Le ceramiche decorate ad aerografo della Donazione Levi

Dall’8 febbraio al 3 maggio (ore 17) inaugura nella Project Room del Mic di Faenza la mostra delle opere donate da Giorgio Levi. Si tratta di 35 pezzi, per lo più servizi da tavola, decorati ad aerografo di manifattura italiana ed europea degli anni '30. Inaugurazione sabato 8 febbraio alle 17.

I primi esempi della tecnica dell’aerografo applicata alla ceramica risalgono al clima modernista della Repubblica di Weimar e del Bauhaus in Germania. Poi la tecnica si diffuse anche in Italia a partire dalle metà degli anni ’20, in pieno gusto Decò.
In mostra alcuni esemplari di ceramiche tedesche sono affiancati a pezzi delle principali manifatture italiane. Tra tutte si distingue la Galvani di Pordenone che negli anni ’30 realizza un’imponente produzione di terraglie a costi ridotti caratterizzate da colori accesi dati dalla bassa temperatura e decorazioni all’aerografo di facile accesso e consumo.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Le ceramiche decorate ad aerografo della Donazione Levi

    • dal 8 febbraio al 3 maggio 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • L'Archivio storico apre la mostra '1945: finalmente liberi!' sui social

    • Gratis
    • dal 16 marzo al 9 aprile 2020
    • Archivio storico

I più visti

  • La sfida ceramica di Picasso. Un legame di lunga data tra l'artista e Faenza

    • dal 1 novembre 2019 al 12 aprile 2020
    • MIC - Museo Internazionale della Ceramica
  • Bugo arriva in concerto a Ravenna

    • 24 aprile 2020
    • Bronson di Madonna dell'Albero
  • Si corre l'Ecomaratona del Sale di Cervia, un percorso suggestivo tra spiaggia e saline

    • dal 4 al 5 aprile 2020
    • Fantini Club
  • Scatta la 44esima Maratona del Lamone

    • solo oggi
    • 5 aprile 2020
    • partenza in piazza Farini
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RavennaToday è in caricamento