Giovani artisti per Dante e Vespri a San Vitale: doppio appuntamento quotidiano col Ravenna Festival

Venerdì 8 luglio arrivano al Festival due nuovi spettacoli, con i quali si conclude il 13 luglio l’appassionante e inedito percorso, iniziato il 13 maggio, alla scoperta e riscoperta di due luoghi simbolo della città – i Chiostri Francescani accanto alla Tomba di Dante e la basilica di San Vitale: ogni mattina ai chiostri alle 11 “LetteralMente Divina” per la rassegna “Giovani artisti per Dante” e ogni pomeriggio in basilica alle 19 il concerto dell’organista Andrea Berardi “Le campane dell’Ave” per i “Vespri a San Vitale”.

Ripercorrendo alcuni degli incontri chiave del viaggio di Dante attraverso l’Inferno – quelli con Francesca, Ulisse e Ugolino – LetteralMente Divina promette di immergere il pubblico nei ritmi, nel linguaggio e nelle immagini del capolavoro del Poeta, un’esperienza che, con l’intrecciarsi delle voci degli spettatori, si trasformerà in un canto comune. Ideatore e regista, nonché interprete, del progetto selezionato attraverso il bando “Giovani artisti per Dante” è Marco Di Giorgio, formatosi alla scuola del Piccolo Teatro di Milano; all’arpa e alla loop station Dora Scapolatempore, che ha studiato al Conservatorio di Milano e all’Universität für Music und darstellende Kunst di Vienna.

Protagonista a San Vitale, accanto agli spettacolari mosaici che sono valsi alla basilica il riconoscimento dell’UNESCO, sarà invece l’organo Mascioni, collocato fin dal 1960 nel matroneo della basilica, già valorizzato dal prestigioso Festival Internazionale di Musica d’Organo e suonato dai più grandi organisti della fine del secolo scorso, fra i quali Karl Richter e Marcel Dupré. In questo caso sarà il ravennate Andrea Berardi ad eseguire l’accattivante programma di musica d’organo Le campane dell’Ave. 

1 euro il biglietto degli spettacoli (la durata è di circa 40 minuti) 
L’accesso è gratuito per gli Under 18 e per tutti gli abbonati di Ravenna Festival 2016 (presentando la Card del Festival in distribuzione alla biglietteria del Teatro Alighieri).

Info e prevendite: tel. 0544 249244

"Ravenna è la città del Sommo Poeta: è con grande passione che Franco Masotti ha lavorato al progetto “Giovani artisti per Dante”  - spiega Antonio De Rosa, sovrintendente Ravenna Festival - l’omaggio al Poeta in scena negli Antichi Chiostri Francescani tutti i giorni dal 13 maggio al 13 luglio alle 11".

I Chiostri adiacenti la Tomba – luogo simbolo ed emblema di Ravenna “città dantesca” e meta imprescindibile di ogni visita alla città – ospitano infatti il nuovo appuntamento che il Festival dedica alla creatività di una nuova generazione di artisti, con progetti selezionati anche attraverso il bando internazionale Giovani artisti per Dante.
 
Con questa speciale rassegna Ravenna Festival dedica a Dante Alighieri sessanta eventi che, giorno dopo giorno, accompagneranno la XXVII edizione del Festival per comporre un sorprendente e inedito ritratto che esplora l’immaginario legato alla vita e all’opera del padre della lingua italiana, grazie alle brillanti connessioni fra diverse aree di poetica e ricerca capaci di trasformare la divulgazione alta in esperienza e partecipazione.  
 
Una rassegna che promette grande creatività, esplorando suggestioni classiche e non, ma sempre rivelatrici di punti di vista inusuali e sorprendenti: "Ogni giorno transitano nella zona dantesca circa 1.500 turisti - prosegue il sovrintendente - e un impegno come questo è un fondamentale stimolo all'approfondimento culturale".

Non avrebbe potuto essere altrimenti di fronte al numero e alla varietà dei progetti che hanno risposto alla “chiamata” di Ravenna Festival: sono state 68 le domande pervenute per il bando lanciato lo scorso dicembre, una formula, quela del bando "interessante anche per il futuro - commenta il direttore artistico Franco Masotti - perchè permette di selezionare nuove forze all'insegna della multisciplinarità".

Prestigiose collaborazioni fanno da cornice al progetto – da Milano con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, a Firenze con la Società Dantesca Italiana, a Roma con la Società Dante Alighieri - che favorisce il confronto e la collaborazione fra diverse realtà unite dal desiderio di creare spettacoli dedicati al Poeta, e ha visto veterani dello spettacolo dal vivo accanto a giovanissimi gruppi costituiti per l’occasione, associazioni culturali e rappresentanti del mondo accademico, appassionati dell’opera dantesca e studenti liceali.  

Altro motivo di ricchezza e originalità la provenienza dei progetti, che percorrono lo stivale da Torino a Messina, da Udine a Venosa, da Bergamo a Napoli, con Roma, Milano e ovviamente Ravenna capofila; mentre dalla Francia e dalla Germania si aggiungono contributi testimoni della portata internazionale del bando. 

La stessa trasversalità si riscontra nei linguaggi proposti: protagonista il teatro in tutte le sue declinazioni – da quello di strada alla commedia dell’arte, dalla pantomima al teatro di prosa – spesso all’incontro con la danza, la musica dal vivo, il canto; accanto a soluzioni più curiose che raccolgono le suggestioni dell’architettura, della scrittura creativa, della video arte...

Sei progetti sono stati selezionati per la particolare portata innovativa. Ecco il programma:
 
Il primo di questi appuntamenti è Searching for Paradise, il progetto su “due ruote” del collettivo artistico fiorentino inQuanto teatro, che propone un racconto poetico e originale per grandi e piccini sulla nostalgia e sul desiderio di ritrovare il paradiso, portato sulla scena di un piccolo teatro di legno, ispirato ai “teatri di carta” della tradizione giapponese del kamishibai, montato a bordo di una bicicletta che arriverà ai Chiostri dal 20 al 26 maggio
 
Dalle suggestioni del lontano Oriente a quelle della filologia, con gli appuntamenti di Deh peregrini che pensosi andate, lo spettacolo che dal 27 maggio al 2 giugno vedrà l’ensemble di musica medievale La Lauzeta (di Reggio Emilia) proporre in un suggestivo itinerario le parole del Boccaccio (dal Trattatello in laude di Dante) e brani dal manoscritto di Londra (coeva al testo del Boccaccio) eseguiti con strumenti medievali fedelmente ricostruiti.
 
Dal 19 al 23 giugno è invece la Compagnia Raffaele Irace a guidarci, con Daemones, in un viaggio tra demoni, mostri e ibridi dell’Inferno dantesco – dalle Arpie al Minotauro, da Malacoda alla banda dei diavoli Malebranche – con musiche e danze a svelare il meraviglioso mondo di Persefone dove bellezza, dannazione e poesia convivono. La compagnia di Budrio ha sviluppato il suo progetto in collaborazione con la sede universitaria di Ravenna dove opera l’ideatrice e regista dello spettacolo Angelica Montanari medievista dell’Università di Bologna.

Il 13 settembre 1321, data della morte di Dante Alighieri a Ravenna, è il perno attorno a cui ruota la creazione (in scena dal 24 al 30 giugno) di Daf - Teatro dell’esatta fantasia, gruppo di Messina che ha collaborato con la scuola del Piccolo Teatro di Milano e portato in scena spettacoli in molti teatri italiani (dal Carignano di Torino all’Eliseo di Roma). Dante muore è una riflessione sul solco tracciato fra la morte dell’uomo e l’immortalità del poeta, scegliendo il corpo, la musica, la parola e il silenzio come strumenti della propria narrativa.

Di nuovo l’inferno protagonista con il progetto del gruppo bolognese Kepler-452, ma un inferno “che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme” nelle parole di Italo Calvino: L’inferno dei viventi è prima di tutto un laboratorio per giovani under 30, cui sarà chiesto di costruire alcuni spazi infernali e abitarli, a partire dalla propria personale visione. Le creazioni e performance nate da quest’esperienza saranno proposte ai Chiostri dall’1 al 7 luglio. Il gruppo, guidato da Nicola Borghesi (direttore artistico del Festival 20 30), dall’architetto Luigi Greco (urban planner che ha esposto lavori al Maxxi di Roma e intervenuto sui temi della rigenerazione urbana per la xiv biennale di Architettura di Venezia) e da Alberto Guidetti (autore e musicista della band “Lo Stato Sociale”), si avvale della consulenza scientifica del dott. Filippo Zanini, italianista dell’Università di Bologna che si è occupato degli aspetti storico religiosi della commedia.

A concludere l’intera rassegna LetteralMente Divina che dall’8 al 13 luglio ripercorrerà alcuni degli incontri chiave della Commedia – quelli con Francesca, Ulisse e Ugolino – trascinando il pubblico nelle parole, nei ritmi e nelle immagini del capolavoro, fino alla creazione di un coinvolgente canto comune. Ideatore e regista del progetto Marco Di Giorgio, formatosi alla scuola del Piccolo Teatro di Milano, che avrà come protagonista l’arpista Dora Scapolatempore che ha studiato al Conservatorio di Milano e all’Universität für Music und darstellende Kunst di Vienna.
 
Il calendario degli appuntamenti ai Chiostri Francescani incrocia, come per quello dei Vespri a San Vitale, prestigiose partecipazioni come quella di Giovanni Sollima e dei suoi 100Cellos e quella del Cape Town Opera Chorus. Il 10 giugno, unica data e quindi occasione imperdibile, si esibiranno ai Chiostri le voci dal Sudafrica del coro impegnato al Teatro Alighieri per la straordinaria produzione di Mandela Trilogy, spettacolo che rappresenta il cuore pulsante della dedica a Nelson Mandela che caratterizza quest’edizione del Festival. Dall’11 al 18 giugno saranno invece le incursioni di solisti e gruppi di violoncellisti del progetto Cellolandia ad animare le mattine del Festival con partecipazioni illustri dallo stesso Giovanni Sollima a Ernst Reijseger e Massimo Polidori, ma anche la vivacità di giovani e giovanissimi violoncellisti, tra sonate e improvvisazioni.

Il programma della rassegna si completa inoltre con due commissioni dirette ad artisti che hanno già collaborato con il Festival in molte occasioni. 
L’apertura della rassegna, dal 13 maggio al 19 giugno, è stata infatti affidata ad Elena Sartori e i suoi Melodi Cantores, in questo caso affiancati da Franco Costantini: il percorso di canti e letture Cantica dantesca evocherà le figure femminili amate e celebrate dal Poeta, attraverso i repertori gotici probabilmente ascoltati da Dante stesso a Firenze e Ravenna. Dal 3 al 9 giugno con Nova vita il gruppo Anime Specchianti, nato dall’esperienza dei Danzactori di Ravenna Festival che tante produzioni d’opera e non hanno accompagnato in questi ultimi anni, si lascerà guidare dalle parole di Dante, con quelle di alcuni Santi del nostro tempo, fuori dalla selva oscura, in un’esibizione sospesa fra danza, canto e teatro.
 
Saranno invece accessibili al pubblico per l’intero periodo, dal 13 maggio al 13 luglio, le installazioni ideate dai ravennati Ukiyo-e project e Orthographe.
Il primo, un progetto di Luca Maria Baldini e Silvia Bigi, proporrà l’installazione sonora Matelda – un paio di cuffie per condurre lo spettatore in un viaggio simbolico nel mondo dell’invisibile, mentre il secondo, con Ars Umbratica, collocherà un sistema di specchi – ideato e realizzato da Alessandro Panzavolta – che grazie a un gioco di luce riflessa comporrà sulle pareti del chiostro terzine scelte dalla Divina Commedia. Ogni venerdì, a partire dall’inaugurazione di venerdì 13 maggio, Ars Umbratica sarà inoltre oggetto di un ciclo di performance dalle 12 alle 18. 
 
1 euro il biglietto degli spettacoli (la durata è di circa 40 minuti). 
L’accesso è gratuito, lo sarà anche per i Vespri a San Vitale, per gli Under 18 e per tutti gli abbonati di Ravenna Festival 2016 (presentando la Card del Festival in distribuzione da oggi alla biglietteria del Teatro Alighieri).

Info: Ravenna Festival 0544 249244 – www.ravennafestival.org

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Costine, cotechino, porchetta e ragù alla Sagra de pörc

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 16 al 18 novembre 2019
    • parco Pertini
  • La notte di Patti Smith: la Sacerdotessa del Rock all'Alighieri

    • 4 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Una serata con Manuel Agnelli: il frontman degli Afterhours in concerto all'Alighieri

    • 26 novembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Niccolò Fabi torna in tour e parte da Ravenna

    • 1 dicembre 2019
    • Teatro Alighieri
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento