menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La stagione concertistica di Capire la Musica riparte con l’anno nuovo

Mercoledì 27 gennaio in occasione della Giornata della Memoria delle vittime dell’Olocausto al Convento della Chiesa dei Cappuccini, via Oberdan, Ravenna, alle ore 21

La stagione concertistica di Capire la Musica riparte con l’anno nuovo e con un’occasione ricca di pathos e raccoglimento. Il prossimo appuntamento sarà infatti  Mercoledì 27 gennaio in occasione della Giornata della Memoria delle vittime dell’Olocausto al Convento della Chiesa dei Cappuccini, via Oberdan, Ravenna, alle ore 21. La Cooperativa Emilia Romagna Concerti ha un rapporto di lunga data con lo Stato di Israele e con le sue Istituzioni politiche e culturali.Vanno ricordati a tale proposito i Concerti di Pasqua organizzati insieme alla RAI da Gerusalemme nel 2013 e 2014 e il Concerto eseguito al Jerusalem Museum in occasione della esposizione della Natività del Botticelli.

Anche il Concerto di Pasqua a Ravenna del 2014 nella Basilica di S. Apollinare Nuovo vedeva la partecipazioni di numerosi musicisti Israeliani inviati dal loro Governo.Inoltre i numerosi progetti musicali realizzati in Terra Santa da Erconcerti non avrebbero potuto svolgersi senza la collaborazione del Governo Israeliano.In attesa di prossime iniziative natalizie nel 2016 a Gerusalemme e Betlemme, che sono già in cantiere in collaborazione con Matera Capitale della Cultura 2019, Erconcerti e Amnesty International hanno programmato per il 27 gennaio un Concerto della Memoria che unirà alla parte musicale la lettura di alcuni testi al fine di rendere più significativa e consapevole la partecipazione alla serata.

Il gruppo Italia 87, la sezione ravennate di Amnesty International, condivide con la cooperativa  Emilia Romagna concerti il ricordo delle piccole vittime dei campi di sterminio offrendo alcune delle loro testimonianze poetiche e figurative.Dopo una breve introduzione letta da Mario Battaglia e incentrata sulle Sacre Scritture saranno sei giovani studenti ravennati provenienti dal Liceo Classico, Francesca De Lorenzi e Emanuele D’Eliseo, dal Liceo Scientifico, Angelica Achilli e Mattia Tusoni e dall’Itis, Silvia Dughiero e Nicola Giannelli, a leggere alcune brevi composizioni scritte da bambini e adolescenti internati nel Campo di Concentramento di Terezin.Saranno presenti anche alcuni allievi del Liceo Artistico che tradurranno in immagini e colori le suggestioni e le emozioni suscitate dalla musica e dai testi. La  parte visiva della serata è a cura di Leonardo Casadei.

La parte musicale sarà eseguita dal giovane Quartetto Adorno composto da Edoardo Zozi e Liù Pelliciari violini, Benedetta Bucci viola e Danilo Squitieri violoncello. Il programma prevede: Shostakovich Quartetto n. 8 op. 110 “In memoria delle vittime del fascismo e della guerra”, Webern “Langsamer Satz”, David Zehavi e Hanna Sznes “Towards Caesarea”, Barber  il celebre “Adagio”. Per l'aria "Lascia ch'io pianga" di Haendel si aggiungeranno al Quartetto Rebecca Vannicelli mezzosoprano e Chiara Cattani clavicembalo.L'iniziativa è rivolta soprattutto al nuovo pubblico grazie anche al prezioso contributo dell'Ambasciata di Israele in Italia che promuove la partecipazione dei giovani e degli studenti alle manifestazioni in commemorazione della Shoah.Per i bambini sotto i 14 anni il prezzo del biglietto è di 1 euro. Per gli adulti prezzo unico a 8 euro, sconto a 6 euro per i Cral. Agli abbonati della rassegna “Capire la Musica” saranno riservati i posti nelle prime file della Chiesa.I biglietti possono essere acquistati alla biglietteria del Teatro Alighieri, vendita anche online su www.teatroalighieri.org, alle filiali della Cassa di Risparmio di Ravenna e negli Uffici IAT di Ravenna e Cervia. La biglietteria alla Chiesa del Convento dei Cappuccini sarà aperta il giorno stesso del Concerto dalle ore 20.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento