Il mito della Coca Cola in una collezione storica

La Cassa di Risparmio di Ravenna, nell’ambito delle iniziative di valorizzazione del collezionismo privato, ospita presso le proprie vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani) di Piazza del Popolo 30, fino al 20 marzo, una mostra di oggetti dedicati alla “Coca Cola”, appartenenti alla collezione privata di Edoardo Bortolotti, residente a Castel San Pietro Terme. 

Nelle vetrine della Cassa sono esposti oggetti comparsi in Italia dal 1930 al 1969, un esempio della presenza già dagli anni ‘30, sui banconi dei bar e sui muri delle città, della famosa industria americana, la frizzante bibita che dal 1886, grazie ad un farmacista di Atlanta, rinfrescò le calde giornate americane e in seguito anche quelle italiane e del resto del mondo. Bicchieri, vassoi, posacenere, manifesti e tantissimi altri oggetti diventati “rarità“ e d’interesse per i collezionisti di tutto il mondo.

La Coca-Cola fu inventata dal farmacista statunitense John Stith Pemperton l'8 maggio 1886 ad Atlanta in Georgia, inizialmente come rimedio per il mal di testa e per la stanchezza. Il primo nome che venne dato alla bevanda fu "Pemberton's French Wine Coca". 
Quella di Pemberton era una variazione del cosiddetto "vino di coca" (o Vin Mariani) una miscela di vino e foglie di coca che aveva avuto largo successo in Europa quando era stata creata dal farmacista corso Angelo Mariani (omonimia casuale con l’illustre Maestro Ravennate). 
Pemberton accumulò forti debiti e per 2.300 dollari vendette formula e diritti della Coca-Cola ad Asa Candler, uomo d'affari che aveva intuito il potenziale della bevanda e compreso l'importanza della pubblicità per diffonderla e per sbaragliare la concorrenza. 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Si ammirano gratis le ceramiche di Pablo Picasso

    • solo domani
    • Gratis
    • 20 febbraio 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • "Ascoltare Bellezza": l'intervento artistico di Nicola Samorì

    • Gratis
    • dal 21 dicembre 2019 al 21 febbraio 2020
    • Biblioteca Classense

I più visti

  • Dal palco di Sanremo a quello del Bronson: Bugo in concerto

    • 7 marzo 2020
    • Bronson
  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Musica, mercatini e piatti della tradizione alla Sagra della Seppia

    • dal 17 al 22 marzo 2020
    • centro commerciale di Pinarella
  • Gastronomia, vino, musica e riti antichi con i “Lòm a Merz”

    • 1 marzo 2020
    • Torre di Oriolo dei Fichi
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento