Giovedì, 28 Ottobre 2021
Eventi Lugo

Tre spettacoli in scena: "Lugo Music Fest 1.0" accende i riflettori

L’ingresso è a offerta libera e alla fine di ogni spettacolo ci sarà un drink o un buffet offerto da Lug dla Rumàgna. Per informazioni è possibile scrivere all’indirizzo email lugomusicfest@gmail.com

Si chiama “Lugo Music Fest 1.0” il progetto musicale che porterà in scena tre spettacoli diversi tra marzo, aprile e maggio nell’aula magna della scuola “Silvestro Gherardi”, in via Taroni 4 a Lugo. Il festival, curato dal direttore artistico Matteo Penazzi, dà vita a esperienze d’arte istantanea tra musica, danza e mostre d’arte, attraverso una stagione concertistica che valorizza i musicisti del territorio e li mette in sinergia con altri da tutta Italia e da tutta Europa: saranno studenti e concertisti internazionali a suonare insieme sullo stesso palco per un vero e proprio Festival di tutte le generazioni di musicisti, pensato per il pubblico di ogni genere, i giovani e tutti i cittadini.

“Questo progetto nasce con l'idea di aprirsi alle collaborazioni - ha dichiarato il sindaco Davide Ranalli -. Questo è un processo che, a partire dalla giusta umiltà dell'Amministrazione comunale, ci porta a invitare tutta la città a portare il proprio contributo di idee e la voglia di promuovere i giovani e le loro iniziative”.
 
“Siamo davanti a un progetto che vede coinvolti principalmente i giovani della nostra città - ha sottolineato l’assessore alla CulturaAnna Giulia Gallegati -. Un progetto di qualità che può contribuire concretamente alla crescita culturale e all'amore per la musica. La grande collaborazione che è scaturita attorno a questa iniziativa dimostra l'attenzione che il territorio pone ai giovani e la musica”.

“Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile la realizzazione di questo festival - ha dichiarato il direttore artistico Matteo Penazzi -. Per questa prima esperienza abbiamo un programma che parte dall'Andalusia per finire a New York. L'aula magna della scuola Gherardi è il luogo ideale, poiché è la scuola a far nascere la voglia del ‘bello’ nei giovani”. Emanuela Pinchiorri Faccani e Massimo Santandrea, a nome dei club lughesi Lions e Rotary, si sono congratulati con i giovani che hanno realizzato il festival, sottolineando l’alto valore educativo e sociale della musica.

Sabato 11 marzo alle 21 è previsto il primo appuntamento, “Gitani e Bohémiens”, con la partecipazione dei solisti dell’Accademia internazionale di Imola, della scuola comunale di musica “Malerbi”, dell’ensemble di flauti “Petit Orgue” (ex allievi dell’istituto Gherardi) e di Alquimia Flamenca. Saliranno sul palco: Alessandro Kobler (pianoforte), Paola Cigna (soprano), Cristina Papini (violino), Klest Kripa (violino), Spiros Maresca (chitarra flamenca), Monica Argnani (baile), Paolo Baldoni (cajon), Matteo Penazzi (violino), Luigi Moscatello (pianoforte). Musiche di Bizet, De Sarasate, Puccini, Scarlatti e Bach per uno spettacolo di danza e musica tra Siviglia e Parigi.

Sabato 22 aprile alle 18 arrivano “Le otto stagioni - da Venezia a Buenos Aires” con i solisti e l’Ensemble dell’Accademia internazionale di Imola e l’orchestra “Amici della scuola e della musica”. Il capolavoro del genio italiano di Vivaldi si unisce al suono latino di Astor Piazzolla per ascoltare tutto il ritmo delle stagioni insieme allo stupore per le meraviglie della natura che cambia davanti ai nostri occhi.

L’ultimo spettacolo, “Broadway Jazz Quartet - New York 1929”, è in programma sabato 13 maggio alle 21 e vedrà protagonisti Pietro Beltrani (pianoforte), Stefano Borghi (clarinetto), Lucio Corenzi (contrabbasso) e Andrea Grillini (batteria), con la partecipazione dell’ensemble della scuola di musica “Malerbi”. Direttamente dal palco di Broadway le musiche di Gershwin, Bernstein e Loewe faranno rivivere le melodie più belle dei musical di tutti i tempi, da “Rhapsody in Blue” a “Somewhere”, da “Un americano a Parigi” a “Tonight”.

L’ingresso è a offerta libera e alla fine di ogni spettacolo ci sarà un drink o un buffet offerto da Lug dla Rumàgna. Per informazioni è possibile scrivere all’indirizzo email lugomusicfest@gmail.com. L’iniziativa è promossa dall’associazione culturale “Amici della scuola e della musica” e dal Dipartimento d’archi dell’Accademia pianistica internazionale di Imola “Incontri col Maestro” e gode del patrocinio del Comune di Lugo; è realizzata in collaborazione con la scuola comunale di musica “Giuseppe e Luigi Malerbi”, con il contributo del Comune di Lugo, Leone srl, Lions club, Rotary Club, Lug dla Rumàgna, AMevents, ricevitoria Angolo della fortuna.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre spettacoli in scena: "Lugo Music Fest 1.0" accende i riflettori

RavennaToday è in caricamento