“Evidenza dei Segni”, la personale di Parmarè

  • Dove
    Galleria Pallavicini 22
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 31/10/2020 al 18/11/2020
    tutti i giorni dalle 11:00 alle 12:30 e dalle 17:00 alle 20.00
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

Continuano le esposizioni alla Pallavicini22 Art Gallery di Ravenna. Sabato 31 ottobre, alle 18, si tiene l'inaugurazione dell'artista Parmarè che presenta la personale pittorica “Evidenza dei Segni”. La mostra è visibile fino al 18 novembre tutti i giorni dalle 11:00 alle 12:30 e dalle 17:00 alle 20.00.

Parmarè, contrazione di Parmiani Maria Regia, è una ravennate d’adozione che vanta un’apprezzabile esperienza artistica a livello internazionale. Alla mostra saranno presenti lavori ad olio su tela, olii e tecniche miste su carta; opere che fanno capire come l’artista attui in modo corretto una sua modalità compositiva le cui radici affondano in una figurazione classica. 

Dimostra di essere capace di rinnovare continuamente la sua visione artistica donando nuova linfa alla pittura come arte e cercando continuamente di conciliare gli elementi delle forme astratte e dei colori arbitrari - che sono gli elementi fondamentali del linguaggio pittorico - con le verità di un’esperienza visiva ed emotiva. In verità Parmarè è soprattutto un’artista istintiva, empirica che ripone tutta la sua fiducia nell’acuto senso di percezione e di osservazione. Doti che è capace di rendere sempre più sottili, sensibili e plastiche, senza abbandonarsi mai alle sole emozioni o alla seduzione di mezzi e materiali. 

Parmarè nasce a Comacchio. Frequenta l’Accademia di Belle Arti di Ravenna, in particolare i corsi di mosaico, pittura, incisioni e decorazioni. Nel 1977  si trasferisce a Ravenna e, dal 1979 al 1982 nel corso dei suoi numerosi viaggi, incontra i maestri Remo Brindisi, Mino Maccari, Ernesto Treccani, ricavandone un bagaglio di conoscenze intellettuali ed artistiche inestimabile. La sua pittura continua ad essere figurativa, ma, col passare degli anni tenderà sempre più all’astrattismo geometrico. La svolta si verifica nel 2008 quando abbandona completamente il figurativo per dedicarsi all’astrattismo costruttivista usando la tecnica dello sprinkling brush. Attualmente vive e lavora a Ravenna.  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Kate Moss, Naomi Campbell, Rihanna e Ravenna: al Mar i grandi scatti di Paolo Roversi

    • dal 10 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Prosegue la mostra "Tesori ritrovati. Il banchetto da Bisanzio a Ravenna"

    • dal 12 giugno al 20 dicembre 2020
    • Museo Classis Ravenna - Classe
  • Forza e introspezione nelle ceramiche di Lidia Mietti

    • solo oggi
    • Gratis
    • 1 dicembre 2020
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Kate Moss, Naomi Campbell, Rihanna e Ravenna: al Mar i grandi scatti di Paolo Roversi

    • dal 10 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Prosegue la mostra "Tesori ritrovati. Il banchetto da Bisanzio a Ravenna"

    • dal 12 giugno al 20 dicembre 2020
    • Museo Classis Ravenna - Classe
  • Forza e introspezione nelle ceramiche di Lidia Mietti

    • solo oggi
    • Gratis
    • 1 dicembre 2020
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento