Eventi

Concerti d’Autunno: tre mesi ricchi di musica fra artisti internazionali e giovani talenti

L'associazione musicale Angelo Mariani presenta le tre rassegne: "Concerti della Domenica", "Giovani in Musica" e "Ravenna Musica"

Presentata l’edizione 2021 dei Concerti d’Autunno curati dall’Associazione Musicale Angelo Mariani. A illustrarli il Presidente della Mariani Ernesto Giuseppe Alfieri  e il direttore artistico Romano Valentini.

Da domenica 3 ottobre a domenica 19 dicembre, presso il Palazzo dei Congressi, la Sala Corelli e il Teatro Alighieri, si intrecceranno i tre ‘palcoscenici’: quello di ‘Giovani in Musica’ la rassegna dedicata a chi si sta affacciando sulla scena artistica; quello dei ‘Concerti della Domenica’ la rassegna da camera che ospita vincitori di concorsi internazionali e artisti già in carriera; quello di ‘Ravenna Musica’, la stagione sinfonica di livello internazionale dell’Associazione Mariani.

Per recuperare quanto non si è potuto svolgere finora, la stagione risulta molto nutrita, con 10 Concerti della Domenica (anziché i consueti 7)  dal 3 ottobre al 19 dicembre, di cui 5 si terranno al Palazzo dei Congressi e 5 alla Sala Corelli, i 7 appuntamenti della rassegna “Giovani in Musica” dall’11 novembre al 3 dicembre alla Sala Corelli, un omaggio a Santa Cecilia protettrice della Musica e dei Musicisti il 21 novembre, e infine la stagione di punta dell’Angelo Mariani “Ravenna Musica” che si dipanerà per otto appuntamenti dal 27 ottobre all’8 dicembre al Teatro Alighieri.

“Ravenna Musica”- Teatro Alighieri ore 21

E’ senz’altro la manifestazione più attesa, la stagione “Ravenna Musica”, slittata a fine anno a causa del Covid19. Si avvicenderanno sul palco del Teatro Alighieri l’Orchestra Maderna diretta da Nicola Valentini e la partecipazione del soprano Valentina Corò per l’omaggio ad Angelo Mariani nel bicentenario della nascita (27 ottobre), il duo formato dal violoncellista Giovanni Gnocchi, che ha debuttato giovanissimo come solista in concerto per 2 violoncelli e orchestra assieme a Yo-Yo Ma, e dal pianista Roberto Cominati  vincitore nel 1993 del primo premio al Concorso “Ferruccio Busoni” di Bolzano (11 novembre), I Solisti Filarmonici Italiani, considerati tra le più importanti realtà da camera, guidati dal loro direttore e violino solista Federico Guglielmo (15 novembre). Nell’occasione verrà eseguito il Concerto di Mendelssohn con due solisti d’eccezione il violinista Gabriele Pieranunzi e la pianista Giorgia Tomassi. In programma anche il Concerto in re minore per due violini di J.S. Bach, solisti Gabriele Pieranunzi e Federico Guglielmo.

Torna l’Orchestra da Camera da Mantova con Alexander Lonquich nella doppia veste di direttore e pianista solista, per concludere l’integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven con l’esecuzione dei Concerti n. 4 e n. 5 (24 novembre).  Quindi Golaman Brass Quintet e l’Orchestra Arcangelo Corelli  diretta dal suo fondatore Jacopo Rivani daranno vita ad una divertente reinterpretazione dell’opera Aida di Verdi in occasione dei 150 anni dalla prima rappresentazione avvenuta nel 1871 al Cairo (30 novembre).  Il 1 dicembre saliranno sul palco i 45 elementi dell’Orchestra Leonore, diretta da Daniele Giorgi, e la partecipazione del ventitreenne pianista Emanuil Ivanov, vincitore assoluto della 62° edizione del Concorso Pianistico Busoni.  Il 6 dicembre verrà recuperato il concerto dell’Orchestra Antonio Vivaldi di Venezia con il celebre violinista Domenico Nordio nel duplice ruolo di violino solista e direttore. Infine l’8 dicembre l’Orchestra Filarmonica Italiana guidata dal celebre direttore Antonello Allemandi chiuderà la stagione con un omaggio a Cajkovskij.

I Concerti della Domenica al Palazzo dei Congressi -ore 11

Dal 3 ottobre prenderanno il via i Concerti della Domenica con la violoncellista Miriam Prandi, apprezzata  per la bellezza del suono, il volume e il fraseggio, vincitrice nel 2014 del Primo Premio assoluto al Rahn Musikpreis di Zurigo, che si esibirà in duo col pianista Alexander Romanovsky, vincitore a soli diciassette anni del Primo Premio al prestigioso Concorso Busoni di Bolzano.

Seguiranno le esibizioni del Trio Chagall, recentemente distintosi grazie alla vittoria del secondo premio (con primo premio non assegnato) alla ventesima edizione del Premio “Trio di Trieste (10 ottobre), del pianista Andrea Benelli che proporrà un Omaggio a Dante con musiche di sua composizione (17 ottobre), del violinista Enrico Onofri, direttore principale dell’Orchestra Toscanini, che si presenterà insieme all’Imaginarium Ensemble, il gruppo da camera da lui stesso fondato (24 ottobre).

Segnaliamo una particolarità: il successivo concerto del 31 ottobre si terrà alla Sala Corelli (invece che al Palazzo dei Congressi): la voce del violoncello di Andrea Noferini, primo violoncello solista del Teatro dell’Opera di Roma, vibrerà nell’aria accompagnata dalle note del pianista Denis Zardi, che all’attività di pianista affianca quella di compositore.

Il 7 novembre si torna al Palazzo dei Congressi per ascoltare il clarinettista Fabrizio Meloni, dal 1984 primo clarinetto solista dell’Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala, che si esibirà insieme al Quartetto d’Archi della Scala, gruppo risorto nel 2001 dopo una lunga interruzione grazie a quattro giovani musicisti  prime parti dell’Orchestra del Teatro.

Concerti della Domenica alla Sala Corelli - ore 11

Dal 28 novembre ci si sposterà definitivamente alla Sala Corelli dove troveremo  il duo formato dal flautista Filippo Mazzoli, collaboratore in qualità di primo flauto di varie formazioni di rilievo tra le quali l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, l’Orchestra del Teatro “C. Felice” di Genova, e dal pianista Olaf John Laneri vincitore nel 1998 della cinquantesima edizione del prestigioso concorso “F. Busoni” di Bolzano.

Il clarinetto di Dimitri Ashkenazy sarà protagonista dell’appuntamento del 5 dicembre. Molto attivo in ambito sinfonico, il clarinettista in ambito cameristico si è esibito con i quartetti Kodály e Faust, e con partner come Antonio Meneses, suo fratello Vovka Ashkenazy e suo padre  Vladimir Ashkenazy. Sarà accompagnato da Jorge Juarez, giovane pianista messicano residente a Imola, che dopo i diplomi presso i Conservatori del Messico, Bruno Maderna di Cesena e l’Accademia Pianistica Internazionale di Imola, ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale di Roma.

Il 12 dicembre prenderà posto al pianoforte Axel Trolese, ventiquattrenne pianista laureatosi al Conservatorio Nazionale Superiore di Parigi e all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Il concerto, ispirato al recentissimo cd uscito nel 2021 "Albéniz: Iberia" – I° volume dell'integrale discografico della Suite Iberia di Isaac Albéniz - sarà animato dalla partecipazione della brillante ballerina di flamenco Marta Roverato.

Chiude la rassegna il 19 dicembre il Quartetto Werther, formato da pianoforte, violino, viola, violoncello. Fondato a Roma nel 2016, si è formato alla Scuola di Musica di Fiesole e al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Realtà emergente nel panorama cameristico italiano, ha vinto il XXXIX Premio “Abbiati.

“Giovani in Musica” Sala Corelli  - ore 17

Dal 11 novembre al 3 dicembre si svolgerà alla Sala Corelli la XVII edizione della rassegna Giovani in Musica con sette appuntamenti che vedranno protagonisti gli allievi dei Conservatori di Genova, Ginevra, Bologna, Ravenna, affiancati dal vincitore del premio Alberghini e dagli allievi delle master class di Filippo Mazzoli e Giuseppe Albanese.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concerti d’Autunno: tre mesi ricchi di musica fra artisti internazionali e giovani talenti

RavennaToday è in caricamento