menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna il concorso "Un racconto in pentagramma"

E' dedicata al tema “Quella volta al concerto” la nuova edizione del concorso letterario per racconti sulla musica in cinque righe

Anche quest'anno, in occasione del Mei 2019, torna  “Un racconto in pentagramma”, il concorso letterario in 5 righe realizzato da Musicacademy.

Il concorso è aperto a tutti i cittadini, italiani e stranieri, purché di età pari o superiore ai 14 anni e si può partecipare entro il 15 settembre. La partecipazione al concorso è gratuita.

Quest'anno il tema prescelto per i racconti è “Quella volta al concerto”, sempre riferito all’ambito musicale.

Informazioni sul concorso

Ogni autore può partecipare con un solo racconto originale, inedito (sia su carta che su web) e in lingua italiana.

Non si accettano opere anonime o il cui autore sia indicato con uno pseudonimo o nome d’arte.

Per la partecipazione dei minorenni è necessaria l’autorizzazione di uno dei genitori o di chi esercita la potestà parentale, esplicitata compilando il modulo di iscrizione al concorso.

Gli elaborati devono pervenire esclusivamente tramite posta elettronica all’indirizzo info@musicacademy.it. Essi devono essere inviati come file allegati ad una e-mail avente come oggetto “Un racconto in pentagramma” e come testo: nome, cognome, data di nascita, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo email dell’autore. Gli autori sono tenuti a inviare in allegato anche il modulo di iscrizione al concorso debitamente compilato (da richiedere all’organizzazione nel caso non sia disponibile su web). Non si dà alcun avviso di ricezione. 

Regole per il testo

Il testo non deve superare il limite massimo di 5 righe. A pena di esclusione il testo deve essere:

  1. Compilato con carattere Times New Roman, corpo 12, interlinea 1,5, giustificato, per un complessivo di 60 caratteri per riga (spazi compresi). Il racconto deve essere al massimo di 5 righe per un totale complessivo di 300 battute (spazi compresi). Il titolo è escluso dal computo delle Racconti più lunghi o non rispettanti altri parametri verranno scartati senza alcun preavviso.
  2. Dopo i segni di interpunzione (, ; : ? ! .) va sempre inserito uno spazio. L’unica eccezione ammessa è se il segno di interpunzione è in fondo a una riga (in questo caso si può evitare di inserire lo spazio). I racconti verranno controllati e se manca lo spazio dopo i segni di interpunzione, lo spazio mancante verrà aggiunto e conteggiato nel numero totale di battute ammesse.
  3. Il testo non deve essere firmato ne riportare alcun segno di riconoscimento o il nome e cognome dell’autore.
  4. Ogni racconto deve recare un titolo che non verrà conteggiato all’interno delle 5 righe.
  5. Il file deve essere salvato in formato Non verranno presi in considerazione racconti in altri formati.

Giuria e premiazione

Le opere verranno valutate da una giuria di esperti il cui giudizio è insindacabile ed inappellabile.
La giuria sceglierà un’opera vincitrice e una rosa di opere La giuria si riserva la facoltà, ove lo ritenga opportuno, di non assegnare premi.

La premiazione avverrà a Faenza durante il MEI Meeting delle Etichette Indipendenti a cura dello scrittore Cristiano Cavina. Tutti gli autori dei racconti sono invitati. La direzione del concorso non invierà alcun invito o comunicazione specifica ai vincitori, come non saranno comunicati o resi noti i giudizi sugli elaborati non classificati. Gli autori delle opere vincitrici o segnalate dovranno leggere il proprio testo durante la cerimonia di premiazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento