“Le feluche dei goliardi”: i copricapi che incarnarono lo spirito trasgressivo

La Cassa di Ravenna, nell’ambito delle iniziative di valorizzazione del collezionismo privato, ospita presso le proprie vetrine del “Private Banking” di Ravenna (ex Negozio Bubani) di Piazza del Popolo 30, fino al 17 marzo, una mostra su “Le feluche dei goliardi”, esposizione di feluche riferite a varie facoltà e città universitarie (cappelli particolari indossati da studenti universitari), provenienti dalla collezione dei ravennati Anika Bargossi e Franco Franchini.

La storica Goliardia può essere definita come lo spirito studentesco comune a tutti gli universitari, dove si intrecciano interesse per lo studio e desiderio di trasgressione, il piacere della compagnia, del divertimento e delle novità. 
I membri di un Ordine goliardico portano segni distintivi come spille o placche, ed il tradizionale copricapo (detto Goliardo oppure Feluca) che indica, in base al colore, la Facoltà di appartenenza, con qualche differenza fra una città e l'altra. 

L’origine del caratteristico cappello risale al 1888 a Padova, e la peculiarità sta nei ninnoli ed ammennicoli vari che lo decorano: ognuno di essi rappresenta gli esami sostenuti, un tappo legato al cordone sottogola significa che lo studente ha “fallito” minimo un esame, code di volpe dimostrano la lunga “anzianità” accademica, mentre piume e piumetti stabiliscono i vari gradi gerarchici all’interno degli Ordini. Applicati ad un lato della falda rialzata sono cucite fettucce di tessuto dorato (una per ogni anno accademico) e solamente col conseguimento della Laurea può essere cucita ad un lato una frangia di canutiglia dorata (i laureati fuori corso invece possono ostentare orgogliosamente la frangia in entrambe i lati della feluca).

Firenze, Padova, Milano, Bologna ed altri Atenei hanno importanti Ordini goliardici i quali, pur non essendo riconosciuti come istituzioni, sono parte attiva della vita accademica intraprendendo relazioni con gli organi istituzionali dell’Università.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Inclusa est flamma" e "Figure per Gianni Rodari", due mostre alla Classense

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 17 luglio 2021
    • Biblioteca Classense
  • Tra Dante e le icone della moda nello "Studio Luce" di Paolo Roversi

    • dal 4 febbraio al 2 maggio 2021
    • Mar - Museo d'Arte della città di Ravenna
  • Si celebra il centenario di Giulio Ruffini con la mostra "L’epica popolare e l’inganno della modernità"

    • Gratis
    • dal 18 febbraio al 2 maggio 2021
    • Museo Civico delle Cappuccine

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento