Roberto Vecchioni, mercante di sentimenti e passioni, al Pala de Andrè

  • Dove
    Pala De Andrè
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 14/06/2015 al 14/06/2015
    21.00
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Menestrelli contemporanei, in grado di cogliere lo spirito del tempo e di regalarne a tutti una sintesi in parole e musica: nella propria costante ricerca sulle diverse sfaccettature della musica, Ravenna Festival ha spesso dedicato uno spazio ai maggiori esponenti della canzone italiana d’autore. Ecco che questa edizione ha scelto un altro punto fermo e di eccellenza di questo panorama, il milanese Roberto Vecchioni: cantautore, paroliere, scrittore, poeta, insegnante e, oggi, anche attore. Domenica 14 giugno, ore 21 al Pala De Andrè, si arricchisce così un “palmares” composto già da nomi come quelli di Franco Battiato, Francesco De Gregori, Gino Paoli, Renato Zero, Peppe Servillo e Vinicio Capossela. Il “Professore” sarà protagonista, in assoluto primo piano, di un concerto-ritratto in cui sarà affiancato dai giovani musicisti dell’Orchestra Cherubini, diretta da Mario Menicagli.

Il concerto è stato reso possibile dalla collaborazione di CMC, Federazione delle Cooperative della provincia di Ravenna e Legacoop Romagna.

Roberto Vecchioni, classe 1943 (compie gli anni il 25 giugno), “professore” della canzone italiana, ha sempre alternato liriche di grande intensità culturale e canzoni all’italiana, scritte in ogni caso con estrema raffinatezza. Nella sua opera, è ricorrente l’intrecciarsi del proprio essere con i più svariati miti della storia, della letteratura o dell’arte, questi ultimi presi in prestito, non tanto per descriverne le gesta, piuttosto come espediente per rappresentare una parte di sé. Molto spesso nella stesura delle proprie liriche ha utilizzato la struttura del monologo: testi in prima persona, con i quali racconta, e si racconta, a qualcuno. Meno frequentemente c’è un dialogo, ad esempio nella semplice forma di “recitativo”, in funzione di prologo. In ogni caso c’è sempre la ricerca del contatto, della comunicazione, fino ad arrivare alla confessione: «Io non appartengo più alle cose del mio tempo / non mi riconosco più, lì nascosto dietro un canto».

Il programma immaginato per Ravenna Festival prevede una alternanza di tracce musicali (cui certamente si aggiungeranno attesissimi “bis”) e cinque stacchi “parlati”, in cui Roberto Vecchioni esplicita le scelte musicali e in realtà racconta la propria storia, artistica e non solo.  E’ con questa alternanza, sempre preziosa e calibrata, che Roberto Vecchioni ha composto la partitura de “Il mercante di luce”, concerto-ritratto, addirittura biografia sul pentagramma (oltre che riferimento esplicito al proprio romanzo omonimo), immersa nella meraviglia di una compagine orchestrale perfetta per il proprio percorso culturale: un “professore” non poteva che scegliere un’orchestra di giovani straordinari come la Cherubini. Perché i giovani sono «contrabbandieri di sogni, se li portano dentro, te li vendono sottobanco – commento l’artista – e tu ci caschi ogni volta, pensi di volertene andare e invece sei sempre con loro». A maggior ragione in un’occasione come questa, di un evento che interazione fra musica e parole.

Oltre ai brani arrangiati per orchestra, ritaglierà per sé due intensi momenti di sola voce e chitarra (“Le lettere d’amore”); e voce e violino (“Vincent”). Arrivando naturalmente a “Chiamami ancora amore” che gli ha portato il primo posto a Sanremo nel 2011; senza dimenticare i propri gioielli d’autore, da “Luci a San Siro”, del primo album; a “Samarcanda”, il titolo probabilmente più pop di tutti. Non un semplice concerto ma, come ha spiegato durante le prove dell’anteprima di Milano, «un’interazione di musica e parole, con la quale cerco di raccontare il mondo del bello, partendo da alcuni mie personaggi, che nascono dalla letteratura e dalla cultura. Per questo sono compresi anche inserti con versi di Saffo e di altri poeti». 

Info e prevendite: 0544 249244 – www.ravennafestival.org
Biglietteria serale al Pala De Andrè dalle 19.00: tel. 331 1795599
Biglietti: da 12 euro (ridotti 10) a 35 euro (ridotti 32).
‘I giovani al festival’: fino a 14 anni, 5 euro; da 14 a 18 anni, 50% tariffe ridotte.

Il pullman del Festival per gli spettacoli al Pala de Andrè
Stazione > Pala de Andrè - 2 corse ore 20.15 e 20.30
Per tutti gli spettacoli in programma al Pala de Andrè è attivo il servizio navetta straordinario e gratuito dedicato al pubblico del Festival organizzato in collaborazione con Start Romagna. I pullman identificabili dal logo di Ravenna Festival percorreranno 2 volte la tratta Stazione Ferroviaria – Palazzo M. De André con partenza alle ore 20.15 e 20.30 da Piazza Farini. Al termine degli spettacoli due corse riporteranno gli spettatori al capolinea.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • La giovane orchestra europea di Paolo Olmi protagonista del Concerto di Natale Cervia-Betlemme

    • 8 dicembre 2019
    • Teatro Walter Chiari
  • Il maestro Parmeggiani guida la Young Musicians European Orchestra nel Concerto di Natale

    • 9 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • La voce di Noreda Graves è protagonista nel concerto di Capodanno

    • Gratis
    • 1 gennaio 2020
    • Teatro Alighieri

I più visti

  • Sogni e visioni a Natale: le spettacolari videoproiezioni di "Ravenna in Luce"

    • Gratis
    • dal 18 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar, San Vitale e Battistero degli Ariani
  • Mosaici di Lego: gli 800mila mattoncini di Riccardo Zangelmi in "Forever young"

    • dal 5 ottobre 2019 al 12 gennaio 2020
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • "Il privilegio dell’inquietudine": la grande grafica nella mostra dedicata ad Albrecht Dürer

    • Gratis
    • dal 21 settembre 2019 al 19 gennaio 2020
    • Museo Civico delle Cappuccine
  • Sculture di luci, Paolo Cevoli e alberi di Natale: grandi emozioni per l'Immacolata

    • Gratis
    • dal 7 al 8 dicembre 2019
    • Sedi varie: Cervia, Milano Marittima
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento