Davide Sacco e Agata Tomsic di ErosAntEros: il teatro riflette sul '68

Ultimo appuntamento per il 2018 de “I Sabati del Moog”, la rassegna curata da Ivano Mazzani nel locale di vicolo Padenna 5 a Ravenna. Sabato 15 dicembre, alle 18.00, sono protagonisti Davide Sacco e Agata Tomsic di ErosAntEros con una riflessione che coinvolge teatro e storia. Al centro del dialogo le parole e le immagini dello spettacolo “Vogliamo Tutto!”, portato in scena nel 2018 dalla compagnia ravennate.

“L’immaginazione al potere!”, “Non è che un inizio!”, “La bellezza è per strada!”, “Diamo l’assalto al cielo!”, “Prendete i vostri desideri per realtà!”. Questi sono solo alcuni degli slogan che hanno invaso le strade delle città studentesche nel Sessantotto. 
Un fenomeno incendiario che in diversi paesi e con modalità differenti ha provocato rivoluzioni in tutti gli ambiti della società e che viene ripercorso da ErosAntEros all'interno di un flusso di testo interpretato da una sola figura in scena. È una giovane militante in abiti contemporanei che si trova nella situazione paradossale di voler trasmettere lo slancio e la dimensione collettiva delle lotte in completa solitudine, utilizzando le parole di ieri come fossero quelle di oggi, contrappuntata da un montaggio video in cui le immagini d’archivio si mescolano a quelle odierne per far emergere rotture e analogie. Per farlo sono state raccolte le testimonianze dei protagonisti del ‘68 e dei movimenti di oggi. Le voci dei militanti contemporanei, assieme alle canzoni di lotta del passato e del presente, concorrono alla creazione di un paesaggio sonoro che trae ispirazione dalle composizioni per voce e nastro di Luigi Nono.

ErosAntEros nasce dall'unione di Davide Sacco, regista e music designer, e Agata Tomsic, attrice e drammaturga, nel gennaio del 2010. Dopo i primi lavori concentrano le proprie indagini sul ruolo dell’artista all’interno della società contemporanea, perseguendo due principali linee di ricerca: una vicina al teatro musicale e focalizzata sul rapporto tra voce e suono (“Sulla difficoltà di dire la verità” nel 2014; “1917” nel 2017), l’altra fondata sull’interrogazione drammaturgica del dispositivo teatrale e sulla relazione con lo spettatore (“Come le lucciole” nel 2015; “Allarmi!” Nel 2016).
Negli ultimi anni sono stati prodotti da importanti istituzioni teatrali, quali il teatro nazionale ERT - Emilia Romagna Teatro (“Allarmi!”), il prestigioso Ravenna Festival (“1917”) e TPE - Teatro Piemonte Europa (“Vogliamo tutto!”, 2018), perseguendo un teatro impegnato che non rinuncia al valore estetico della forma, in forte relazione con la storia, il presente e i luoghi in cui viene creato. Dal 2018 Davide e Agata dirigono a Ravenna POLIS Teatro Festival.

L'appuntamento è a ingresso libero.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • "Progetto Dare": sette appuntamenti online tra immagini, web serie e giochi per disegnare la Darsena

    • Gratis
    • dal 9 aprile al 15 maggio 2021
    • online
  • Una Festa della Mamma in fiore con le azalee solidali dello Ior

    • 9 maggio 2021
    • sedi Ior
  • Tornano i banchetti dei volontari Telethon per la Festa della mamma

    • da domani
    • dal 6 al 8 maggio 2021
    • centro commerciale Il Globo di Lugo e piazza Baracca

I più visti

  • “Aspettando Bell'Italia”: tornano in piazza le gustose tradizioni regionali

    • Gratis
    • dal 7 al 9 maggio 2021
    • Piazza della Libertà
  • Un itinerario in pineta sulle tracce del lupo

    • 9 maggio 2021
    • Fosso Ghiaia, pressi parco Primo Maggio
  • L'eterno fascino di piante e fiori si riscopre con le visite ai “Giardini segreti”

    • Gratis
    • dal 8 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma
  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento