I pilastrini in mostra, un un segno di arte e religiosità popolare

  • Dove
    Mulino Scodellino
    Indirizzo non disponibile
    Castel Bolognese
  • Quando
    Dal 07/12/2018 al 09/12/2018
    vari orari - vedi programma
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

L'Associazione Amici del Mulino Scodellino di Castel Bolognese in collaborazione con la locale Amministrazione Comunale e l'Ente Ceramica di Faenza, ha promosso ed organizzato una mostra di targhe devozionali intitolata "I pilastrini, un segno della religiosità popolare" che rimane esposta dal 7 al 9 dicembre al Molino Scodellino di Castel Bolognese.

La mostra espone targhe in ceramica ed immagini di questa tipica espressione della devozione popolare italiana. Come noto, le edicole votive, più note come pilastrini, sono molto diffuse nelle campagne e nelle colline romagnole. In Romagna, così come nel resto d'Italia, i pilastrini contenenti immagini sacre, poste ad esempio, sui portali delle case e sui muri delle stalle, così come agli incroci delle strade di campagna, o all'ingresso di borghi e villaggi, sono infatti una diretta espressione della tradizione cattolica del nostro Paese.

Il soggetto principale di queste targhe devozionali è la Madonna. Molte possono essere le ragioni di questa grande devozione, anche di origine ancestrale, perché la cultura contadina identificava la Vergine, per la sua singolare maternità, con la fecondità della terra, alla quale venivano e vengono tuttora rivolte invocazioni di auspicio, protezione e aiuto, i cui nomi si richiamano, sia alla cultura cristiana, che a quella contadina, quali, ad esempio, la Madonna delle Grazie, la Madonna del Fuoco, la Madonna della Salute e la Madonne del Molino, del Granaio, del Fiume, della Neve... Alla Madre di Cristo si affiancano anche altri soggetti, i santi venerati nel territorio, protettori della famiglia e soccorritori dei bisogni di contadini, artigiani, pastori e animali, come, ad esempio, San Giuseppe, Sant'Antonio, San Vincenzo, San Francesco, San Rocco e molti altri ancora.

La mostra resta aperta: venerdì 7 dicembre, dalle 15.00 alle 18.00; sabato 8 e domenica 9 dicembre, dalle ore 10.00 alle 18.00. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Dall’antica Ficocle al boom turistico: tre tappe per conoscere la storia di Cervia

    • Gratis
    • dal 12 al 26 aprile 2021
    • online
  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • In vetrina la storia delle macchine da scrivere: una splendida collezione ravennate

    • Gratis
    • dal 16 al 27 aprile 2021
    • vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani)
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento