rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Eventi Faenza

Dopo lo spettacolo annullato, Giuseppe Cederna e Vanessa Gravina tornano in scena con "Zio Vanja"

Dopo l'annullamento dello spettacolo Tartufo, previsto per la rassegna Prosa del Teatro Masini di Faenza l'8, il 9 e il 16 gennaio, la direzione di Accademia Perduta/Romagna Teatri comunica che la pièce è stata sostituita da "Zio Vanja" di Anton Cechov, portato in scena dalla medesima Compagnia, con protagonisti Giuseppe Cederna e Vanessa Gravina, e sempre con regia e adattamento firmati da Roberto Valerio. Lo spettacolo andrà in scena giovedì 10, venerdì 11 e sabato 12 marzo alle ore 21. L’Incontro con gli artisti al Ridotto del Teatro si terrà venerdì 11 marzo alle ore 18.
 
In una tenuta di campagna c’è una tavola apparecchiata per il tè sotto ad un vecchio pioppo. Poco più in là, dondola un’altalena. L’atmosfera tranquilla e serena non rispecchia il tumulto disordinato dei cuori. La vita quotidiana che Vanja, sua nipote Sonja, l’anziana maman Marija, Telegin e il dottor Astrov conducono in quella residenza di proprietà del professor Serebrjakov, viene stravolta dall’arrivo dell’illustre accademico e dalla sua bellissima seconda moglie Elena.

“Anton ?echov – commenta il regista Roberto Valerio – considerava Zio Vanja una commedia, quasi un vaudeville. I personaggi, monadi afflitte, annaspano nella noia, perdendosi in sterili sogni. All’interno del testo troviamo un continuo balenio di spunti burleschi; d’altronde i buffoni, i clown, gli eccentrici, non sono l’immagine della solitudine e della tristezza? Ogni personaggio declama i propri sogni, le proprie sofferenze; ogni personaggio anela al bello, al riscatto, all’amore: tutti però incapaci di agire. Così, come in Beckett, i due clown Vladimiro ed Estragone attendono Godot, così i personaggi di ?echov attendono, invano anch’essi, la felicità e un futuro migliore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo lo spettacolo annullato, Giuseppe Cederna e Vanessa Gravina tornano in scena con "Zio Vanja"

RavennaToday è in caricamento