De Pascale: "Nel 2018 tornano le grandi mostre a Ravenna". Anche le opere di Picasso

Si chiama War is over? la grande esposizione del 2018, si terrà in autunno e ospiterà opere di Picasso, De Chirico, Warhol e altri. Spazio anche a grafica, scultura e fotografia

Con il nuovo anno tornano le grandi mostre. Lo conferma il sindaco Michele De Pascale alla presentazione delle mostre del Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna. Saranno quattro i grandi eventi ospitati dal Mar nel 2018. 

Il tassello più importante del 2018 sembra essere rappresentato dalla mostra “War is over? Arte e conflitti tra mito e contemporaneità” che celebra e si collega idealmente al centenario della fine della prima guerra mondiale. L'esposizione conterrà opere di Picasso dedicate alla guerra, e lavori di altri artisti contemporanei tra cui spiccano Abramovic, Marinetti, Boetti, Burri, De Chirico, Haring, Kiefer, Kentridge e  Warhol.
La mostra, curata da Angela Tecce con l'allestimento studiato e realizzato da Studio Azzurro, avrà luogo dal 7 ottobre 2018 al 13 gennaio 2019. "Una scelta autunnale coraggiosa - dichiara De Pascale - che ha l’obiettivo di rendere, insieme alla Trilogia d’Autunno e alla Notte d’Oro, questa stagione ricchissima di opportunità che consentano di intercettare anche nuovi flussi turistici". Ulteriore obiettivo di Ravenna è una promozione integrata con gli altri eventi espositivi della Regione.

"War is over sarà una mostra raccolta, con al massimo 40-50 opere d'arte, ma di grande impatto che facciano da fari o bussole all'interno dell'allestimento" rivela il direttore del Mar Maurizio Tarantino. L'intento è creare un percorso non statico, dal quale nascono sviluppi contemporanei con installazioni video, fotografia e incursioni nella letteratura e nella filosofia.

Primo passo di questa nuova "stagione" sarà il Premio di incisione Giuseppe Maestri, dal 21 gennaio al 18 marzo, una  manifestazione dedicata alla memoria dell'incisore e torcoliere ravennate Giuseppe Maestri. Oltre alla mostra verrà assegnato anche il Premio per giovani incisori a Bagnacavallo presso il Museo civico delle Cappuccine.

Seconda tappa di questo viaggio sarà la mostra LicAlbe Steiner. Alle origini della grafica italiana. L'esposizione, curata da Anna Steiner e dedicata ai lavori di Lica e Albe Steiner, uno dei sodalizi più importanti e fecondi del reparto grafico in Italia. La mostra sarà aperta dal 25 febbraio al 2 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viene poi il turno di un artista ravennate ormai conosciuto in tutto il mondo: Alex Majoli. La mostra Skēnē vuole essere un tributo al fotografo ravennate in cui confluiscono immagini che esplorano società e condizione umana, dai profughi sbarcati sulle spiagge di Lesbo, agli scatti del capodanno cinese. A testimoniare "il respiro internazionale di questa personale - afferma l'assessora Elsa Signorino - c'è la collaborazione tra la nostra città e la Francia". La personale Skēnē, infatti, sarà in anteprima a Ravenna, prima di essere esposta Oltralpe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

Torna su
RavennaToday è in caricamento