Il corso di intreccio all'Ecomuseo

Ci sono ancora alcuni posti disponibili per partecipare ai corsi di intreccio che si terranno nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 novembre presso l’Ecomuseo delle Erbe Palustri di Villanova di Bagnacavallo. Principianti e intrecciatori di livello avanzato potranno imparare le antiche tecniche di intreccio e un utilizzo sostenibile delle risorse naturali sotto la guida di abili maestri.

Ogni partecipante può scegliere di seguire un solo corso fra i tre proposti: corso di cesteria con l’intreccio di salice e canna condotto dal maestro ciociaro Rodolfo Onori (massimo 16 persone); corso di intreccio in fil di ferro con il maestro Gipi dei Malvisi (massimo 10 persone); corso di intreccio dell’erba di valle guidato dal maestro romagnolo Luigi Barangani, responsabile del Cantiere Aperto dell’Ecomuseo villanovese (massimo 6 persone).
Durante il fine settimana saranno fornite indicazioni sulla materia prima e sul suo reperimento e si visiteranno le sezioni dell’Ecomuseo relative ai vari cicli produttivi per ammirare i manufatti originali della raccolta museale.

Accanto alle attività formative, che si svolgeranno dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 17, sono inclusi nel costo del corso (80 euro a persona, materiali compresi) i pranzi preparati dall’associazione culturale civiltà delle Erbe Palustri nella sala conviviale del museo.

L’Ecomuseo delle Erbe Palustri è in via Ungaretti 1 a Villanova di Bagnacavallo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Corsi, potrebbe interessarti

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento