rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Eventi Faenza

Le stelle della musica al Masini: Ramin Bahrami, Noa, Daniela Pini e l'omaggio a Morricone

Dodici appuntamenti da dicembre a maggio, con tanti interpreti di fama internazionale e un’alternanza di generi e proposte per raggiungere target di pubblico diversi

Apre ufficialmente il 3 dicembre ERF&TeatroMasiniMusica la nuova stagione concertistica di Emilia Romagna Festival al Teatro Angelo Masini di Faenza, che quest’anno festeggia i primi dieci anni di attività con un cartellone ampliato e una nuova location, il Museo Internazionale delle Ceramiche dove saranno ospitati i “Matinée Musicali” della domenica.

Un grande traguardo che sarà celebrato con un cartellone di dodici appuntamenti dal 3 dicembre 2021 al 6 maggio 2022, ricco di interpreti di fama internazionale e con un’alternanza di generi e di proposte capace di raggiungere target di pubblico diversi, consentendo a tutti di fruire di un itinerario musicale di alta qualità.

Un programma diversificato che accanto ai grandi maestri della musica internazionale come Ramin Bahrami, Guido Rimonda, Xavier De Maistre, darà ampio spazio ai talenti emergenti, tra cui la giovane star del violino Clarissa Bevilacqua, a prestigiosi ensemble quali lo storico Quartetto di Venezia e il Duo Des Alpes, a preziose e straordinarie voci femminili, come quelle di Noa, Daniela Pini, Maria Claudia Bergantin, il tutto all'insegna degli omaggi ai grandi del passato, da Cesar Franck a Ennio Morricone, da Dino Campana a Cesare Pavese, e della grande musica, dalla migliore produzione da camera a quella sinfonica, dall’opera al jazz e alla sudamericana.

Il concerto inaugurale al Teatro Masini - venerdì 3 dicembre alle 21.00 - vede due virtuosi d’eccezione, il grande pianista iraniano Ramin Bahrami e il violinista di fama internazionale Guido Rimonda, alle prese con le Sonate per violino e tastiera di Johann Sebastian Bach, un programma impegnativo e di grande bellezza che include alcune delle migliori sonate del Maestro per antonomasia.

Con un concerto quasi tutto dedicato ai compositori barocchi, fra Italia e Portogallo, sabato 18 dicembre 2021 alle 21.00, nella Chiesa di San Francesco, va in scena il tradizionale Concerto di Natale. Ne sono protagonisti l’Ensemble d’archi “Giuseppe Sarti”, Marco Farolfi al clavicembalo, Paolo Zinzani come direttore e la star internazionale del belcanto Daniela Pini quale mezzosoprano, con un repertorio di brani di Vivaldi, Porpora, Corelli, Händel, Seixas e Scarlatti.

Domenica 16 gennaio alle 11.30, s’inaugura il primo dei Matinée Musicali al MIC Museo Internazionale delle Ceramiche, con un appuntamento dedicato al grande scrittore e poeta Cesare Pavese. Sul palco due artiste di consolidata capacità ed esperienza, il soprano Maria Claudia Bergantin e la pianista Ancuza Aprodu, impegnate in una serie di Lieder per soprano e pianoforte, composti per la maggior parte dal maestro Enrico Correggia, ispirandosi alle più note poesie dell’autore piemontese. Tra questi anche una prima esecuzione assoluta, You, wind of March, tratta dalla raccolta “Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” per soprano e pianoforte.

Sabato 22 gennaio alle 21.00, si torna al Masini con un solista di fama mondiale, l’arpista Xavier de Maistre, noto non solo per l’incredibile tecnica acrobatica e il sentimento interpretativo, ma anche per il continuo superamento delle possibilità del suo strumento e la sua continua ridefinizione. Insieme a lui, la Filarmonica Toscanini, fiore all'occhiello del territorio emiliano romagnolo, diretta da Alessandro Bonato, tra i più giovani Direttori d’Orchestra in Italia, con il Concerto per arpa e orchestra di Alberto Ginastera e la Sheherazade di Nikolaj Rimskij-Korsakov.

Domenica 30 gennaio alle 11.15, ancora un Matinée Musicale al MIC, con il Duo Des Alpes, formato da Claude Hauri al violoncello e Corrado Greco al pianoforte. I due artisti svizzeri di fama internazionale terranno un concerto nell’ambito del quale eseguiranno alcune delle pagine più importanti della letteratura per violoncello e pianoforte, con brani di Ruggero Leoncavallo, David Popper, Niccolò Paganini, Alexander Arutjunian e Cesar Franck.

Sarà invece un Fuori Abbonamento, l’intenso Omaggio a Morricone che l’Orchestra FAB ovvero la compagine del festival Fiato al Brasile, diretta da Jacopo Rivani, Cristina Emboaba e Josè Gustavo Julião de Camargo, dedicherà a uno dei più grandi compositori del Novecento, lunedì 7 febbraio alle 21.00 al Teatro Masini. Il concerto aprirà la decima edizione di Fiato al Brasile, un progetto internazionale di grande successo, che proietta Faenza al di là dell’oceano, organizzato dalla Scuola Sarti e nato dalla collaborazione con l’Università brasiliana USP, l’Università UDESC di Florianapolis, l’Accademia musicale, la Escola Municipal del Musica de Sao Paolo - EMMSP e La Miami University - Mu (Ohio).

Proseguono gli omaggi ai grandi compositori con il concerto dedicato a Cesar Franck in occasione dei 200 anni dalla nascita, domenica 13 febbraio alle 11.15, nell’ambito dei Matinée Musicali al MIC. Un appuntamento di aura scaligera, con il Primo Contrabbasso solista dell’Orchestra e della Filarmonica della Scala Giuseppe Ettorre, nel ruolo dal 1991 dopo aver fatto il suo ingresso nell’organico nel 1987 sotto la direzione musicale di Riccardo Muti. Con Pierluigi Di Tella Ettorre affronta un concerto originale, con brani non solo di Franck ma anche di Beethoven, Bottesini e Glière.

Protagonista assoluta del successivo Matinée Musicale al MIC, domenica 27 febbraio alle 11.15, sarà Clarissa Bevilacqua, l’enfant prodige che ha debuttato in pubblico a soli nove anni ed è stata la più giovane studentessa in Italia a conseguire un diploma di laurea in musica, essendosi laureata ad appena 16 anni con 110 e lode e la menzione d’onore. Apprezzata per il suo stile interpretativo e per la musicalità con la quale riesce a catturare il pubblico, nel 2020 si è aggiudicata il prestigioso primo premio all’International Mozart Competition di Salisburgo e il Grand Prize al Cape Symphony International Violin Competition. Nonostante la giovane età, ha eseguito recital da solista e concerti in tutto il Nord America e in Europa.

Festeggiano invece i primi quarant’anni di carriera artistica i musicisti del celebre Quartetto di Venezia, domenica 6 marzo alle 11.15, sempre al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza. Composto da Andrea Vio e Alberto Battiston ai violini, Mario Paladin alla viola e Angelo Zanin al violoncello, il Quartetto è un ensemble conosciuto in tutto il mondo per la raffinatezza delle sue esecuzioni ed è considerato uno dei migliori quartetti d'archi del nostro Paese. Interamente composto da musicisti veneziani, si esibiranno con un repertorio mozartiano che include anche una prima esecuzione italiana della Première Rhapsodie di Debussy, nella versione per clarinetto e quartetto d’archi, con il grande musicista sloveno Darko Brlek ai fiati.

I Matinée Musicali al MIC si chiudono, domenica 20 marzo alle 11.15, con Campana Sottovoce, un concerto per voce recitante, chitarra e quattro archi, con drammaturgia e voce di Pier Luigi Berdondini sui versi di Dino Campana, e musiche di Giorgio Colombo Taccani. Una sfida, quella di interpretare il poeta di Marradi sempre declamato, cantato, enfatizzato in pianissimi e fortissimi, ma sempre sottovoce, portata avanti insieme al Modern Sarti Ensemble, composto da cinque musicisti e docenti della scuola faentina, tra cui Donato D’Antonio alla chitarra, anche co-direttore artistico della stagione ERF&TeatroMasiniMusica insieme al maestro Massim Mercelli.

Sarà invece Fuori Abbonamento il concerto l’Omaggio a Teresio Savini, indimenticato presidente del Circolo della Lirica di Faenza che ha dedicato la vita con passione al belcanto, in programma mercoledì 27 aprile alle 21.00 al Teatro Masini. Accompagnate al pianoforte da Alessandro Calcagnile, anche direttore d'orchestra nonché raffinato interprete della musica del Novecento, le voci soliste di due grandi interpreti come Ilaria Torciani (soprano) e Davide Rocca (baritono), saranno protagoniste di una selezione tra le più conosciute duetti e arie d’opera buffa.

Chiude la stagione - venerdì 6 maggio alle 21.00 – il concerto della celebre cantante internazionale Noa, che sul palco del Teatro Masini insieme al suo storico chitarrista Gil Dor e con Gadi Seri alle percussioni e Or Lubianiker al basso elettrico, festeggerà i suoi primi trent'anni di carriera. Per l'occasione la cantante israeliana di origini yemenite presenterà un viaggio a ritroso nel tempo: dagli ultimi lavori, ‘Afterallogy’ e ‘Letters to Bach’, fino a ‘Noapolis’ e ai primi dischi, Noa ripercorrerà le tappe fondamentali della sua carriera internazionale, iniziata proprio in Italia nel 1992.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le stelle della musica al Masini: Ramin Bahrami, Noa, Daniela Pini e l'omaggio a Morricone

RavennaToday è in caricamento