"Le vie di Dante", un percorso in 7 tappe tra ambiente e cultura

Un’esperienza di viaggio unica, tra antichi palazzi, pievi romaniche, piccoli borghi, musei e biblioteche, botteghe artigiane e una natura incontaminata

Nel 1302 Dante Alighieri intraprese il suo viaggio d’esilio da Firenze - dove era stato condannato a morte in seguito all’ascesa al potere dei Guelfi neri - a Ravenna, dove morì e dove sono custodite le sue spoglie mortali. Quel viaggio diventa ispirazione per "Le vie di Dante", un progetto turistico interregionale tra Toscana ed Emilia-Romagna attraverso un percorso in sette tappe, che declina cultura e ambiente, con il proposito di preservare e valorizzare il patrimonio artistico e naturalistico, la memoria delle comunità e il territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si tratta di un’importante iniziativa – afferma l’assessore al turismo Giacomo Costantini -  che vede quali città capofila Ravenna e Firenze, è riconosciuta in un più ampio protocollo di intenti tra le due Regioni e, nell’ambito del turismo identitario e sostenibile, si profila in grado di offrire grandi opportunità che possono essere colte soprattutto se ci sarà la migliore e più attenta collaborazione da parte dei privati”. Il prodotto turistico è in dimensione di proposta di viaggio a misura d’uomo, su ritmi lenti, fatto di spostamenti in treno oppure in sella a una bici lungo l’antica via Faentina o, ancora, a piedi attraverso uno dei tanti percorsi di trekking tra i territori provinciali ravennate e fiorentino. Tra gli strumenti promozionali di cui si avvarrà sono previsti una brochure turistica e un sito web responsive, oltre ad altre forme di promozione e comunicazione offline e online. Sette i comuni toccati dal percorso, con le loro testimonianze del passato, la loro identità e tradizione e il legame con Dante: Firenze, Scarperia e San Piero, Borgo San Lorenzo, Marradi, Brisighella, Faenza e Ravenna. Un’esperienza di viaggio unica, tra antichi palazzi, pievi romaniche, piccoli borghi, musei e biblioteche, botteghe artigiane e una natura incontaminata. A partire dalla Bit di Milano dello scorso aprile, tra le prime azioni del neonato Progetto è stata pubblicata una pratica cartina con immagini che descrivono, dopo una breve introduzione, per ognuna delle sette tappe, i luoghi da non perdere, con indicazione dei siti internet e i recapiti dei relativi uffici turistici per eventuali approfondimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento