“La parola che cura”: dialoghi e immagini contro la violenza di genere

Una serie di incontri per riflettere insieme sul tema della posizione femminile, ma anche una mostra a cielo aperto attraverso l’installazione di alcuni totem fotografici

Continuano gli incontri, presentazioni on-line e in diretta face book dedicati alla Giornata mondiale contro la violenza alle donne con un ricco programma che si concluderà il 16 dicembre.

Mercoledì 18 novembre, 2, 9, e 16 dicembre dalle 1.30 alle 11.30 si svolgerà l’iniziativa on line “Parole: Occasioni di legami. Incontra altre donne per una comunità più unita”. Si tratta di una serie di incontri, con modalità a distanza (Google meet), con le operatrici del Servizio alle Pari Opportunità e dello Spazio Culturale ScambiaMenti, per riflettere insieme sul tema della posizione femminile e dell’essere madre, sull’importanza dei legami affettivi, per sostenere e accogliere donne che provengono da luoghi diversi con culture differenti. Per iscrizioni: seidonna@comunecervia.it tel 0544 979266

Cervia e tutti i suoi quartieri inoltre come un unico centro, diventano protagonisti di una mostra a cielo aperto attraverso l’installazione di alcuni totem fotografici che saranno installati nei prossimi giorni. Immagini e parole diffuse su “La parola che cura”, anteprima di un’esposizione più ampia che nel 2021 sarà allestita all’interno della Sala Rubicone. Gli autori degli scatti sono fotografi professionisti, amatori o affiliati a Circoli e Gruppi locali coinvolti dal Comune di Cervia su questo tema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

  • Bonaccini: "Restiamo in zona arancione, ma i negozi riaprono". Scuole? "Riaprirei a dicembre"

Torna su
RavennaToday è in caricamento