e mai superficiale. 

GLI SPETTACOLI

La nuova Stagione di Teatro Comico dell’Alighieri sarà inaugurata mercoledì 29 gennaio da Vito e Maria Pia Timo, protagonisti di L’Artusi, bollito d’amore, uno spettacolo di Roberto Pozzi diretto da Alessandro Benvenuti. Siamo a Firenze, sul finire dell’800, nella grande cucina di un romagnolo illustre in cui odori di soffritto, inchiostro e lumi a olio si diffondono nell’aria. Aneddoti, segreti, ingredienti e ricette sono racchiusi in un quaderno destinato a diventare uno dei libri più venduti al mondo, “la Bibbia” di ogni mamma italiana, La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene. Ma l’Artusi, come lo si chiama in famiglia, chi l’ha scritto? Tra ricostruzione storica e fantasia, amori e gelosie, in scena una commedia esilarante sulla nascita del libro che ha unito il gusto, la lingua e gli animi di un’intera nazione. 

Seguirà Debora Villa, prima interprete femminile a cimentarsi con il best seller di John Gray Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere. Il testo si basa su un pensiero tanto semplice quanto efficace: gli uomini e le donne vengono da due pianeti diversi. Debora Villa condurrà per mano il pubblico alla scoperta dell’altro sesso senza pregiudizi. Per la prima volta quindi, sarà una rappresentante di Venere a ricordarci, con la sua comicità travolgente e irriverente, raffinata e spiazzante, quali sono le clamorose differenze che caratterizzano i Marziani e le Venusiane (martedì 12 febbraio).

Gabriele Cirilli presenterà poi Mi piace. Viviamo tutti per un Like. La nostra vita è un continuo avere e dare un giudizio, sin dalla mattina quando ci alziamo e ci guardiamo allo specchio oppure quando scegliamo un vestito, gli amici da frequentare, quando ordiniamo al ristorante o quando scegliamo di andare in vacanza, i programmi tv da guardare, il film al cinema da vedere, il politico da votare, la musica da ascoltare o i libri da leggere, la dieta da fare, la squadra di calcio da tifare, le persone da seguire sui social. Riderne è fondamentale perché la risata è contagiosa, è una medicina, un rimedio contro tutto il nero che ci opprime (martedì 19 marzo).

Gli appuntamenti della rassegna si chiuderanno con Alessandro Bergonzoni e il suo nuovo spettacolo Trascendi e sali, uno spettacolo dove il disvelamento segue e anticipa la sparizione, dove la comicità non segue obbligatoriamente un ritmo costante e dove a volte le radici artistiche vengono mostrate per essere subito sotterrate di nuovo. Trascendi e sali come vettore artistico di tolleranza e pace, colmo di visioni che, magari, riusciranno a scatenare le forze positive esistenti nel nostro essere. Il comico si interroga per confessare e chiedere; tornare a indicare quello che “sicuramente forse” lui vede prima degli altri (giovedì 9 maggio).

Inizio rappresentazioni alle ore 21.

ABBONAMENTI
Platea e palchi 90 euro, ridotto 82 euro
Galleria e IV Ordine 74 euro, ridotto 66 euro
Loggione 44 euro
 
BIGLIETTI
Platea e palchi 24 euro, ridotto 22 euro
Galleria e IV Ordine 20 euro, ridotto 18 euro
Loggione 12 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento