menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giovani in musica e Concerti della domenica: le rassegne musicali della Mariani

Sono due i cartelloni musicali che segnano la ripresa dell’attività dell’Associazione Angelo Mariani dopo la pausa estiva: Giovani in Musica e Concerti della Domenica

Sono due i cartelloni musicali che segnano la ripresa dell’attività dell’Associazione Angelo Mariani dopo la pausa estiva: Giovani in Musica e Concerti della Domenica. Le rassegne, che si realizzano in collaborazione con Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, Regione Emilia Romagna, Ministero per i Beni e Attività Culturali e con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, animeranno la Sala Corelli del Teatro Alighieri, per 14 appuntamenti  dal 1 ottobre al 16 dicembre 2018.

“E’ questo il tempo della ripresa della stagione musicale autunnale/invernale – afferma l’assessore alla Cultura Elsa Signorino – che si presenta ricca di eventi e novità cui fornisce un prestigioso contributo l’associazione Angelo Mariani. Saluto con rinnovata gioia l’apertura di questa rassegna musicale che rende merito alla passione di Ravenna per la grande musica e che non mancherà di richiamare e incantare un pubblico numeroso e partecipe”.     

Giovani in Musica, tradizionale vetrina di giovani talenti musicali del nostro territorio giunta alla sua 14esima edizione, focalizzerà l’attenzione sulla formazione dell’Ensemble, ossia un gruppo di musicisti che fanno, appunto, musica d’insieme. Affiatamento, intonazione, fusione dei suoni sono gli obbiettivi costantemente ricercati nell’ensemble, dove le esigenze del gruppo si uniscono alla capacità individuali dei meccanismi tecnici, posturali e respiratori. Valore aggiunto del cartellone è l’ampio panorama di generi musicali che presenterà: in ognuno dei 7 appuntamenti pomeridiani (ore 17), un ensemble nato in seno ad un Conservatorio o Istituto musicale della nostra Regione esprimerà un genere musicale differente, dal jazz, allo swing,  alla musica barocca, al repertorio classico.

Si comincia lunedì 1 ottobre con la Big Band del Conservatorio Bruno Maderna, diretta da Giorgio Babbini. Nata nel 2011 all’interno del Dipartimento Jazz del conservatorio cesenate, la Big Band propone un repertorio piuttosto vario che segue l’evoluzione del linguaggio dallo swing degli anni ’30 in poi, fino al Blues, Rock, Latin. Il programma darà ampio spazio ai brani cantati, grazie alla presenza di vocalist, allieve della classe di Canto Jazz e includerà pezzi celebri come Summertime di Gershwin o Over the Rainbow di Arlen. Giovedì 4 ottobre salirà sul palco il Trio formato dalla flautista Brenda Di Mecola, dalla violoncellista Serena Fantini e dal pianista Fabrizio Fogli, allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Lettimi di Rimini. Il trio si cimenterà in composizioni tratte dal repertorio romantico scritte da von Weber e Mendelssohn.

Lunedì 8 ottobre sarà la volta dell’Ensemble Jazz “Sax Society” del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, diretto dal suo fondatore Roberto Manuzzi. Caratterizzato dalla presenza esclusiva dei sassofoni, l’ensemble approfondisce gli stilemi e le sonorità della sezione ance che sono alla base del suono di un’orchestra jazz. In programma brani di Duke Ellington, Charlie Parker, Harold Arlen. Lunedì 15 ottobre spazio alle percussioni con l’Ensemble “To Beat Percussion” del Liceo Musicale Statale di Forlì diretto da Andra Rattini. Nata nel 2013, la formazione intende valorizzare le straordinarie possibilità espressive della grande famiglia degli strumenti a percussione e la loro grande sinergia in ensemble, proponendo sia brani specifici per percussioni sia arrangiamenti di musiche tratte dai repertori classici, contemporanei, jazz.

Appuntamento particolare quello di martedì 23 ottobre, che porterà in scena il Coro del Conservatorio Arrigo Boito di Parma diretto da Rosalia Dell’Acqua, impegnato nell’esecuzione di Stabat Mater di Rossini, nella trascrizione per soli, coro e due pianoforti.  Martedì 6 novembre l’Ensemble di Musica Barocca del Conservatorio di Bologna diretto da Daniele Salvatore proporrà un viaggio nel tempo attraverso il repertorio originale per flauto dolce e traverso, lungo un secolo di musica dagli ultimi settant’anni del Seicento ai primi trent’anni del Settecento. Il programma dal titolo “Risonanze Barocche” prevede composizioni di autori come Schmelzer, Loeillet, Telemann.   Infine venerdì 9 novembre a chiudere la rassegna sarà l’Ensemble d’archi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Giuseppe Verdi di Ravenna diretto da Federico Ferri. Accattivante il programma con musiche di Vivaldi, Bach e Mozart.

Il 4 novembre tornano i Concerti della Domenica, sette appuntamenti in musica che porteranno sulla scena musicisti già attivi a livello internazionale e vincitori di importanti premi.   Apre la rassegna una star del violino, Oleksandr Semchuk, in duo con il pianista Alessandro Tardino. Darà prova del suo virtuosismo eseguendo brani di Beethoven e Skoryk. L’11 novembre prenderà posto al pianoforte il vincitore dell’ultima edizione del prestigioso concorso “Busoni”, il croato Ivan Krpan, giovanissima promessa del pianismo internazionale, che eseguirà musiche di Beethoven, Busoni e Liszt. L’appuntamento del 18 novembre renderà omaggio a Isabella Colbran, moglie e musica ispiratrice di Rossini. Il soprano Maria Chiara Pizzoli e l’arpista Marianne Gubri, daranno vita d un suggestivo programma con arie di Rossini e della Colbran. Il 25 novembre sarà protagonista l’Orchestra della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli diretta da Davide Castiglia con il suo accattivante programma di musiche tradizionali francesi, tedesche e irlandesi.

Dopo il successo dell’anno scorso, il 2 dicembre torna l’appuntamento con la lezione-concerto, quest’anno dedicata al genio di Mozart. Sarà condotta e interpretata dall’Ensemble Dolce Concento, formazione nata dal sodalizio artistico tra il direttore Nicola Valentini e il violinista Andrea Vassalle. Finalità della lezione-concerto è quella di raccontare la vita di Mozart, attraverso letture dall’epistolario mozartiano e l’esecuzione di brani musicali celebri. Il 9 dicembre prevede un ampio programma vocale con brani di Spohr, Kreutzer, Liszt, Schubert nell’esecuzione del Trio formato dal soprano Elisa Balbo, il clarinetto Simone Nicoletta e il pianista Davide Cavalli. Nel concerto di chiusura, il 16 dicembre, l’Ensemble Tempo Primo, formato dalle prime parti dell’Orchestra Corelli, sotto la direzione di Alicia Galli e con la partecipazione di Maria Teresa Federici in veste di narratrice, proporrà la celebre Suite dal balletto “Lo Schiaccianoci” di Cajkovskij.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento