Ferragosto, lo sbarco degli autori a Cervia

A bordo delle storiche barche cervesi approdano in spiaggia Andrea Mingardi, Italo Cucci, Marino Bartoletti, Cristiano Cavina e Alessandra Appiano

Sbarco avvenuto con successo a Cervia. Nessun intoppo per il consueto sbarco degli autori a Ferragosto sulle spiagge cervesi. A bordo delle sbarche storiche sono giunti gli scrittori che partecipano all'edizione 2017 di Cervia, la spiaggia ama il libro: Alessandra Appiano, Marino Bartoletti, Italo Cucci, Andrea Mingardi, e Cristiano Cavina. 

Già presenti sul palco allestito nella spiaggia di fronte al Grand Hotel di Cervia Luca Goldoni (che ha partecipato alla prima edizione, nel 1993), Salvatore Giannella (giornalista e amico della rassegna) e Lucia Vasini (attrice teatrale e cinematografica). Presente anche il sindaco di Cervia Luca Coffari.

I sei libri degli autori di ferragosto
 
“Ti meriti un amore” - ed. Cairo di Alessandra Appiano. A un certo punto dell'esistenza può capitare, in modo del tutto inaspettato, di trovarsi catapultati in un territorio sconosciuto grazie a una passione sconvolgente, improvvisa. Cinzia è una donna a metà della vita, con un certo privilegio, ottime frequentazioni, un buon matrimonio e un lavoro creativo nella Milano che conta. Il Premio Bancarella Alessandra Appiano è scrittrice, giornalista, conduttrice e autrice televisiva. Collabora con numerose testate giornalistiche, per Donna Moderna e Nuovo recensisce libri, mentre su Ilfattoquotidiano.it scrive di volontariato.
 
“BAR TOLETTI Così ho sfidato Facebook” - ed. Minerva di Marino Bartoletti. Dalla seguitissima pagina facebook, finalmente un almanacco di riflessioni e ricordi, di cronache e storie mai ascoltate, riportate dalla penna colta e sferzante di Marino Bartoletti, icona del giornalismo "tradizionale" italiano. Che c'entrano Zanardi con Bob Dylan, Gaber con Niki Lauda, Pantani con Glenn Miller, Bearzot con John Lennon, Beppe Viola con Freddy Mercury? Marino Bartoletti è un celebre giornalista e conduttore televisivo italiano. Ha condotto programmi televisivi di grande successo tra i quali “Domenica sportiva” e “il Processo del Lunedi”.
 
“Vendetta di sangue” - ed. I Falchi di Andrea Mingardi. I portici del centro di Bologna sono spesso tappezzati di ubriachi, all'alba. Ma questo tizio seduto contro una colonna non è ubriaco, è morto. Fine della serata «calda» al jazz club per l'ispettore Bernardone e fine della tranquillità per la prorompente anatomopatologa Bergamini, perché le cattive notizie non sono finite: il defunto ha due forellini sul collo e niente sangue nelle vene. Andrea Mingardi è uno di più noti cantautori italiani. Inizia la sua carriera come cantante di rock and roll. Crea diversi gruppi, lavorando intensamente in quelle che erano vere fucine di musica: le discoteche. È fra i fondatori della Nazionale cantanti, e dal 2006 ne è vicepresidente.
 
“Il capanno sul porto. Storia di Alberto Rognoni, il Conte del Calcio” – ed. Minerva di Italo Cucci. Un libro scritto da un importante giornalista dei nostri tempi, che ha dedicato la propria professione all’informazione sportiva; e al tempo stesso testimone del cambiamento dell’intero scenario italiano. Alberto Rognoni, soprannominato “Il Conte”, figura storica del calcio italiano. Nel 1940 fonda il “Cesena” e poi la Commissione di Controllo (come si chiamava all’epoca) per le verifiche sugli illeciti nelle partite di calcio. Conoscitore eclettico ed elegante delle dinamiche calcistiche, il Conte amava fare tardi e vedere l’alba proprio nel Capanno di Cesenatico. Un luogo che diventa, anch’esso, protagonista di questo libro. Italo Cucci, giornalista, già direttore di diversi giornali, come il Guerin Sportivo e il Resto del Carlino, ha pubblicato numerosi saggi e racconti ambientati nel mondo sportivo. E’ direttore editoriale dell’agenzia di stampa “Italpress”, editorialista della Gazzetta di Parma, di “Avvenire” e del Corriere della Sera”, edizione di Bologna.
 
“Fratelli nella notte” - ed. Feltrinelli di Cristiano Cavina. Mario è un giovane contadino romagnolo, semplice e mite. Non ha sogni né desideri, e accetta con atavica rassegnazione la dura vita di lavoro e fatica che il destino gli ha assegnato. La sua esistenza procede così, nella ciclicità delle stagioni. Al compimento dei diciotto anni Mario riceve la cartolina di leva della Repubblica sociale: è il 1944, e per paura delle armi si sottrae all’arruolamento. Si rifugia prima da alcuni lontani parenti, che aiuta nei lavori più pesanti in cambio dell’ospitalità. Cristiano Cavina è uno scrittore italiano di origine faentina. Sin da piccolo ha due grandi passioni: la letteratura e il calcio. Ha pubblicato diversi romanzi di successo.

“Nessuno dei due” – ed. Baldini & Castoldi di Lucia Vasini. Una storia d'amore e di teatro che con grazia trascina e diverte. Di due uomini che amano la stessa donna, per anni, e della donna che ama tutti e due, per anni. Ma i due uomini e la donna amano soprattutto il Teatro, palcoscenico di scherzi pericolosi del cuore e della passione. Lucia Vasini, studentessa della provincia romagnola, arriva nella grande città, la Milano degli anni Settanta, per frequentare la Scuola di teatro del Piccolo. La gioia di vivere e di fare era tutt'uno con questa città. L’autrice Lucia Vasini è attrice teatrale e cinematografica italiana. Diplomatasi presso la scuola del Piccolo Teatro di Milano, ha studiato canto e recitazione con Linda Wise, seguendo vari stage a Los Angeles con Judy Weston(metodo Actors Studio). In teatro ha lavorato, tra gli altri, con Dario Fo e Franca Rame, Gabriele Salvatores, Paolo Rossi (anche suo compagno di vita per molti anni), Cesare Lievi e Enzo Iacchetti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "Emilia-Romagna zona gialla da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: come ottenere il codice per vincere fino a 5 milioni di euro

  • Camion dei pompieri si ribalta di ritorno da un incidente: 3 feriti in ospedale

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Un lupo alle porte del centro città: "Ha la rogna, ma non è pericoloso"

  • Coronavirus, numeri ancora alti: 17 vittime nel ravennate, muore un 55enne

Torna su
RavennaToday è in caricamento