Eraldo Baldini tra tradizioni dimenticate, clima e carestie

Sabato 23 marzo, alle ore 16.30, nella biblioteca comunale “Carlo Pasini” di Brisighella (viale Pascoli 1), per la rassegna ”Incontriamoci in Biblioteca“, appuntamento con lo scrittore Eraldo Baldini che presenta due suoi nuovi libri: I giorni del sacro e del magico. Tradizioni “dimenticate” del ciclo dell’anno in Romagna e Clima, carestie ed epidemie in Romagna nel Medioevo e in Età moderna.

Con “I giorni del sacro e del magico” Eraldo Baldini, l'antropologo culturale che più di ogni altro ha sapientemente indagato la cultura popolare della Romagna, ci conduce in un viaggio fra diverse occasioni del festivo, portandoci a scoprirne le vecchie forme e i reconditi significati.
Si va dal giorno di Sant’Antonio Abate, patrono degli animali ed erede di un arcaico nume pagano, ai balli e alle battaglie rituali nel tempo di Carnevale, alla Segavecchia, ai mattutini delle tenebre della Settimana Santa, residui forse di cerimonie di cacciata del male e degli spiriti, agli scherzi primaverili delle Mischief Nights, ai talismani magici dell'Ascensione, alle ritualità velate di mistero della notte di San Giovanni, alla credenza nello Spirito del Grano, ai bagni propiziatori in mare nel giorno di San Lorenzo, alle ricorrenze autunnali dedicate sia ai morti che alla nuova vita insita nelle semine, ai dolci tipici del giorno di Santa Caterina, alle virtù suggestive del ceppo natalizio. 

Trattare di clima, carestie ed epidemie relativamente a un territorio e alla sua popolazione su un lungo periodo - come Baldini fa invece nell’altro libro, “Il fango la fame, la peste” - significa cercare di delineare il complesso rapporto di quella stessa popolazione con l'ambiente, con le sue risorse e con le sue espressioni più problematiche o catastrofiche. 
Significa occuparsi della storia della vita quotidiana come pure degli eventi eccezionali ma non per questo unici o rari. Significa ipotizzare e tratteggiare una relazione. E che fra clima, disponibilità alimentari e malattie una relazione ci sia è indubbio, anche se spesso è impresa ardua stabilirne le caratteristiche e il peso. 
Con una lunga e meticolosa ricognizione fra innumerevoli fonti, Eraldo Baldini e Aurora Bedeschi ricostruiscono questo quadro per la Romagna, relativo agli oltre milleduecento anni che vanno dall’alba del Medioevo all’ultima epidemia di peste che interessò l’Italia settentrionale nella seconda metà del Seicento. L’affresco che ne esce è di estremo interesse e ricco di implicazioni che, lungi dal limitarsi a una fotografia del mondo di ieri, getta nuova luce sui problemi attuali e le emergenze dell’oggi. 

Eraldo Baldini è saggista e ricercatore nel campo dell’antropologia culturale e dell’etnografia, oltre che narratore affermato in Italia e all’estero. In campo letterario ha pubblicato diversi romanzi e racconti per i principali editori italiani (Einaudi, Mondadori, Frassinelli, Sperling & Kupfer, ecc.). 
Come saggista ha dedicato numerosi e importanti studi al folklore e alla cultura popolare romagnola e italiana, pubblicando tante opere con l’editore “Il Ponte Vecchio” di Cesena.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Una Festa della Mamma in fiore con le azalee solidali dello Ior

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • sedi Ior
  • "Progetto Dare": sette appuntamenti online tra immagini, web serie e giochi per disegnare la Darsena

    • Gratis
    • dal 9 aprile al 15 maggio 2021
    • online
  • Bagnacavallo celebra la Festa dell'Europa fra storia, saluti e bandiere

    • solo oggi
    • Gratis
    • 8 maggio 2021
    • online

I più visti

  • “Aspettando Bell'Italia”: tornano in piazza le gustose tradizioni regionali

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 7 al 9 maggio 2021
    • Piazza della Libertà
  • L'eterno fascino di piante e fiori si riscopre con le visite ai “Giardini segreti”

    • Gratis
    • dal 8 al 16 maggio 2021
    • sedi varie - vedi programma
  • Un itinerario in pineta sulle tracce del lupo

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Fosso Ghiaia, pressi parco Primo Maggio
  • A 30 anni dal mito: i cimeli che raccontano le imprese del “Moro di Venezia”

    • Gratis
    • dal 30 aprile al 11 maggio 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento