“Le loro voci”: uno spettacolo che racconta il dramma del femminicidio

Una pluralità di voci per dare voce a chi la voce non l’ha più: sono le vittime di femminicidio a parlare in “Ferite a morte”, il libro-spettacolo di Serena Dandini che racconta con amara ironia le storie delle donne uccise dai propri mariti, compagni, ex.

Il reading verrà riproposto a Faenza domenica 21 ottobre alle ore 17.30 presso il Teatro della Chiesa di Santa Maria Maddalena (Piazza Bologna, 8) dove le volontarie dell’Associazione Sos Donna e le attrici della Compagnia delle Feste si esibiranno nel remake di “Le loro voci” lo spettacolo con i brani di “Ferite a morte”. Cinque donne impegnate sul palco per raccontare undici storie di altre donne come loro, inascoltate e morte per mano di un uomo.

Le cinque “lettrici” impegnate nello spettacolo sono Barbara Giannotti, Simona Martini e Paola Tampieri, volontarie dell’Associazione Sos Donna, e Tiziana Asirelli e Nisia Taroni della Compagnia delle Feste. Saranno accompagnate da alcuni intermezzi musicali a cura del musicista Stefano Cortesi e dalle interpretazioni danzate di Tatiana Affanni del Gruppo Ameral.

Ingresso a offerta libera.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • “L’ora che volge il disìo”: lettura perpetua della Divina Commedia

    • Gratis
    • dal 14 settembre 2020 al 31 marzo 2021
  • Un trekking dei sapori sui colli romagnoli: un itinerario con soste gourmet

    • dal 6 al 28 febbraio 2021
    • ritrovo all’agriturismo La Sabbiona - Oriolo dei Fichi
  • Incontro a Dante: tanti tour in centro per omaggiare il Sommo Poeta

    • dal 9 gennaio al 28 febbraio 2021
  • “Il filo che non vedo”, la figura di Tiziano Terzani raccontata dagli scatti di Alfredo Lando

    • Gratis
    • dal 13 al 28 febbraio 2021
    • spazio espositivo dell'Ufficio decentrato di via Berlinguer
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RavennaToday è in caricamento