Liceo artistico Torricelli-Ballardini: inclusione e intercultura in un murales inedito

Nel mese di maggio gli alunni della 4 BA, guidati dal prof. Luigi Abate, hanno espresso la loro creatività tramite un murales di proporzioni notevoli, che ha come nodo tematico l'immigrazione, un tema di grande attualità.

Il Liceo Artistico faentino rilegge le esperienze elaborate nel corso di questo anno scolastico appena concluso e riflette sui delicati rapporti tra i processi di inclusione e le espressioni artistiche maturate.

I percorsi formativi sono stati certamente pieni e hanno coinvolto gli alunni nello sviluppo delle loro potenzialità, tanto intellettive quanto affettive. Non sono mancati momenti di grande coinvolgimento, come il caso della realizzazione di un'opera d'arte di proporzioni monumentali all'interno dell'edificio consacrato alla produzione ceramica un secolo fa da Gaetano Ballardini, quale fucina di maestranze preparate culturalmente e professionalmente a rispondere alle istanze artistiche e culturali del territorio, con generazioni di artisti orientati agli studi d'arte e alle botteghe artigiane, oltre che a quelli più propriamente tecnologici, sin dal 1920 sintonizzati con la grande industria ceramica che cominciava a svilupparsi in Italia, dalla metà del secolo XX in poi principale polo produttivo del mondo di ceramiche per l'edilizia.

Nel mese di maggio gli alunni della 4 BA, guidati dal prof. Luigi Abate, hanno espresso la loro creatività tramite un murales di proporzioni notevoli, che ha come nodo tematico l'immigrazione, un tema di grande attualità politica e drammaticità sociale riletto nella prospettiva didattica ed educativa del confronto interculturale e dell'inclusione sociale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giovani protagonisti di questo capolavoro sono stati guidati in uno studio delicato sulle caratteristiche storiche dei flussi migratori, permettendo così di mettere nella giusta prospettiva, sociale e culturale, prima ancora della ricerca artistica, la questione poliedrica dell'unicità e della pluralità delle identità dei gruppi e delle società che costituiscono l'umanità, della diversità e del pluralismo quale patrimonio comune dell'umanità. Il patrimonio culturale è fonte principale della creatività e puntuali lezioni teoriche sulla street art sono confluite nella realizzazione di un'opera inedita, collocata sulle porte di quattro piccoli locali sul terrazzo del Liceo di viale Baccarini, a sottolineare e incoraggiare la creatività in tutta la sua diversità, ispirando un dialogo autentico tra culture.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Coronavirus, la nuova fotografia dei contagiati: undici sono in isolamento domiciliare

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento