Eventi

Incubi di carta e incubi di celluloide: Ravenna si prepara a una settimana da brivido

In partenza il 22 ottobre con il Dylan Dog Day i Festival GialloLuna NeroNotte e Ravenna Nightmare Film Fest. Con un'anteprima letteraria il 18 ottobre.

Dal 22 ottobre al 1° novembre, ma con un’anteprima il 18. Il Festival GialloLuna NeroNotte quest’anno si presenta con una formula radicalmente rinnovata grazie a una collaborazione con il Nightmare Film Fest, con il quale condivide, tra le altre cose, la sistemazione al Palazzo del Cinema e dei Congressi di Largo Firenze. E grazie a una più accentuata attenzione alle realtà locali.

INCUBI DI CARTA - “Lo sport fa male, a volte uccide” è il titolo della nuova edizione di “GialloLuna NeroNotte”, il festival letterario del giallo e del noir italiano, diretto da Nevio Galeati, che quest’anno festeggia la 14esima edizione. Un modo - come sempre oscuro per un Festival che ogni anno omaggia in maniera originale personaggi, eventi, ricorrenze - per celebrare anche i Campionati Europei di Calcio e i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, oltre al fatto che quest’anno Ravenna è “Città europea dello sport”. L’appuntamento con la rassegna sarà anticipato, martedì 18 ottobre, da un’anteprima: all’Albergo Cappello (via IV Novembre), alle 18, sarà presentata l’antologia “Fucsia”, a cura di Gianluca Morozzi per la casa editrice ravennate Clown Bianco Edizioni.

Il Festival si aprirà poi ufficialmente sabato 22 con un’intera giornata dedicata a Tiziano Sclavi e ai 30 anni di  Dylan Dog. Alle 10 ci sarà l’inaugurazione della mostra “Dylan Dog – Trent’anni d’indagini dell’incubo” (aperta fino al 5 novembre): omaggio all’indagatore dell’incubo, creato da Tiziano Sclavi, nelle illustrazioni originali di Gigi Simeoni e altri autori, compresi alcuni omaggi realizzati da altri disegnatori appositamente per la mostra ravennate, come Gianni Sedioli. A queste opere si aggiungono una serie di riproduzioni, personaggi a grandezza naturale e un pannello di grandi dimensioni, realizzato dagli studenti del liceo artistico Nervi-Severini di Ravenna.

A seguire (intorno alle 11) verrà proiettato “Nessuno siamo perfetti”, di Giancarlo Soldi: un appassionato documentario sull’universo di Tiziano Sclavi, autore schivo e misterioso. Alle ore 18.00 ci sarà poi l’incontro “Le storie di Craven Road”, con alcuni fra gli sceneggiatori e disegnatori di Dylan Dog, le scrittrici Paola Barbato e Cristiana Astori, il fumettista Gigi Simeoni e Corrado Roi, lo sceneggiatore Giancarlo Marzano. La giornata si concluderà con la replica del documentario “Nessuno siamo perfetti” (ore 20.00) e la proiezione, alle ore 22.00, del film “Dellamorte Dellamore”, alla presenza del regista Michele Soavi, del produttore Gianni Romoli e del critico Massimo Perissinotto. Si tratta della trasposizione cinematografica dell’omonimo romanzo di Sclavi.

Il Dylan Dog Day è il trait d’union tra GialloLuna e il Nightmare Film Fest, anch’esso giunto alla 14esima edizione. I due Festival in questo 2016 proporranno nelle stesse date un calendario incrociato che da mattina a sera proporrà eventi mattutini, incontri letterari pomeridiani e proiezione di film in serata.

INCUBI DI CELLULOIDE - Diretto da Franco Calandrini, Ravenna Nightmare Film Fest 2016 offre come da tradizione il suo evento principale, il Concorso Internazionale per Lungometraggi, ovvero il meglio della recentemente produzione mondiale di genere. Sei i lungometraggi in gara per l'ambito Anello d'Oro al Miglior Film, disegnato dal maestro orafo ravennate Marco Gerbella. Questi i titoli: dagli Stati Uniti, l'inglese Simon Rumley dirige il malefico Johnny Frank Garrett's Last Word, un supernatural vengeance thriller nel quale un giovane condannato, dopo essere stato giustiziato, lascia dietro di sé una maledizione; dalla Russia due inquietanti pellicole, Paranormal Drive di Oleg Asadulin e Tragedy at Rodger's Bay di Philipp Abryutin; si resta ad Est con Snow, esordio al lungometraggio del regista bulgaro Ventsislav Vasilev, la storia di un uomo ce dovrà rievocare tristi ricordi d'infanzia per scoprire la verità sull'assassinio del padre; dalla Svizzera, un film corale e terrificante, 10 giovani registi dirigono l'apocalittico Wonderland; dalla Norvegia poi una riconferma, torna al Ravenna Nightmare col film Vilmark Asylum Pål Øie, che nel 2003 aveva riscosso un notevole successo col film Dark Woods.

A fianco della competizione per Lungometraggi, anche il Concorso Internazionale per Cortometraggi, a cui si aggiungono appuntamenti ed eventi originali accompagnati dalla presenza di ospiti speciali, per mostrare il meglio della produzione filmica di genere del presente, del passato, e sempre con un occhio attento al futuro.

La Opening Night, serata a inviti in collaborazione con Ravenna Festival, quest’anno sarà dedicata al trentennale di Blue Velvet, capolavoro indiscusso dell'inquieto e geniale David Lynch, per festeggiare assieme al pubblico più fedele l'apertura della nuova edizione.

Tra gli eventi anche la speciale Masterclass Nightmare (in collaborazione con Alma Mater Studiorum Università di Bologna Dipartimento di Beni Culturali, Fondazione Flaminia per l'Università in Romagna) tenuta dal grande Sergio Altieri, scrittore vincitore di un Premio Scerbanenco, sceneggiatore, traduttore ufficiale della saga Game of Thrones di George R.R.Martin, consulente editoriale e curatore de “I Gialli di Urania” e “I Classici del Giallo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incubi di carta e incubi di celluloide: Ravenna si prepara a una settimana da brivido

RavennaToday è in caricamento