Stefano babini e Lele Vianello presentano "Indians" a Lugo

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Mercoledì 9 dicembre, alle ore 21 presso l’Ala D’Oro, Stefano Babini e Lele Vianello presentano il loro libro “Indians", edito con il marchio Dark Crow, una etichetta indipendente che fa capo direttamente ai due autori. Un “brossurato” di 124 pagine a colori stampato su carta lucida di eccellente qualità.  Il tema delle illustrazioni è quello sintetizzato dal titolo: gli indiani d'America. Sono in realtà scelti come simbolo di libertà, di ribellione, di vita a contatto con la natura, di fierezza, di avventura, di magia. Ma anche di erotismo, bellezza, sogno, leggenda, visione. Si tratta di un’autoproduzione. Quando gli editori non sono in grado di garantire ai realizzatori di un'opera un dignitoso compenso per il loro lavoro, capita che scrittori e illustratori scelgano di investire su se stessi e di stampare in proprio quanto hanno ideato, con tutti gli oneri e gli onori che ne conseguono. 

Disegni senza firma, mescolati fra loro, così che diventa persino una sfida divertente capire chi dei due ha disegnato cosa, essendo i loro stili assimilabili e di diretta derivazione da quello Prattiano. Stefano Babini, studente presso l’Istituto d’Arte per il Mosaico di Ravenna, inizia la sua attività nel mondo del fumetto come inchiostratore per alcune testate erotiche della Edifumetto. Entra in contatto con Hugo Pratt e frequenta il suo studio in Svizzera. Lele, ovvero Raffaele Vianello, è considerato uno dei migliori artisti del fumetto italiano.

I più letti
Torna su
RavennaToday è in caricamento