Le meraviglie faentine per le Giornate Fai di Primavera

Dalla prima edizione del 1993 al 2018 sono stati olte dieci milioni i visitatori attirati dalle Giornate Fai di Primavera e anche quest'anno l'edizione si preannuncia di grande portata con oltre 1.100 luoghi aperti in tutte le regioni d'Italia.

Sabato 23 e domencia 24 marzo, dalle 10 alle 12,.30 e dalle 15 alle 18, anche la città di Faenza apre le porte di alcune sue meraviglie. Il pubblico può scoprire le bellezze della Sala del 700 della Biblioteca Manfrediana (Via Manfredi, 14) e dello Studiolo di Dionigi Strocchi dipinto da Felice Giani presso Palazzo Archi (Corso Garibaldi, 19).

Sabato e domenica pomeriggio, inoltre, la visita a Palazzo Archi sarà arricchita da un’interpretazione musicale e danzata del ciclo pittorico del gruppo musicale Cavaleon di Millano e della compagnia Iris di Faenza. Cavaleon è un gruppo di quattro artisti, tra cui il polistrumentista e cantautore Leo Einaudi, la cantautrice Giulia Vallisari, il musicista elettronico Federico Cerati e il batterista Agostino Ghetti. Le tracce minimali ed evocative sono strutturate dal contrasto della voce ruvida di Einaudi ed eterea di Vallisari. La compagnia IRIS si occupa di formazione e produzione di teatrodanza, antropologia, educazione e cura attraverso il movimento. Fondatrici del progetto sono le due ballerine Valentina Caggio e Paola Ponti, entrambe coreografe ed insegnanti con esperienze nazionali ed internazionali.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento