rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cultura Cervia

Si svela a Cervia il libro "La fortuna di chiamarsi Bruno Guidazzi"

Zimbo rimarrà per sempre una leggenda cittadina, un narratore ironico e piacevole che ha lasciato un’impronta indelebile nella vita dei cervesi e che fino all’ultimo ha vissuto e affrontato la sofferenza con straordinaria dignità e riservatezza

 Bruno Guidazzi, meglio conosciuto come Zimbo, è uno dei personaggi più noti di Cervia, e non solo. Senza esagerare è possibile definirlo un personaggio simbolo della Romagna e, a distanza di circa due anni dalla sua morte, Risguardi Edizioni e Marina Mingori lo ricordano con un libro. Nel libro "La fortuna di chiamarsi Bruno Guidazzi. A spasso per Cervia con Walter Chiari" si ripercorre la vita straordinaria di Zimbo, e non solo, perché, come afferma nell’introduzione il sindaco di Cervia Luca Coffari, un libro che racconta Bruno Guidazzi è un libro che racconta decenni della storia di Cervia a partire dagli anni Sessanta. Zimbo è stato un importante punto di riferimento per Cervia, un personaggio che, nonostante la popolarità, non ha mai dimenticato la sua terra e ha mantenuto radici profonde nella sua città.

Solo per citare alcuni esempi del legame profondo tra Zimbo e Cervia, ricordiamo “Il Sarchiapone”, il concorso per giovani talenti comici abbinato al “Premio Walter Chiari” e ideato, appunto, in memoria dell’amico Walter, concorso che la città di Cervia ha ospitato per ventidue anni e continua a ospitare grazie alla volontà dei famigliari e dell’amministrazione comunale. Zimbo lo ricordiamo anche come ideatore di “A spass par Zirvia”, il celebre mercatino di prodotti tipici dell’artigianato e della tradizione, oggi appuntamento immancabile dell’ultima domenica dei mesi invernali nella “città del sale”.

In questo libro-intervista (e molto di più) a firma di Marina Mingori e realizzato con il patrocinio del Comune di Cervia, troviamo pezzi di vita di un personaggio di spettacolo e di cultura, di un comunicatore, di un cervese di stile mai impreparato che sembra avere una risposta a tutto, anche alle domande inaspettate. Il tutto raccontato attraverso i colloqui di Marina Mingori con Bruno Guidazzi e i ricordi di Walter Chiari, l’incontro con il quale fu decisivo per Guidazzi, quasi uno spartiacque nella sua vita.  

Zimbo rimarrà per sempre una leggenda cittadina, un narratore ironico e piacevole che ha lasciato un’impronta indelebile nella vita dei cervesi e che fino all’ultimo ha vissuto e affrontato la sofferenza con straordinaria dignità e riservatezza. La presentazione ufficiale del libro si terrà lunedì alle 20.30 ai Magazzini del Sale Torre a Cervia (Sala Musa). Saranno presenti, l’autrice Mingori, Gabriele Armuzzi, il vice sindaco di Cervia, e i famigliari di Bruno, la moglie Claudia Bissi e il figlio Paolo.   

“Bruno è stato un personaggio di spettacolo e di cultura, che ha lasciato un’impronta indelebile nella vita cittadina e nel cuore dei cervesi. – dichiara il sindaco di Cervia Luca Coffari- Questa pubblicazione non parla solo della vita di un uomo estremamente eclettico e molto caro alla città ma racconta decenni della storia di Cervia a partire dagli anni sessanta. Pagine che illustrano  lo sviluppo  del territorio visto attraverso gli occhi di chi ha saputo ben coniugare la tradizione  con il nuovo e l’evoluzione ”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si svela a Cervia il libro "La fortuna di chiamarsi Bruno Guidazzi"

RavennaToday è in caricamento